Trekking nell'Abel Tasman National Park: da Awaroa Bay a Torrent Bay

Pubblicato in Trekking nel mondo
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
La quinta tappa del trekking nell'Abel Tasman national park si snoda lungo il Coast Track portandoci da Awaroa Bay a Torrent Bay. Incredibile pensare a quanto sia irregolare la costa della Nuova Zelanda: prima rocce, poi sabbia dorata, poi ancora rocce aguzze! Un'altra mattinata con cielo terso e sole brillante ed il nostro umore vola subito alle stelle così da farci smontare la tenda in pochissimo tempo. Le notti trascorse campeggiando sono umide ma sono anche le più belle ed avventurose: con Conrad ci raccontiamo storie dei nostri paesi, sogni nel cassetto ed incontri che cambiano la vita... E' tempo di ripartire: raduniamo tutte le nostre cianfrusaglie nello zaino da giro del mondo e siamo pronti alla partenza, ma non prima di aver mostrato ad un'addetta ai controlli D.o.c. la nostra prenotazione del campeggio per la notte appena trascorsa... i controlli possono esserci a qualunque ora del giorno nel parco nazionale Abel Tasman!

Mappa

Dati tecnici

Nuova Zelanda - Abel Tasman National Park

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Awaroa bay - Torrent bay
Tempo 7 ore
Dislivello 600 m
Lunghezza 20 km
VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Molto bello
QUANDO ANDARE
NovembreDicembreGennaioFebbraioMarzo

Altimetria

Foto

Uno dei numeros...
Una foca gioca ...
Cormorano al so...
Panorama costie...

Abel Tasman Track - quinta tappa

Dal campeggio di Awaroa Bay ci dirigiamo verso la spiaggia invasa dall'acqua del mare, la spiaggia che stamattina dovremo attraversare, purtroppo a circa metà percorrenza di questo primo tratto troviamo il cadavere di un pinguino blu minore.Durante il nostro trekking nell'Abel Tasman non ci era ancora capitato di osservare uno di questi piccoli pinguini e trovarne uno deceduto è un pessimo inizio di giornata!
In circa 10 minuti di camminata la spiaggia è già un lontano ricordo e, dopo aver incontrato qualche assembramento di due o tre casette, fra salite e discese ci immergiamo completamente nella rain forest neozelandese. Ogni tanto la vista si apre sotto di noi sulle piccole insenature che spezzano la monotonia della foresta e un sorriso ci illumina il viso. Nel pomeriggio, dopo un'abbondante pranzo, ci ritroviamo a camminare sotto uno spesso strato di nuvole che poco alla volta si sono prese a braccetto per tirarci qualche brutto tiro ed infatti qualche istante più tardi inizia a piovigginare. Come dice il nome, le foreste della Nuova Zeanda sono soggette ad alta piovosità che ne determina anche quel colore verde brillante di cui tutti andrebbero fieri. Fra leggeri saliscendi, il tempo passa veloce e la meta, il campeggio della baia di Torrent, si fa sempre più vicino... Il campeggio di Torrent Bay è ormai visibile sotto di noi e così con la pioggia che inizia a scendere copiosa, tenendo ben strette tutte le nostre vettovaglie corriamo giù per la collina verso il mare indistinguibile dal cielo grigio. L'ultima sosta prima di montare la tenda e preparare il nostro giaciglio per la notte imminente, sarà presso un vecchio copertone di camion attacato ad una corda penzolante da un albero: un divertimento d'altri tempi che non ho potuto evitare di sperimentare! Nel campeggio d.o.c. che dispone solo di un bagno con il passorapido, siamo gli unici avventori... beh effettivamente con questo tempo ho la seria impressione che stanotte patirò un po' il freddo, mentre Conrad, il mio compagno di viaggio tedesco, nel suo sacco a pelo da – 130° non si accorgerà neppure del baccano dei miei denti battenti. Cala rapida la notte autunnale e noi ci ritroviamo fradici nell'asciutto della nostra tenda a bere una rigenerante tazza di thè bollente pensando alla giornata appena trascorsa e a quelle che seguiranno qui ad Aotearoa, la Nuova Zelanda del popolo maori. Abbiamo già percorso cinque tappe del nostro trekking e non mi pare vero! Fuori ha smesso di piovere e, lentamente anche le stelle iniziano ad apparire timide... chissà, forse per illuminare la via a qualche altro viaggiatore ritardatario?!?
Continua il trekking nell'Abel Tasman national park con noi lungo i 93 km di sentieri fra baie nascoste e punti panoramici da urlo nel cuore della Nuova Zelanda!
Trekking nell'Abel Tasman National Park: da Awaroa Bay a Torrent Bay - 4.0 out of 5 based on 1 vote
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it
Altro in questa categoria: Trekking in Nuova Zelanda »
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×