Vota questo articolo
(0 Voti)

Il 2019 è l'anno del turismo lento quindi... pedaliamo di più!

Anno del turismo lento 2019 lifeintravel.it
Anno del Signore 2019. Sono appena iniziati 365 nuovi giorni che sono stati definiti anno del turismo lento dall'ormai ex ministro Franceschini... ma cosa significa?
Il turismo lento è un modo di vivere il viaggio rispettando quello che ci circonda, cercando di non avere un impatto negativo sul territorio... il tutto a bassa velocità. Un esempio pratico? Mangiare a km 0 sostenendo le aziende locali, acquistare prodotti realizzati dagli artigiani del luogo, rispettare l'ambiente, sostenere l'economia del paese che si visita, consumare meno plastica possibile e praticare (e promuovere!) la raccolta diferenziata e, soprattutto, viaggiare in bicicletta o a piedi per non produrre inquinamento...
 
 
Il 2016 è stato l'anno dei cammini, il 2017 quello dei borghi, il 2018 ha visto dominare il cibo ed ora tocca al turismo lento. Chi ha già provato la magnifica esperienza di un viaggio in bici, oltre a non poterne più fare a meno, sa bene cosa significhi scoprire i luoghi lentamente, fermarsi a scambiare due parole con un contadino, acquistare una frittella appena preparata da una sgnora del paese o, semplicemente, fermarsi ogni due pedalate ad osservare le bellezze del mondo che ci circonda. lungolago comoQuesto 2019, anno del turismo lento, deve essere per ognuno di noi l'occasione per viaggiare in bici e pedalare ancora di più. Perchè la bicicletta è un mezzo sano, che aiuta a creare una grande empatia con chi si incontra  sulla propria strada e regala momenti unici e indimenticabili. Nel 2019 quindi non mancheranno tanti eventi a sostegno dei viaggiatori lenti che percorrono il mondo senza fretta guardando la Natura con occhi pieni di stupore e meraviglia. Gli scarponi, la bici, il cavallo... tutti mezzi che hanno come comun denominatore la bassa velocità e di conseguenza l'armonia totale con il paesaggio in cui ci si immerge.  Come spesso sono solita dire, viaggiare in bicicletta è un lusso che ti permette di vivere un territorio, non attraversarlo!pedalando lungomare

Noi (ciclo)viaggiatori cosa possiamo fare per essere lenti e sostenibili?

  • Fai qualche chilometro in meno in auto, qualcuno in più in bicicletta o a piedi: gli incontri che cambiano la vita ci aspettano dietro l'angolo
  • Sostieni le attività locali e gli artigiani che portano avanti la tradizioni con passione e, tante volte purtroppo, fatica
  • Cerca di evitare l'acquisto di oggetti contenuti in bottiglie o contenitori di plastica perchè, ad oggi, solo una piccola parte della plastica prodotta viene riciclata e la nostra Terra è satura. Inoltre , se pensi per esempio all'acqua in bottiglia, spesso viene lasciata per giorni sotto il sole prima di essere venduta nei market. Cerca sempre fontane, sorgenti o chiedi di poter riempire una borraccia nei bar... difficilmente ti verrà negato!
  • Porta sempre con te i rifiuti che produci (a volte, se hai la possibilità, recupera anche quelli degli altri) e smaltiscili negli appositi contenitori
  • Pedala e visita i borghi autentici, quelli che profumano di antico e di vero
  • Osserva, stupisciti, scatta tante fotografie, fai video, ma lascia nell'ambiente fiori, piante e animali
  • Sorridi più che puoi e, in caso di bisogno o necessità, ti verranno aperte porte e portoni
  • Pedala e assapora il viaggio in ogni suo istante: viaggiare arricchisce la nostra esietenza
Buon anno del turismo lento a tutti! Che sia ricco di viaggi e di rallentamenti!
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

{/source}
 

               

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
 

Contenuti recenti

 
Torna su