Trekking al Dosso di Costalta in Trentino

Pubblicato in Trekking in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Questa facile escursione da effettuare in qualunque stagione dell'anno (anche in inverno è semplice raggiungere la cima con l'ausilio delle ciaspole o degli sci-alpinismo) si svolge nella piccola catena montuosa di Costalta e conduce dal Passo Redebus, a quota 1493 m, alla cima del Dosso di Costalta a 1955 m. Affrontabile da chiunque abbia un minimo di allenamento, permette di avere begli scorci sui sottostanti laghi di Pinè e su gran parte della val dei Mocheni.
Se tutto è pronto, zaino in spalle e seguiteci in questa tranquilla, ma divertente passeggiata...

Dati tecnici

Trentino - Altopiano di Pinè

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Passo Redebus
Tempo 4 ore a/r
Dislivello 500 m
Lunghezza km
VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Bello
QUANDO ANDARE
GennaioFebbraioMarzoAprileMaggioGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobreNovembreDicembre

Itinerari in zona

Foto

Strada da malga...
Panorama dalla ...
Mucca a malga C...
I fitti boschi
Avamposti in ro...
Alla croce
Da Trento, seguite la strada in direzione di Padova che verso est vi condurrà in Valsugana. All'inizio del provinciale, all'altezza della località di Civezzano, uscite sulla sinistra e proseguite in direzione dell'altopiano di Pinè. La strada da seguire è semplice e non potete sbagliarvi: i due laghetti di Pinè sono un luogo abbastanza turistico durante l'estate e se non avete ancora provveduto al pranzo al sacco per il vostro trekking, qui troverete almeno un panificio ed una salumeria (in alternativa potete optare per un succulento pranzo alla malga Cambrocòi lungo l'itinerario). Proseguite oltre i due bacini ed iniziate a salire fino al passo Redebus dove un comodo parcheggio gratuito vi consentirà di lasciare il vostro mezzo ed iniziare l'escursione. Il ripido sentiero 404 (non spaventatevi perchè solo il primo tratto è abbastanza erto!) vi condurrà fino alla malga Pez a 1583 m passando per boschi di sempreverdi ricchi di sottobosco ideale per cercare funghi! Lungo il largo sentiero, nel mese di agosto, potrete essere fortunati come noi e trovare anche fragoline di bosco e lamponi selvatici! Dalla malga Pez si ha già una bella panoramica sui monti circostanti, ma vi trovate in basso e questo non è ancora niente...Si continua costeggiando la staccionata destra della malga ed in circa 40 minuti si raggiunge un'altra malga (con servizio ristorante e bar), la Cambrocòi, situata ad 1,7 km dalla malga Pez.. Se siete stanchi e non avete più voglia di proseguire, potete completare il breve anello che giunge fin qui, scendendo al Redebus dalla strada a tornanti, in alternativa continuate l'escursione attraversando il pratone oltre la malga e riprendendo il sentiero che risale il costone della montagna. Dopo poco più di 1,5 km troverete un bivio che potrete seguire sulla via del ritorno per variare il tracciato. Ancora un chilometro circa di leggera salita (al bivio procedete a sinistra!) e vi ritroverete sotto la grande croce della cima del Dosso di Costalta, a 1955 m di altitudine. Alcuni resti di vecchi avamposti giacciono sulla vetta, trascurati, ed il panorama sui laghi di Pinè e sull'intera vallata, oltre che su buona parte della vicina catena del Lagorai, è particolarmente suggestivo! Incrociate le dita per trovare un cielo terso! Per ritornare verso il passo, lasciatevi la croce alle spalle e seguite il bivio sulla sinistra. Se volete cambiare percorso, alla malga scendete dalla strada asfaltata che scorre lentamente fra le foreste piene di vita di questa montagna! Escursione facile e fattibile anche in mountain bike (ai meno esperti potrebbe capitare di dover spingere la bici su certi brevi tratti).

Un altro trekking interessante nella zona è quello alla cima Gronlait e cima Fravort nel Lagorai, dove potreste anche affrontare, in quattro o cinque giorni, l'attraversata nota come Translagorai.

Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Persone in questa conversazione

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×