Laghi di Valbona: trekking in val Rendena

Pubblicato in Trekking in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Un'escursione a piedi di sicura soddisfazione sui monti di Tione di Trento, in Val Rendena. La zona è piuttosto selvaggia e poco frequentata anche nei week-end estivi. Il paesaggio alpino di questo itinerario sulle montagne dell'Adamello trentino, è caratterizzato dall'alternanza tra il bosco di conifere della fascia iniziale che lascia strada, man mano che si sale, alle praterie di rododendro e ginepro della zona dei laghi. Una volta in cima al percorso sono ben visibili il ghiacciaio del Carè Alto a nord-ovest e le cime della Presenella mentre a sud si domina la val di Breguzzo.

Mappa

 

Dati tecnici

Trentino Alto-Adige - Adamello

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo loc- Zeller
Tempo 5-6 ore
Dislivello 988 m
Lunghezza 12,2 km circa
VALUTAZIONE
Difficoltà Difficile
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE
AprileMaggioGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobre

Altimetria

Laghi di Valbona

Laghi di Valbona

Foto

Malga Cengledin...
Seguendo la cre...
I laghi di Valb...
Indicazioni ver...
Genziane nei pr...
In contemplazio...
Flora alpina ai...
Al lago di Valb...
Lago di Valbona...
Pian de san Mar...
Dal centro abitato della val Rendena (Tione), si sale verso località Zeller dove a quota 1378 m si può lasciare l'automobile. Qui è possibile seguire la strada forestale oppure il ripido sentiero verso malga Cengledino (1667 m). Di qui, dopo una breve sosta per ammirare il panorama sulle dolomiti di Brenta alle nostre spalle, proseguiamo sul sentiero SAT 225 verso il Bait del Cacciatore e successivamente verso la conca dei laghi di Valbona (2195 m). Il sentiero sale costantemente ma è sempre ben tracciato e non presenta difficoltà alcuna. In estate inoltre si hanno a disposizione numerosi torrenti per il rifornimento idrico. I laghi si trovano su due livelli, quello inferiore viene lasciato a nord dal sentiero che sale in costa mentre si raggiungono quelli superiori dove è possibile riposare e immergere i piedi per un rigenerante rinfresco! Lasciati i laghi a nord, si prosegue sul sentiero 235 verso il monte Cengledino: il sentiero sale inizialmente zigzagando rapidamente fino ad una forcelletta da dove si prosegue in cresta: è necessario porre attenzione in condizioni di maltempo o con ghiaccio ma il panorama è assolutamente maestoso. Per circa 40 minuti si prosegue sempre in cresta fino ad un ripetitore ed una croce, con il Brenta in fronte e l'Adamello alle spalle. Dalla croce si scende verso destra su ampi prati, mantenendo la malga sottostante come obiettivo iniziale. Ad un certo punto una visibile traccia di sentiero devia verso sinistra, abbandonando la traccia principale verso la malga: imbocchiamo questo percorso e dopo aver passato una piccola pozza d'abbeveraggio per le vacche, in pochi minuti raggiungiamo malga Cengledino da dove è possibile rientrare alla località Zellerdalla strada o dal sentiero dell'andata.

Questo itinerario è percorribile anche in inverno con le ciaspole o con gli sci da alpinismo ma si deve prestare attenzione al tratto tra il bait del cacciatore e i laghi in quanto sono presenti pendii soggetti a valanghe. Controllate sempre quindi le condizioni meteo e quelle della neve.

Il parco naturale Adamello Brenta è una tra le località che preferiamo per i nostri trekking e quindi potete trovare numerosi itinerari sulla mappa dei trekking. Poco distante da questo percorso si trova il trekking in Val Breguzzo fino al rifugio Trivena.

Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×