Valle d'Itria in bicicletta: il giro delle masserie

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Quanti trulli! Questa è la prima affermazione di un cicloviaggiatore che si appresta a varcare le porte della Valle d'Itria in bicicletta, l'area geografica compresa tra Martina Franca, Cisternino e Locorotondo. Questa zona della Puglia, come un orto fertile in piena estate, è punteggiata da decine di masserie, storiche e più recenti, dove si promuovono i prodotti della terra, la qualità della vita e il territorio unico della Valle d'Itria.

Mappa

 
 

Muretti a secco e antichi trulli

I palazzi barocchi del centro storico di Martina Franca (segni particolari: 431 m di altitudine e bei panorami sulla Valle d'Itria) sono un ottimo punto di partenza per l'itinerario in bicicletta attraverso le masserie dei dintorni. Pedalando lungo strade secondarie e poco trafficate si esce dalla cittadina immergendosi nei paesaggi della Valle d'Itria. Fichi d'india, querce, timo selvatico, i profumi inebriano lo spirito, i muretti a secco delimitano le strade già percorse da secoli e accompagnano all'ingresso delle masserie.
muretti a secco
Alcuni muretti a secco sono stati costruiti decenni fa e, proprio come i trulli, resistendo alle intemperie, ai venti, ai cambiamenti imposti dall'uomo all'ambiente, sono giunti intatti ai giorni nostri. Pedalando in direzione della Masseria Madonna dell'Arco dopo un paio di leggeri saliscendi, appare all'orizzonte la suggestiva Locorotondo (conosciuta come u Curdúnne in dialetto barese) che, dai suoi 410 metri, domina le campagne circostanti. Inserita da qualche anno tra i borghi più belli d'Italia, Locorotondo è chiamata così per la forma particolarmente "tondeggiante" del suo centro storico. masseria trulli valle d itria biciLa vista gode dei colori della Puglia: il marrone intenso della terra è spezzato solo da ordinate macchie gialle di fiori primaverili e anticipa l'argentea vibrazione delle foglie d'ulivo al vento, un vero tripudio di stimoli per chi viaggia a due ruote.

Quell'intenso sapore di mozzarella...

La vera mozzarella pugliese si deve degustare appena fatta, calda e profumata e alla Masseria Madonna dell'Arco lo sanno bene visto che la producono tutti i giorni con estrema maestria.  E' questione di pochi secondi e il pezzo di mozzarella viene tolto dall'acqua a 90° per essere intrecciato. Tra i prodotti tipici della Valle d'Itria non ci sono però solo le mozzarelle: focaccia, salumi, orecchiette... tutto stuzzica l'appetito soprattutto dopo un giro in bicicletta.
produzione mozzarelle
Il tracciato prosegue verso Locorotondo salendo dolcemente e scendendo nuovamente. Dal tetto panoramico della Masseria Aprile, dove è anche possibile pernottare, il paesaggio è davvero ammaliante: Locorotondo è il protagonista principale del quadro con le sue case bianche e la sua geometria unica, tutt'intorno ulivi, vigneti, quercie e prati in veste primaverile creano una cornice indimenticabile.

A due pedalate da Locorotondo

L'itinerario ciclabile corre tra i muretti a secco, i confini di proprietà, regalando viste mozzafiato e la possibilità di respirare un po' di Puglia autentica.
panorama su locorotondo
Se hai tempo e un minimo di allenamento, dalla rotonda poco oltre la Masseria Aprile, potrai cimentarti nell'ascesa al paese per visitarne il centro storico, le numerose chiese, la torre dell'orologio e l'ecomuseo della Valle d'Itria. Noi, dopo un giro completo della rotonda in onore di Locorotondo, abbiamo deviato sulla destra seguendo le indicazioni per Cisternino e l'itinerario ciclabile numero 3 della Valle d'Itria (segnaletica marrone).
itinerario ciclabile valle d itria
Alcuni trulli manifestano una certa insofferenza al tempo passato, altri sono stati ristrutturati di recente e profumano di fresco e intanto, tra un pensiero e un altro, lo sguardo può spaziare in tutte le direzioni mentre si continua a pedalare verso il punto di arrivo dell'itinerario ciclabile. Un ultima salita, forse più impegnativa delle altre, per raggiungere la parte più alta della Valle d'Itria e Martina Franca.
Il sole scompare lento ma inesorabile all'orizzonte e noi ci accingiamo a parcheggiare la bicicletta in attesa di un nuovo percorso da scoprire.

I trulli della Puglia

Quando si parla di trulli (o caseddə in Valle d'Itria) non si può che pensare alla Puglia, la regione dello stivale d'Italia. I più antichi esemplari di questi particolari edifici a pianta rotonda risalgono al XVI secolo ma si crede che anche prima  venissero utilizzate costruzioni del genere. La maestria e la precisione con cui, nel corso degli anni, si è imparato ad erigere questi strabilianti "monumenti al territorio" è ormai leggendaria sebbene negli ultimi decenni purtroppo, questa particolare abilità sia diventata ricchezza di pochi trullari. Sinuosi e puliti nelle forme, i trulli sono da sempre costruiti con le pietre dei campi utilizzando il metodo della muratura a secco. Composti generalmente da tre strati di materiale hanno la peculiarità di isolare l'ambiente interno dal caldo soffocante estivo e dal freddo invernale anche se la tecnica di costruzione con muri spessi riduce notevolmente lo spazio fruibile. Nella Valle d'Itria esistono innumerevoli esempi di trulli restaurati o originali e carpire i segreti della struttura non è affatto facile...
masseria aprile
Se torni a Martina Franca in orario di punta, presta massima attenzione al traffico e procurati un frontalino o una luce da bicicletta per essere più visibile anche agli altri utenti della strada.
Il Gal della Valle d'Itria mette a disposizione gratuitamente una mappa dei tre comuni con strade secondarie, itinerari ciclabili e sterrati da seguire in bicicletta. Puoi scaricare la cartoguida sul sito ufficiale del Gruppo Azione Locale
Per organizzare il tuo viaggio in bicicletta attraverso la Valle d'Itria, per conoscere i luoghi tipici e più caratteristici puoi anche rivolgerti al simpatico Fanio di cyclingpuglia.it e imparare ad amare questa terra con chi ci vive e la vive tutti i giorni!
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×