Viaggio in bici nella Pianura Lombarda: da Brembate a Urgnano | 2° tappa

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sveglia presto ma non troppo, colazione abbondante, voglia di pedalare e scoprire altri luoghi reconditi di questa Pianura lombarda in bicicletta, ok gli ingredienti ci sono tutti!!! Da Brembate, in pochi giri di ruota, ci troviamo nuovamente a Crespi d'Adda che, ancora addormentata, appare silenziosa ed immobile! "Beviamo un caffè?!?" "Ma come? Siamo appena partiti!" Il bar chiuso decreta che è ancora presto per ingurgitare altro liquido nero... la giornata sarà molto lunga...
Un ultimo cenno di saluto al villaggio operaio di Crespi d'Adda e torniamo indietro di qualche chilometro sulle nostre pedalate di ieri oltre il punto in cui anche il Villoresi si getta nella Martesana per diventare, in poche centinaia di metri, acqua dell'Adda. Dal parco del Pignone, due ponti ci permettono di attraversare il fiume originario delle Alpi Retiche e ritrovarci nel paese di Fara Gera d'Adda, un altro vecchio baluardo del settore tessile lombardo... ormai forse tramontato!
 

Treviglio e Caravaggio, in bici nella provincia di Bergamo

 
Nella pianura lombarda ci è capitato spesso di ritrovarci in zone quasi esclusivamente dedite all'agricoltura dove la presenza umana non è poi così massiccia: in queste situazioni, tra cascinali e campi coltivati a perdita d'occhio, lunghe chiacchierate e pause fotografiche hanno animato la nostra pedalata. Da Fara Gera d'Adda seguiamo Via Treviglio fino alla cascina Tolgati/S. Andrea dove svoltiamo bruscamente a destra in direzione di Badalasco. A Treviglio decidiamo di non sostare ma tiriamo dritto fino a Caravaggio, il paese bergamasco dove il famoso pittore Michelangelo Merisi, in arte il Caravaggio, visse per diverso tempo (i genitori dell'artista erano nativi proprio del luogo!). Nel borgo è da poco terminata un'esposizione sulla bicicletta e su un muro del centro storico sono esposte diverse fotografie che ritraggono alcuni abitanti raccontandone le gesta sulle due ruote. L'immagine che più colpisce è quella di Pino che a più di 70 anni ha affrontato la strada da casa fino a Gerusalemme sulla sua bicicletta!
Brindisi al cas...
Urgnano
Parco ed agrico...
Passaggio tecni...
Guado
Incontri... in ...
 

Chi di cantiere ferisce...

 
La pausa pranzo nel paese della bassa bergamasca non dura molto: il tempo passa in fretta e noi dobbiamo raggiungere il castello Albani di Urgnano per un giro fra i suoi segreti. Dopo Caravaggio cii avviciniamo a grandi falcate al Parco del fiume Serio ma nei piani del nostro viaggio in bici non avevamo fatto i conti con il cantiere della BreBeMi. Enorme, innaturale, caotico... restiamo per qualche minuto disorientati e smarriamo la retta via. Respiriamo polvere, non sappiamo da che parte fuggire! Finalmente la ciclovia dei tre fiumi riappare davanti al nostro manubrio: barcollando, ripartiamo felici verso nuove avventure! Il fiume Serio si trova poco distante dal cantiere e, lungo la sua riva orografica sinistra è presente un percorso sterrato che costeggia per un bel tratto il corso d'acqua. Ci troviamo nel parco di questo fiume e pensiamo sia davvero strano che una roulotte sosti da queste parti. Due cani alle nostre spalle abbaiano, noi non capiamo ma quello è il segnale stabilito. Un uomo brizzolato con la pelle bruciata dal sole scende immediatamente dalla roulotte e si avvicina a noi sospettoso. Ci saluta, libera i cani ed inizia a passeggiare lungo il sentiero senza più curarsi della nostra presenza. Il suo nome è Luca ed è un pastore: da pochi giorni ha iniziato la transumanza e, lentamente, sta conducendo i suoi 700 capi verso la Val Seriana e le sue montagne. Incuriositi lo tempestiamo di domande alle quali risponde con grande piacere. Luca riesce a vivere con le sue pecore ed i suoi agnelli. La maggior parte dei suoi clienti è musulmana e compra gli animali per negozi o uso privato...
 
Fontanile
Scorciatoia nel...
Due ruote e... ...
La triade in bi...
Alberto offroad
Incontro con Lu...
 

Dal pastore ai castellani della Pianura Lombarda...

 
L'incontro con Luca mi ha davvero confortato: in un'Italia in crisi c'è ancora qualcuno che con un lavoro genuino, a contatto con la Natura, riesce a vivere bene. Certo, la vita del pastore non è mica uno scherzo: si cammina tanto, si sta lontani da casa, si dorme in roulotte... ma non si ha di certo lo stress della maggio parte delle professioni. Peccato non essersi potuti fermare più tempo con il nostro interlocutore: ne avremmo scoperte senza dubbio delle belle! Il nostro percorso ciclabile continua ad inoltrarsi nel verde-dorato dei campi: single track tecnici, un guado, la scoperta di due fontanili ed altri incontri in bicicletta... rendono indimenticabile la giornata! Giungiamo al castello Albani di Urgnano proprio quando il cielo comincia ad annuvolarsi minaccioso. Un giovane custode del monumento e la sua donzella ci accolgono, a dir la verità neanche troppo allegri di doverci mostrare la "loro dimora". Il maniero potrebbe essere un interessante monumento storico, ma lo stato di conservazione di certe stanze lascia un pochino a desiderare. D'altra parte, gli affreschi e la bella vista dalla torre su Urgnano sono assolutamente un must. Inizia a tuonare e, senza farcelo ripetere due volte, inforchiamo le nostre biciclette per correre al riparo lasciandoci il castello Albani alle spalle... stasera ci fermeremo qui in paese ma domani il nostro cammino in bicicletta sarà un'altra avventura!
 
Anfibio in una ...
Parco del Serio
Cantiere Brebem...
Si pedala su st...
Campi dorati
Ponte sull'Adda
 
Cosa vedere... in pillole: scoprire in bici la pianura padana è una possibilità davvero unica. Lungo questa 2° tappa da Brembate a Urgnano siamo passati dal bel borgo di Fara Gera d'Adda affacciata sul fiume, dal parco del Serio, ideale per pedalare e camminare, ma anche per il birdwatching. Da vedere anche il castello Albani di Urgnano e i paesaggi rurali della pianura bergamasca.
Dove mangiare: lungo il percorso in bici ci si può fermare per uno spuntino in uno dei tanti barettini o trattorie nei paesi. Assaggiate i prodotti tipici bergamaschi, soprattutto i casoncelli del Marcellino, pane e vino di Urgnano. Non dimenticate di sorseggiare un bicchiere di buon Val Calepio doc.
Dove dormire: noi abbiamo dormito presso il Residence Dulcis in Fundo situato ad Urgnano. Appartamenti spaziosi, wifi gratuita e accoglienza gentile.
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×