Val di Fassa Bike 2015: una giornata da bisonte!

Pubblicato in Eventi
Vota questo articolo
(1 Vota)
Etichettato sotto
La fortuna ha sorriso agli organizzatori dell'ottava edizione della Val di Fassa bike che presentava un percorso inedito sul quale si sono testati bikers giunti un po' da tutta Italia. Fortuna perché la giornata è iniziata con il sole e si è chiusa con la pioggia, giunta però soltanto verso sera, quando tutti gli atleti avevano già tagliato il traguardo. Come si dice però, la fortuna aiuta gli audaci... e così è stato! Il nuovo tracciato è davvero tecnico e impegnativo ma la soddisfazione di portare a termine un percorso del genere vale tutta la fatica ed il sudore lasciato per strada... anche da chi, come me, pedala con ritmo da "bisonte".

Marathon o Classic, c'è comunque da sudare

Visto lo scarso allenamento di quest'anno, ho deciso di cimentarmi sul percorso più breve evitando la salita a Le Cune sul Lusia per conservare le forze e dedicarle alla seconda parte del percorso, per me del tutto inedita. Le salite, alla fine, sono state cinque. Tutte piuttosto brevi, ma al termine del tracciato si sono fatte sentire, dato che anche le discese non lasciavano respiro! Tanto di cappello dunque ai coraggiosi che alle nove del mattino sono partiti sul percorso Marathon per raggiungere località Le Cune a 2200 m di quota per poi seguire lo stesso tracciato di noi comuni mortali. Per loro circa 3000 m di dislivello, per noi mille in meno.
val di fassa bike 2015 partenza

La gara vista dai bisonti

Erano anni che non mi cimentavo in una Granfondo di MTB e la Val di Fassa bike è stata una piacevole riscoperta. Ho vissuto la gara con gli occhi dei bisonti, quelli che se la prendono con calma, che si salutano, che si fermano ai ristori per bere un po' di sali o mangiare qualche biscotto e un po' di frutta. Nella pancia del gruppo si condivide fatica e divertimento, sudore e risate, sole e fango. I primi chilometri si procede più o meno compatti, ci si sgrana sulla prima salita e lentamente le posizioni si stabilizzano. Quando i chilometri aumentano inizi a riconoscere le maglie di chi ti sta intorno... c'è chi va più lento in salita e recupera in discesa, chi si ferma ai ristori per poi accelerare nei tratti (pochi) di collegamento. In salita ci si incita a vicenda, si impreca quando c'è da spingere forte sui pedali, si scherza quando si può. In discesa ci si dà consigli, si suggerisce la traiettoria migliore e si lascia passare i più veloci.
I volontari, anima e cuore di queste manifestazioni, salutano e applaudono anche e soprattutto gli ultimi, quelli che soffrono per tagliare il traguardo e riuscire ad evitare la mannaia del tempo massimo! Sono gli angeli custodi di tutti i bikers: segnalano i pericoli, aiutano chi è in difficoltà, distribuiscono viveri e incitano a suon di campanacci e trombette.
val di fassa bike 2015 02
 

Il tracciato di gara

Come dicevo, il tracciato di quest'edizione è del tutto inedito e personalmente l'ho apprezzato anche e soprattuto per i divertenti single trail in discesa, tecnici al punto giusto!
Di seguito descrivo il tracciato Classic da me percorso. Per una più completa descrizione del tracciato Marathon potete fare riferimento alla pagina apposita sul sito ufficiale della manifestazione
La partenza per entrambi i percorsi è prevista dalla zona meridionale di Moena. Si attraversa poi il centro del paese per svoltare a destra lungo la Strada de Longiarif ed iniziare una breve ascesa fino agli impianti dell'Alpe Lusia proseguendo in salita sulla pista fino al primo tornante. Qui i maratoneti proseguono verso l'Alpe Lusia e località Le Cune mentre i classici svoltano in discesa per ricongiungersi, in prossimità del parcheggio degli impianti, con il percorso Marathon di rientro da Le Cune. Dopo un breve tratto asfaltato, un'erta micidiale su cemento (35% pendenza massima!) conduce in località Pianac. Oltrepassato un impianto sportivo si inizia un primo single trail verso Soraga Alta, da cui inizia la seconda vera ascesa che conduce a località Pociace a quota 1700 m in circa sei chilometri. Ancora discesa principalmente su strada sterrata con un breve tratto in divertente single trail e finale in slalom sulla pista da sci. 
Dopo il ristoro si percorre forse l'unico vero tratto di collegamento su ciclabile tra Pozza di Fassa e Soraga da dove si riprende a salire verso Col de La Chiusa dove inizia il single trail più lungo della gara di circa 2,5 km. Bello, divertente e impegnativo! Non c'è tempo di riprendersi dallo sforzo in discesa che si inizia subito a salire verso località Costaccia da dove si ridiscende fino a Moena (a parte una breve risalita oltre malga Panna). L'ultima asperità di giornata è davvero tosta: un primo tratto asfaltato e poi un'aspra sterrata fino a località El Prà. Il sentiero di discesa è veloce e panoramico e si conclude al campo sportivo di Moena da cui si segue l'Avisio fino all'arrivo...
 val di fassa bike 2015 arrivo

Risultati e qualche dato statistico

Ora, per puro esercizio estetico, diamo anche qualche dato statistico.
Nel Marathon si è imposto Leonardo Paez che ha dominato precedendo il compagno di squadra Tony Longo e Samuele Porro. Tra le donne ha vinto l'austriaca Christina Kollmann davanti ad Elena Gaddoni e Valentina Frasisti.
Interessante vedere anche il tratto di discesa cronometrato... Martino Fruet (vincitore del percorso Classic) è stato un fulmine percorrendo i 2,5 km a quasi 40km/h di media in 6'02". Paez, vincitore del percorso lungo, ha impiegato oltre un minuto in più... per intenderci, io ho concluso il single trail in quasi 19'! 
Trovate tutte le classifiche a questo link.
 
Concludendo devo dire che mi sono divertito sui sentieri della Val di Fassa bike e se ci sarà occasione tornerò anche l'anno prossimo, magari in compagnia... con un po' più di allenamento nelle gambe non mi dispiacerebbe giungere in cima al Lusia e portare a termine il percorso Marathon.
 
Val di Fassa Bike 2015: una giornata da bisonte! - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×
Ti potrebbe interessare