Monte Barro: una terrazza sul lago di Como

Pubblicato in Trekking in Italia
Vota questo articolo
(3 Voti)
Non si può di certo definire un gigante quel monte chiamato Barro che con i suoi 922 metri svetta sopra la città di Lecco e la parte del ramo del lago di Como che si insinua fin qui sotto. Ma il Monte Barro non è un qualsiasi risultato geologico, il Monte Barro è un parco naturale tutelato dalla Regione Lombardia.

Dati tecnici

Lombardia - Prealpi Luganesi

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Parcheggio sopra Galbiate
Tempo 2-3 ore
Dislivello 330 m
Lunghezza 10 km
VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Bello
QUANDO ANDARE
GennaioFebbraioMarzoAprileMaggioGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobreNovembreDicembre
La facile escursione al Monte Barro, area tutelata della Lombardia, è effettuabile da chiunque abbia un minimo di esperienza durante tutto l'anno. La neve qui, anche in pieno inverno, non si ferma a lungo per via della buona esposizione al sole della cima e del sentiero. A 700 metri si trovano l'Eremo del Monte Barro ed un vecchio albergo. Oggi l'eremo è la sede del parco e per chi ha voglia di fermarsi un po' qui ad ammirare il panorama, è possibile anche accomodarsi al ristorante. La salita fin qui è piuttosto ripida ma con un buon paio di scarponcini, niente vi potrà fermare! Dopo aver lasciato l'auto nel parcheggio, si inizia a salire fino all'Eremo lungo una comoda ma erta mulattiera che in circa 20 minuti vi permetterà di arrivare alla prima tappa della vostra ascesa. All'Eremo si può dedicare un po' di tempo ad esplorare il giardino botanico del monte, per poi riprendere la salita verso la vetta. Lungo il tragitto, vi consiglio questa escursione all'inizio della primavera, si possono ammirare molte specie vegetali rinascere dopo l'inverno e, con un po' di attenzione, potrete scorgere anche molti fiori montani differenti come l'anemone fegatella o l'erica.
Il panorama è incredibile perchè vi permetterà di distinguere perfettamente, in caso di giornata con poca foschia, i laghetti di Annone, Galbiate, Pusiano, Segrino ed Alserio. Dal ristoro si continua a salire lungo un sentiero piuttosto facile anche se stretto e, in meno di 30 minuti, si raggiunge la vetta con il crocione. I 922 metri della cima non sono molti e non ci si aspetterebbe un panorama grandioso, ma non avendo ostacoli naturali vicini, dal Monte Barro si riesce a osservare tutta la città di Lecco, buona parte del lago di Como, i laghetti dell'Alta Brianza e le Orobie, i giganti di pietra fra la provincia di Lecco e quella di Bergamo... inoltre l'area della vetta è quella con il maggior interesse botanico del parco per la varietà incredibile di flora.
Escursione facile di inizio stagione, alla portata di tutti (anche dei bambini!!!), con panorami eccezionali sulla Lombardia e di grande interesse botanico!!!

Se siete interessati a saperne di più riguardo il Parco del Monte Barro, potete consultare il sito ufficiale della riserva naturale

Per raggiungere il Monte Barro: da Milano si può seguire l'A52 fino poi, all'altezza di Cinisello Balsamo, imboccare la statale del lago di Como e dello Spluga (SS36) fino ai laghi dell'Alta Brianza e seguire poi la strada per Civate ed oltre fino a Galbiate. Oppure uscire da Milano in direzione nord-est e seguire Viale Zara, Viale Fulvio Testi sempre dritto (SS36) fino a Civate e Galbiate.

Un altro percorso a piedi con splendide visuali sul lago di Como è la Dorsale del Triangolo lariano da Brunate a Bellagio, mentre per scoprire altre escursioni sulle alpi potete consultare la mappa dei trekking.

Monte Barro: una terrazza sul lago di Como - 3.3 out of 5 based on 3 votes
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×