Trekking Dolomiti: due giorni tra Catinaccio d'Antermoia e Sciliar

Pubblicato in Trekking in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Le dolomiti, alcune delle montagne più belle del mondo dove percorrere sentieri o vie ferrate. Due giorni trascorsi nel cuore del parco naturale dello Sciliar e nel gruppo del Catinaccio, fra l'imponente massiccio dell'Antermoia ed i pittoreschi Denti di Terrarossa. Due giorni di fatica e sudore assolutamente ripagati dai paesaggi e dagli avvistamenti di biodiversità!

Mappa

 

Dati tecnici

Trentino Alto Adige - Val di Fassa

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Mazzin/Campitello di Fassa
Tempo 2 giorni
Dislivello 2253 m
Lunghezza 34 km
VALUTAZIONE
Difficoltà Difficile
Panorama Splendido
QUANDO ANDARE
GiugnoLuglioAgostoSettembre

Altimetria

Trekking tra il Catinaccio d'Antermoia e lo Sciliar nelle Dolomiti

Trekking Catinaccio Antermoia e Sciliar

Foto

Sassopiatto
Cavalli sullo S...
Marmotta vedett...
Denti di Terrar...
Sentiero al Pas...
Catinaccio all'...
Lago d'Antermoi...
Guglie di dolom...
Dolomiti
Verso il Passo ...
Relax ad alta q...
Val Dona
Cuculo
Flora alpina: c...
La partenza è s...

1° giorno: dalla Val di Fassa al Rifugio Passo Principe

Dalla frazione Mazzin di Campitello di Fassa, nell'omonima valle, si inizia questo trekking faticoso ma di grandissima soddisfazione! Un sentiero poco battuto (ma chiedendo agli abitanti della località ve lo indicheranno senza problemi!) si risale il bosco lasciandosi le ultime case alle spalle ed immergendosi completamente nella natura. Ripido e spaccagambe, il tracciato si presenta fin da subito abbastanza faticoso. La prima indicazione si incontra dopo circa 10 minuti di camminata: è il sentiero 577 in direzione della Val Dona, del rifugio Dona e del Rifugio Antermoia. Sul 577 ci si imbatte in uno stretto corridoio di sempreverdi, forse un portone elfico che, in poche decine di metri, termina lasciando spazio ad uno strappo erto e scomodo su cemento, la via d'accesso alla Val Dona. Non eccessivamente ampia, disabitata e verdeggiante, la Val Dona non è particolarmente frequentata dagli escursionisti nonostante sia davvero incantevole. Durante l'estate, in cielo è possibile osservare gheppi in volo, cuculi e una numerosa colonia di marmotte. In un'ora dalla partenza a Mazzin si giunge al rifugio Dona dove è possibile mangiare un pranzo d'alpeggio. La Val Dona è punteggiata da baite, alcune delle quali abbandonate ed in caso di pioggia improvvisa, non vi sarà difficile trovare un riparo di fortuna. In circa un'altra ora, dipende un po' dal vostro passo, si raggiunge un bivio che seguiremo in direzione del Passo Dona ed il Rifugio Antermoia (50 minuti). L'ampio tracciato in ghiaino sale abbastanza regolare verso il passo e permette di avere finalmente una visuale panoramica sulle montagne: il gruppo del Piz Boè, il Sella ed in lontananza la presenza imponente della Regina delle Dolomiti, la Marmolada! In 40 minuti ci si trova al Passo de Dona, a 2516 metri, da dove si scorge poco più sotto il Rifugio Antermoia incastonato, come una pietra preziosa, fra le pareti di dolomia. Dal rifugio Antermoia parte il sentiero in direzione della via ferrata per raggiungere il vero e proprio Catinaccio d'Antermoia, ma per questa volta si punta verso il Passo Principe seguendo il segnavia Sat n° 584. Pochi passi dal rifugio portano sulle rive dell'omonimo lago che, in base all'inverno ed alle nevicate dell'anno, si presenta più o meno in salute! La valletta dell'Antermoia è ciò che più si avvicina alla mia immagine di wild ed è per questo che la ritengo un luogo di incredibile bellezza naturale! Il Passo Antermoia si raggiunge percorrendo un tracciato ghiaioso, forse improvvisato su un'antica frana, ma non per questo pericoloso! (ci vuole sempre e comunque la giusta dose di prudenza ed attenzione). 2770 m ed un forte vento, dal passo si ammirano il Catinaccio d'Antermoia ed il gruppo del Catinaccio Rosengarten dove si trovano anche le celebri Torri del Vajolet, un altro bellissimo posto per far trekking! Il sentiero 584 non si ferma qui: guardando il panorama noterete uno stretto tracciato scendere lentamente alla vostra destra. Imboccatelo nonostante possa capitare di trovare i segnavia Sat girati in modo inopportuno (vento forte o uno scherzo di cattivo gusto!?). Una lenta ma piacevole discesa su terreno sdrucciolevole e rocce dolomitiche arriva direttamente al rifugio Passo Principe dove si può pernottare per la notte a quota 2600 metri. Concedetevi una cena a base di polenta e formaggio, ve la siete meritata! Noi non siamo stati particolarmente fortunati a livello fotografico perchè la nottata si è presentata nuvolosa e piovosa e così, lo sforzo di trasportare il cavalletto sulle spalle per l'intero trekking, è stato per questa volta vano! In questa prima tappa abbiamo camminato circa 6 ore superando all'incirca 1300 metri di dislivello.

2° giorno: dal Rifugio Passo Principe toccando il Sassopiatto

L'aria frizzantina del Passo Principe ricorda subito che ci si trova a 2600 metri. Il sentiero 554 verso il Passo Molignon sembra davvero duro, ma non ci facciamo scoraggiare: la giornata è appena iniziata!Si scende e poi si sale per circa un'ora fino al Passo in questione dal quale si apre un altro mondo fatto di Monti Pallidi. Ci stiamo avvicinando al parco naturale dello Sciliar- Catinaccio e a conferma di ciò appare l'esteso massiccio dei Denti di Terrarossa, fra le montagne più belle dell'intero trekking. Il rifugio Alpe di Tires (lo strudel di questo rifugio dell'Alto Adige è sublime!) è a soli 30 minuti da qui e per raggiungerlo ci toccherà scendere ancora un po'. Con il sole che li illumina i Denti di Terrarossa che sovrastano l'edificio richiamano quasi il colore dell'Enrosadira crepuscolare sulle Dolomiti. Imbocchiamo il sentiero 4 della segnaletica Cai dell'Alto Adige che fra marmotte e paesaggi un po' meno aspri di quanti visti finora, marcia veloce fino al Passo Duron, a quota 2204 metri. Dal passo in poi l'ampio tracciato da seguire sarà tutto un leggero saliscendi fra cavalli al pascolo, mucche e fischi di marmotte. In poco meno di 1 ora e mezza durante la quale gli incontri con altri escursionisti, prima occasionali, diventano quasi un obbligo, i prati ed i pendii verdi dello Sciliar lasciano il posto al massiccio del Sassopiatto ed all'omonimo rifugio situato appena sotto. Il cielo si stà annuvolando velocemente e non abbiamo proprio voglia di farci una doccia prima del tempo così, dopo una breve sosta sull'erba davanti al rifugio ci rimettiamo in movimento superando una malga dove vengono venduti yogurt e formaggi e continuando in direzione della Val Duron che incontreremo solo oltre il Micheluzzi (si può scegliere di percorrere la Val Duron in gran parte della sua lunghezza o tagliare il percorso per i boschi lungo un comodo sentiero a tornanti nel fitto della vegetazione). Campitello di Fassa ci accoglie con un mercatino dell'artigianato ed una grande confusione di turisti ed escursionisti al ritorno dal loro fine settimana ad alta quota! Itinerario lungo e di estremo interesse naturalistico e paesaggistico!

Ristori lungo il trekking: Questo itinerario di montagna ha dei buoni punti di appoggio per trovare acqua, mangiare qualcosa o pernottare per la notte. Il primo giorno si incontrano il Rifugio Dona (1h), il rifugio Antermoia(2h30'-3h) ed il rifugio Passo Principe(3h30'-4h). Il secondo giorno incontrerete il Rifugio Tires(1h45') ed il rifugio Sassopiatto (3h-3h 30')

Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Persone in questa conversazione

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×