Via Francigena in bicicletta: da Londra alla Toscana

Pubblicato in Viaggi
Vota questo articolo
(2 Voti)
La parola Champagne richiama cene romantiche a lume di candela, oppure cerimonie eleganti, o magari momenti speciali a cui brindare... Allora che ci faccio in un Centro di Igiene Mentale in questa zona della campagna francese resa famosa in tutto il mondo dal pregiato vino con le bollicine? E perchè mi ritrovo a far la coda per la mensa in compagnia di tanti amici per così dire... originali? Beh, probabilmente, considerato la mia ricerca talvolta esasperata di sempre nuove avventure ed esperienze in lungo e in largo per il mondo, e la mia naturale idiosincrasia verso l'ordinario, il conformismo, la sicurezza del già visto, vissuto, organizzato, probabilmente dicevo, questo è il posto più consono per me in questo momento...
Tutto è cominciato da Londra circa 10 giorni fa. O forse un po' di mesi prima quando ho deciso di percorrere il pezzo che mi mancava di Via Francigena in bicicletta, cioè quello da Canterbury a Camaiore in Toscana ( da qui 2 anni fa avevo già fatto in solitaria il resto fino a Roma, ma questa è un'altra storia... ). Sono solo poco più di 2 mesi invece che conosco Jane, studentessa Cinese, in Italia da circa un anno per un corso di pittura, e totalmente inesperta di montagna, outdoor, avventura e soprattutto... bicicletta!percorso via francigena
Le ho offerto di accompagnarmi per scherzo, aspettandomi un rifiuto educato oppure una risatina compassionevole come fanno tutti... e invece lei ha accettato! Probabilmente all'epoca senza capire bene a cosa andasse incontro e quali fossero tutte le difficoltà di un viaggio del genere per un principiante assoluto.bici imballate londra
In breve tempo ha comprato la sua prima bicicletta e tutta l'attrezzatura base e ha cominciato un piccolo piano di allenamento per affrontare un po' meglio per lo meno l'aspetto fisico, se non quello tecnico e di equipaggiamento che un tale viaggio in bici richiede. In realtà col tempo ha cominciato a capire che probabilmente aveva un po' sottovalutato la cosa e soprattutto che intraprendere una tale avventura con qualcuno che si conosce da così poco tempo, potrebbe essere un bel salto nel buio... E di questo anch'io ho cominciato a preoccuparmi sul serio...
Invece, dopo la prima settimana un pò traumatica, alla fine tutto è andato nel migliore dei modi e questa è l'ennesima dimostrazione che con la volontà si può raggiungere qualsiasi risultato (quasi ). Ovviamente ho dovuto dare una regolata a quello che sarebbe stato il mio chilometraggio normale ed il mio stile di viaggio, ma alla fine, ci siamo pedalati insieme 1700 km, di cui buona parte sterrati e sentieri, cercando di seguire il più possibile il percorso ufficiale dei pellegrini a piedi anche se sensibilmente più lungo e faticoso della via asfaltata più diretta.
 pilgrim cycle trail
Abbiamo pedalato tutti i giorni, a parte uno a Besancon in cui, dopo la rottura del cambio, abbiamo dovuto aspettare l'arrivo del pezzo nuovo. Il percorso della Via Francigena in Inghilterra e in Francia è generalmente ondulato e con piccoli ma continui dislivelli, talvolta molto bruschi. La difficoltà spesso però è data dopo la pioggia dalla presenza di fango argilloso che rende difficile la progressione nei tratti fuori strada.
Partiti da Londra, ci siamo pedalati subito i primi 100 km di Pilgrim Way, l'antica via che facevano già nel Medioevo i pellegrini per recarsi a Canterbury, vero inizio ufficiale della Via Francigena. Da Roma infatti, nel 990, l'arcivescovo Sigerico descrisse e annotò in 79 tappe il suo viaggio di ritorno verso la cattedrale di Canterbury. Da allora queste tappe e questo percorso sono serviti di riferimento per i pellegrini che in seguito decisero di seguirne le orme.bici perfetta
Attraversiamo quindi campagne eleganti e sconfinate praterie tagliate "all'inglese", luoghi dove non è difficile immaginarsi nobili a cavallo praticare la caccia alla volpe. Nell'imponente cattedrale di Canterbury riceviamo personalmente la benedizione ufficiale del parroco con tanto di imposizione della mano sulle teste... e finalmente da qui parte la Via Francigena vera e propria.
Arrivati al porto di Dover, incorniciata dalle famose "bianche scogliere", prendiamo il traghetto e attraversiamo La Manica fino a Calais.
Ora siamo in Francia, da qui in poi solo bici, nessun altro sgarro alla regola! La campagna francese è meno "precisina" di quella inglese ma non meno affascinate. In molti tratti del percorso non si incontra una persona, una casa, un bar. Ci si trova a pedalare per ore e ore in un deserto agricolo, circondati solo da rotoballe e campi sconfinati.costa francese
Anche il tempo sembra sospeso e per giorni e giorni non si può fare affidamento nemmeno su eventuali negozi di biciclette, quindi l'unica possibilità è incrociare le dita e continuare a pedalare, sperando che il piccolo kit di strumenti che ci portiamo dietro sia sufficiente a riparare i problemi meccanici più comuni. Arrivati nello Champagne, i campi di grano lasciano il posto a vigne immense, geometrie di filari che ricordano quelli che siamo abituati a vedere anche nella mia Toscana. Qui finalmente ci concediamo un paio di meritati brindisi, i pellegrini moderni non sempre devono vestire il cilicio.libert e bicicletta
Con la Svizzera sono arrivate le montagne e le vere salite, che hanno culminato con quella fino ai 2470 m di altezza del Passo del Gran San Bernardo, dove un ospizio storico e caratteristico offre da secoli ospitalità ai viandanti. Arrivati in Italia, dove molti cominciano la loro Francigena fino a Roma ( questo tratto della VF è infatti ben più frequentato del precedente...), per noi è invece subentrata la malinconia del viaggio che sta finendo, anche se mancano ancora centinaia di chilometri prima di arrivare all'effettivo termine. passo gran san bernardoQui comunque il paesaggio cambia continuamente, si passa dalle montagne e i castelli della Valle d'Aosta alle piatte risaie e i cascinali della pianura padana. E infine l'Appennino che comincia a profumare di casa.
 
Il tempo durante il viaggio in bici è stato spesso nuvoloso e non troppo caldo, quindi ottimo per pedalare, altre volte la pioggia battente ci ha costretto a cercare riparo sotto qualche tettoia ( queste situazioni sono comunque sempre divertenti, anche perchè spesso abbiamo approfittato dell'invito della gente del posto che, nel vederci bagnati e infreddoliti, ci offriva un thè o comunque un riparo al caldo nelle loro case).
 relax via francigena
Ho volutamente evitato di portare la tenda, che talvolta mi ha accompagnato in passato nelle mie scorribande nel mondo. Questo perchè, nello stile del pellegrinaggio classico, volevo approfittare il più possibile di ostelli, parrocchie, conventi e strutture municipali convenzionate con la Via Francigena che in genere, memore dei precedenti Cammini verso Santiago, sono i luoghi dove più si può socializzare con altri pellegrini o comunque si riesce ad avere uno scambio culturale che rende questa esperienza un po' diversa dal semplice trekking in autonomia o campeggio solitario on the road. Ogni tanto abbiamo anche approfittato della gentile ospitalità della gente del posto, utilizzando il Couchsurfing oppure la rete degli amici della VF. nebbia sulla cisaDa segnalare per esempio l'ostello di Tugny-et-Pont, un'isola di salvezza nel nulla, aperto solo di recente.
Pieno di stranezze e oggetti dai richiami esoterici e pagani, una specie di casa delle fiabe, un luogo al di fuori del tempo e dello spazio... e poi il consiglio più grosso è quello di cui parlavo all'inizio, il Centro di Igiene Mentale di Le Miex Tiercelin che in alcuni periodi dell'anno offre anche ospitalità ai pellegrini, dandogli inoltre la possibilità di condividere la cena e la colazione con le persone in cura nella struttura. ...un modo come un altro per chiarirsi le idee sulla prossima pedalta oppure chissà, confondersele definitivamente!
vigneti
via-francigena-...
via-francigena-...
via-francigena-...
verso-casa-cama...
sterrati-via-fr...
ruderi-via-fran...
riparazione
relax-via-franc...
regione-champag...
pilgrim-cycle-t...
percorso-via-fr...
pedalando-nella...
passo-gran-san-...
nebbia-sulla-ci...
monumento-coron...
monumento-al-pe...
lungo-la-via-fr...
lungo-il-fiume
londra-camaiore
london-bridge
libert-e-bicicl...
italia-in-bici
italia-arriviam...
into-the-wood-v...
indicazioni
francigena-sviz...
francia-via-fra...
dover-castello
costa-francese
confine-italian...
case-inglesi
cartello-via-fr...
campagna-ingles...
campagna-france...
biciclette-fior...
bici-perfetta
bici-imballate-...
Se vuoi vedere le altre immagini dell'avventura di Jane e Lorenzo sulla Via Francigena in bicicletta, le trovi sulla loro pagina google plus, fatti ispirare!
Via Francigena in bicicletta: da Londra alla Toscana - 4.5 out of 5 based on 2 votes
Lorenzo e Jane

Jane Wang: nata a Xian (Cina ), da 20 anni lavora come manager tra Hong Kong e Parigi per note case di moda, pittrice per hobby, di recente sta cercando di capire come lavorare di meno e viaggiare di più. E non è la sola.
Lorenzo Celandroni: Toscano, cacciatore di emozioni, viaggiatore ossessivo-compulsivo, scorrazza in mountain bike da più di 20 anni, e gira per le montagne e per i mari del mondo da più di 30.

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 francesco guerriero 2017-03-10 22:27
Complimenti per la tua tenacia. Sogno anch'io un'avventura come la tua a Canterbury!! Partirei da Aosta e poi ritornerei coi mezzi se trovo un compagno/a spero di farcela!!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×