Val del Diaol e The Skull: downhill sul lago di Garda

Pubblicato in Itinerari in MTB
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
The Skull è noto per essere una delle mecche del Downhill a livello europeo: noi lo presentiamo aggiungendo una salita di 14km su asfalto piuttosto impegnativa ma che ripaga dal punto di vista panoramico. Lungo la salita,  da evitare in giornate calde, è facile incontrare numerosi Bike Shuttle che trasportano gli appassionati del puro Downhill, molti dei quali stranieri, per affrontare questa leggendaria discesa.

Mappa

 
 

Da Nago a Val del Diaol

Si parte dal piccolo centro di Nago (240mt e poco più di 2.000 anime) a 3 km dalla punta più estrema dell’ Alto Garda, sopra Torbole. Imboccando Via Monte Baldo inizia una serpentina di asfalto (della lunghezza di 14 km) che porterebbe fin sulla vetta dell’ Altissimo (2.057mt) e che abbiamo già proposto, con partenza da Torbole, sul lago, nell'itinerario del Dosso dei Roveri ed in alcuni altri. Nelle mezze stagioni è facile trovarsi nel turbinio del forte vento generato dal Lago che solitamente cessa intorno alle h 11.00. Questo nastro di asfalto che ci accompagnerà fino all’inizio del sentiero offre un continuo susseguirsi di scorci panoramici sulle catene circostanti: dal Baldo a Est al dirimpettaio Ponale. Molto affascinanti sono le variazioni cromatiche di azzurro e turchese sempre diverse ad ogni salto di quota. Interessante è anche la presenza della Falesia di Nago Belvedere, un maestoso segmento di roccia molto amato dagli scalatori che accompagna la nostra visuale nella prima parte dell’ascesa.
 torbole skull

Val Del Diaol-Nago

Un grosso cartello in legno è la forma di benvenuto per chi decide di affrontare questo celeberrimo tracciato, noto anche come The Skull, un soprannome che secondo leggenda deriva dal ritrovamento di un cranio bovino durante la pulizia del sentiero. A tal proposito rendiamo onore ai ragazzi dell'Alto Garda Bike Area che con cura maniacale mantengono in perfette condizioni non solo il percorso ma anche l’ambiente circostante. In questo punto non è difficile trovare molti altri “colleghi” biker che come noi si preparano indossando protezioni e caschi integrali e modificano gli assetti di gomme e sella. Si inizia pedalando su un tratto di impercettibile salita che lascia poi decisamente spazio per la discesa vera e propria: la prima parte è quella tecnicamente più impegnativa con sequenze non facili da indovinare sui sassi e per i più spericolati anche drop e rampe in legno. La seconda parte è resa complicata dalla presenza di un manto sconnesso e ghiaioso, dove comunque non mancano tratti divertenti. Dopo circa 6 km di ebrezza si sbuca su asfalto in zona industriale ad una manciata di km da Nago, con le braccia duramente provate ed il sudore che cola dal casco. E’ senza dubbio un buon test per verificare il vostro livello di biker o per fare la messa a punto delle sospensioni.
Inutile fare raccomandazioni di prudenza, e di indossare le dovute protezioni: ci raccomandiamo soprattutto di non ostacolare il passaggio ai tanti avventori del percorso.
Per altri percorsi in tutto il nord e centro Italia consultate la mappa degli itinerari in mountain bike, in costante aggiornamento.


Raffaele

Vivo nella provincia di Modena ma appena posso, scappo dalla pianura per esplorare gli Appennini e le Alpi in mountain bike.
Adoro pedalare nella natura, lontano dal traffico, immerso completamente nel silenzio dei boschi. Da un po' di anni a questa parte viaggio anche all'estero portandomi dietro la mia fedele mtb, dopo Perù, Tenerife, Creta, i Balcani da cui è nato un libro: Da Trieste a Spalato passando per Sarajevo e Mostar
In quest'ultimo anno sono nati tre nuove pubblicazioni legate alla mountain bike: Adrenalina in MTB: 12 itinerari tecnici e panoramici nel centro-nord Italia nella quale sono presenti itinerari fuoristrada tecnici e spettacolari, MTB in trincea: 12 itinerari sul fronte italoaustriaco dal Passo del Tonale a Caporettocon 12 itinerari lungo i sentieri della Grande Guerra e La Mountain Bike pezzo per pezzo

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Ti potrebbe interessare
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito