Val Venosta: dal Passo Resia a ritroso con furore

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(2 Voti)
Etichettato sotto
Superiamo di buon'ora il casello austostradale di Bolzano sud e proseguiamo in direzione di Merano dove acquisteremo un po' di pane nero ai cereali per i due giorni di svago in Val Venosta: vogliamo raggiungere il Passo Resia e poi tornare indietro lentamente, godendoci gli edifici innevati, il silenzio e le... dita congelate delle mani senza guanti... nooo i guanti!!! Li abbiamo dimenticati e ce ne accorgiamo solo all'altezza di Merano, ma ormai non si torna più indietro... Le cime delle montagne che costeggiano la valle dell'Adige sono imbiancate e la temperatura ondeggia fra i 3 e i 7 gradi, il cielo è plumbeo e la giornata non si prospetta fra le migliori per praticare un po' la fotografia paesaggistica, ma l'ottimismo ci accompagnerà ugualmente dall'inizio alla fine della due giorni in questo mese di gennaio! La SS38 sfiora l'abitato di Lana e quello di Merano per poi entrare bruscamente nella valle delle mele Marlene, la Val Venosta che inizia con il paese di Castelbello e termina con il comune di Curon Venosta ed il passo Resia (dove nasce il fiume Adige), confina con la regione Lombardia grazie al  passo dello Stelvio, con l'Austria e con la Svizzera. Forse il tempo ci concederà la possibilità di fare un trekking con le ciaspole ai piedi, oppure ci accontenteremo di una tazzona di cioccolata calda con panna in caso di nevicata improvvisa: siamo pronti a tutto!
Se vuoi scoprire il territorio in bicicletta ti consigliamo di leggere la descrizione della Pista ciclabile della Val Venosta dal passo Resia a Merano.
La nostra esplorazione della Val Venosta partirà al contrario, dall'ultimo comune e dal suo passo Resia con l'omonimo bacino artificiale che dal 1950, anno di costruzione della diga del lago di Resia, sommerse l'originario paese di Curon Venosta (poi ricostruito più in alto) lasciando ai posteri una delle attrazioni turistiche più visitate dell'Alto Adige, quella del campanile di pietra del vecchio paese che, quasi a memoria di quello che fu e che ora non esiste più, ancora oggi spunta nel bel mezzo dell'acqua. Lungo la strada ci imbattiamo negli insistenti voli acrobatici di una poiana in veste invernale che, con molta pazienza, riusciremo a fotografare in volo. Al lago, il più grande dell'Alto Adige, ci capiterà invece la fortuna di poter quasi sfiorare la torre campanaria incastonata perpendicolarmente nello strato di ghiaccio che in questo periodo lo ricopre completamente il lago. Nel cielo il sole si fa timidamente vedere per pochi istanti illuminando la superficie dello specchio d'acqua e riscaldandoci temporaneamente le mani.

Dal Passo Resia alla Val Slingia

Camminiamo fino al passo che divide l'Italia dall'Austria, il Passo Resia, ma non essendoci molto da osservare,decidiamo presto di continuare in auto da Burgusio verso la Val Slingia, una valletta laterale dell'Alta Val Venosta dove sono percorribili svariati percorsi escursionistici panoramici anche con le ciaspole di cui ci siamo muniti vista la stagione e la presenza di neve. Inizialmente l'idea era quella di raggiungere il rifugio Sesvenna fornito, almeno secondo le informazioni che ho recuperato prima della partenza, di locale invernale sempre aperto per ospitare gli escursionisti durante la notte, ma purtroppo ancora una volta le condizioni metereologiche e l'instabilità della neve con conseguente rischio valanghe di livello 4 (sui 5 livelli esistenti) condizioneranno le nostre scelte convincendoci a deviare la nostra ciaspolata in direzione della sicura e poco impervia cima del Monte dei Vitelli (non sono ancora convinta del nome di questa montagna consigliataci da un vecchietto sud tirolese proprietario di un negozio di attrezzatura sportiva di Slingia, ma in mancanza di altre informazioni attendibili, lo daremo per buono...). Dal paesino risaliamo il sentiero che inizia e si interseca con la pista da sci di fondo, camminiamo su un bel tracciato innevato sprofondando di tanto nella neve fresca nonostante le ciaspole ai piedi. Ė faticoso, ma divertente non riuscire a percorrere certi tratti per l'eccessiva presenza del manto bianco. Osserviamo numerose tracce di leprotti ma non riusciamo a scorgerne nemmeno uno in carne ed ossa, così dopo quasi due ore di lanci di palle di neve e cadute da Paperissima, ci accorgiamo che l'oscurità sta lentamente impadronendosi del cielo plumbeo e che forse è il caso di tornare indietro, verso l'abitato. Un thè caldo ed una fetta di torta sono indispensabili al ripristino delle nostre funzioni motorie scomparse per qualche minuto. Decidiamo di tornare giù in valle per spostarci in direzione di Malles dove passeremo la notte in maniera spartana e piuttosto tranquilla, aiutati dalla stanchezza accumulata in giornata e da un leggendario toccasana, un bel paio di birre.

Cartina Val Venosta

L'indomani con il cielo limpido sopra le nostre teste,ritorniamo a Burgusio (Burgeis) per dare un'occhiata alla cittadina e visitare poi una maestosa struttura religiosa che ha catturato la nostra attenzione il giorno precedente: si tratta dell'Abbazia benedettina di Monte Maria, fondata intorno all'anno 1200 dai conti di Tarasp e situata a 1340 m di altitudine, in posizione panoramica sulla valle (sembrerebbe essere l'abbazia benedettina più alta d'Europa!). Entriamo nel cortile interno attraverso un portale ad arco e ci soffermiamo ad osservare i particolari con cui è arricchito l'esterno dell'edificio come un interessante affresco nei pressi del portone d'ingresso alla Chiesa. Purtroppo non riusciremo ad entrare nel convento e nel vero e proprio edificio dell'abbazia benedettina di Monte Maria ma ci accontenteremo della divina veduta dalla terrazza panoramica esterna sulla cittadina di Burgeis, su Malles, sull'intera vallata sottostante e sui monti che incorniciano la val Venosta.

