Tra Romagna, Toscana e Marche, in bici nel Montefeltro | Balze - Carpegna 4° tappa

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Partire per un viaggio in bicicletta attraverso l'Italia appenninica non è cosa di tutti i giorni, bisogna essere consapevoli del fatto che si faticherà ma anche che tutto il sudore versato sarà ampiamente ricompensato... con questo pensiero insolito, apparso nella mia testa per chissà quale strana ragione, apro gli occhi nell'autunno del Monte Fumaiolo dopo una notte in tenda tra cinghiali vagabondi e gufi insonni. Il campeggio è deserto, siamo rimasti solo noi tra le foglie rosse che, ad ogni alito di vento, piombano volteggiando verso terra... forse è tempo di riprendere la strada!

Mappa

 
Balze di Verghereto è sveglio da un pezzo e freme per la settimana che sta iniziando. Cappuccino e briosche, ci trattiamo bene, prima di balzare in sella e riprendere a pedalare verso nuove destinazioni. 
Appena fuori dal paese è purtroppo evidente come queste montagne siano in gran parte spopolate: i giovani non riescono a lavorare e si trovano costretti a lasciare gli Appennini per cercare fortuna altrove, qualcuno resta, resiste, cerca di mantenersi come può ma non è facile. 
Le forme sinuose dei calanchi, appariscenti come una primadonna, riescono a distrarci dai pensieri negativi e i saliscendi del Montefeltro creano aspettative dietro ogni collina da superare.
La provincia di Arezzo ci accoglie con un sole tiepido e un prato verde dove riposare. Poggio dei dannati, Piano della battaglia, Fossato del maschio, siamo circondati da toponomi che ricordano antiche battaglie ormai dimenticate anche dai pochi nonni seduti sulle panchine lungo la strada. Badia Tedalda è un paesotto allegro dove fare rifornimento di pane fresco, cioccolato e affettati per pranzo.
Poco distante l'Alpe della Luna svetta misteriosa, non è distante ma in questa avventura non la visiteremo purtroppo.
E' curioso pensare che nell'area di Barucola, frazione sull'alpe del comune di Badia Tedalda, in mezzo alle montagne e ai boschi, fino al XIV secolo visse una folta comunità eremitica con regola agostiniana.
Mi piace ascoltare storie di santi e briganti, di gente umile che per cercare qualcosa dentro di sè o per non morire di fame ha scelto una strada impegnativa e, talvolta, pericolosa. Il vecchietto Tony ne conosce tanti di questi racconti ma la moglie lo chiama dalla finestra per il pranzo... ci salutiamo a malincuore sperando, chissà quando, di rincontrarci!
A proposito di Sant'Agostino lo sapevate che sono nata nel suo giorno, il 28 agosto? Forse è anche per questo che proprio non riesco a star ferma?! Dopotutto Sant'Agostino diceva saggiamente che il mondo è un libro e chi non viaggia legge solo una pagina! beh, io questo libro lo vorrei finire...
autunno-monte-fumaiolo
 
Il richiamo dello sterrato è più forte di noi e senza quasi rendercene conto, dopo aver salutato e ringraziato Tony, ci troviamo a risalire una strada secondaria tra inquietanti cartelli di avvertimento: da queste parti si caccia il picchio verde! Forse sono segnaletiche obsolete, lasciate nei prati per pura dimenticanza... o forse no?
E' possibile che nel 2014 si possa cacciare ancora una specie come il picchio verde?
Una roccia scolpita da un gigante fa la sua comparsa nel nostro viaggio in bicicletta, forma e posizione non mentono: stiamo per entrare nel parco naturale del Sasso Simone e Simoncello, una riserva dove è interessante far trekking e mountain bike per richhezza di fauna, flora e il fenomeno del carsismo.
Il Parco è situato all confine tra Romagna, Toscana e Marche e in bicicletta può essere raggiunto da diverse strade: da Rimini, da Sestino, da Pennabilli... tutte le strade portano alla riserva!
Noi vi giungiamo da Miratoio dove il panorama sui dintorni è superbo e, dato il nome del borgo, non poteva essere altrimenti.
L'area circostante al paese è ricca di grotte dove un tempo si nascondevano i briganti pronti a tendere agguati ai ricchi signori o ai distratti viaggiatori.
All'uscita dal borgo abbiamo una brutta sorpresa: la strada che pensavamo di seguire è stata travolta da una recente frana e la viabilità è stata interrotta, un bel problema in bicicletta.
Indecisi sul da farsi, optiamo per sfidare la sorte avversa tentando di passare ugualmente e ancora una volta la bicicletta si rivela essere un mezzo fantastico: tra fango e detriti riusciamo a districarci oltrepassando l'ostacolo ed evitando così di perdere tempo prezioso in inutili deviazioni.
 
temporale-in-arrivo
 
Una serpentina lunga e sinuosa si arrampica sulla montagna, nuvole minacciose, nere come il petrolio si avvicinano veloci, quattro ruote, le nostre, avanzano faticosamente verso il Passo.
Alcune aree picnic a picco sulla valle invitano alla sosta fotografica, come dire di no?
1007 metri e il Passo Cantoniera: decine di appartamenti in vendita, una macchina, un cane che pascola nell'erba e un bar... aperto! L'oste ci accoglie con entusiasmo nonostante i continui sbadigli di noia. Soddisfatti di esser giunti fin qui, attendiamo seduti il caffè, uno dei peggiori che abbia mai bevuto, un mix di polvere da sparo e muffa. Gli occhi strabuzzano in una smorfia di disgusto: mezzo caffè resterà nella tazzina senza speranza.
Monte Carpegna è sopra le nostre teste, il Cippo era la zona di allenamento del grande Pantani ricordato anche nel bar dal quale siamo appena usciti. Stanotte dormiremo sotto il cielo del pirata e un pensiero è anche per lui...
 
passo-cantoniera
 
Vuoi vedere l'itinerario che abbiamo seguito durante #transitalia o scaricare le tracce GPS? Dai un'occhiata alla mappa del nostro viaggio in bici!!! Se invece vuoi continuare a viaggiare per l'Italia in bicicletta torna alla tappa n° 3 da Rimini a Balze o prosegui verso sud con la quinta tappa da Carpegna a Urbino!
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×