A Glorenza, uno dei borghi più belli d'Italia

Guidiamo lungo la SS40, superiamo Malles e decidiamo di sostare a Glorenza (Glurns), un borgo considerato fra i più belli d'Italia con appena 884 abitanti. Il paese è circondato da antiche mura interrotte solo da tre porte e da sette torri con cuspidi. Uscendo dalla porta a sud, visitiamo rapidamente la chiesa di San Pancrazio e poi costeggiamo l'Adige che qui è solo poco più grande di un torrente e le mura della cittadina fino ad immetterci sulla destra in un sentierino che si inoltra nella campagna per poi, dopo qualche centinaio di metri, rientrare in paese attraverso un altro accesso. Con porticati, case colorate con i balconi e le finestre colorate dai vasi di fiori, Glorenza è davvero uno fra le decine di borghi più belli d'Italia! Salutiamo Glorenza e ci avviamo in direzione di Sluderno (in tedesco Schluderns) e di Castel Coira. Castel Coira, maniero medievale del XIII secolo si staglia a monte dell'abitato di Sluderno ed è facilmente raggiungibile anche in automobile risalendo il vicolo Churburg (toponimo di Castel Coira in tedesco aperto dal 20/03 al 31/10). Castel Coira è conosciuto per custodire la più grande armeria privata europea. Intorno alla fortezza si snoda un sentiero che la costeggia da vicino permettendo agli avventori di ammirare esternamente ogni parte della struttura. Il giro è percorribile in circa 15/20 minuti e riporta al parcheggio posto appena al di sotto del portone d'ingresso. Estasiati dal castello e distratti dal bel paesaggio sulla valle, non pensiamo alle difficoltà in cui potremmo incorrere parcheggiando l'auto all'interno di un piazzale innevato che cela malignamente lastroni di ghiaccio sotto la soffice superficie e questo errore di valutazione ci costringerà a montare goffamente le catene per riprendere la marcia e uscire dalla trappola del parcheggio di castel Coira, beh anche questo fa parte dei possibili inconvenienti evitabilissimi in un'avventura! Per fortuna nessuno spettatore prende parte allo svolgimento dei fatti qui narrati e così riusciamo a risparmiarci delle risate sicure durante il montaggio delle catene datate 1850 e miracolosamente ancora funzionanti. Lasciata Sluderno, continuiamo a percorrere la valle a ritroso verso il capo e ci stupiamo delle molteplici valli che dipartono lateralmente fra gli scoscesi pendii garantendo agli escursionisti un ottimo banco di pratica, annotiamo nomi, caratteristiche dei luoghi e particolarità ripromettendoci di tornare al più presto per esplorare ancora meglio la zona, in particolar modo certe valli come la Val Senales che attira subito la mia attenzione incuriosendomi per l'asprezza del territorio adiacente e l'accesso davvero stretto. La valle è poi conosciuta principalmente per essere stata nel 1991 il luogo di ritrovamento della mummia Similaun. I paesaggi si susseguono togliendoci il fiato, soprattutto le panoramiche sul grande colosso montano di questa zona e di tutto il Trentino Alto Adige : l'Ortles con i suoi 3906 m.

L'ultima nostra sosta sarà presso l'immensa sede di produzione della birra Forst a Foresta (Forst) che consiglio di visitare sia per degustare qualche piatto del sudtirolo,ma soprattutto per la varietà e il gusto delle birre artigianali prodotte.

La giornata è finita  e si torna a casa, ma solo per qualche giorno perchè poi c'è nuovamente il weekend e si riprende a praticare la mia attività preferita: il girovagamento!!

Distanze indicative per raggiungere la Val Venosta:

  • Trento - Passo Resia 157km
  • Milano - Passo Resia 397km passando dal Trentino
  • Milano - Passo Resia 265km passando dalla Valtellina e dal Passo dello Stelvio
{phocagallery view=category|categoryid=93|displayname=1|displaydetail=0|imageshadow=shadow1}
Val Venosta: dal Passo Resia a ritroso con furore - 5.0 out of 5 based on 2 votes
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it
Altro in questa categoria: Visitare la Toscana in un weekend »

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 lali 2013-02-19 01:30
Già che conosci Slingia, meriti un plauso speciale!!! é uno dei nostri posti del cuore! Ti seguirò veronica...e che peccato scoprirlo solo ora, dopo che ci siamo strette la mano in BIT giovedì!!!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Vero 2013-02-19 13:10
Citazione:
Già che conosci Slingia, meriti un plauso speciale!!! é uno dei nostri posti del cuore! Ti seguirò veronica...e che peccato scoprirlo solo ora, dopo che ci siamo strette la mano in BIT giovedì!!!
Ciao Lali, grazie sei davvero gentile!!! ehehe conosco Slingia perchè... sono un po' avvantaggiata per la vicinanza a casa:)) spero riusciremo a rivederci, magari per una bella chiacchierata senza limiti di tempo:)))
a presto
Vero
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Lali 2013-02-19 14:18
Allora spero di venire a trovarti prestissmo verso casa...le tue montagne ci mancano infinitamente!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Vero 2013-02-20 09:00
Citazione:
Allora spero di venire a trovarti prestissmo verso casa...le tue montagne ci mancano infinitamente!
assolutamente si:)) ti/vi aspettiamo^_^ buona giornata!!!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito