Quante volte sarà capitato di rimanere “inchiodati” nel bel mezzo di una curva a gomito, magari nel corso di una bellissima discesa su single track che avremmo voluto continuare senza scendere dalla sella? Non vi insegneremo ad andare oltre i limiti della fisica e della tecnica MTB ma alcuni piccoli accorgimenti che permettono di superare quei blocchi psicologici che sono molto spesso la causa di una prematura rinuncia ad affrontare queste curve strette ed insidiose.
Per ogni salita c’è una discesa: la prima l’abbiamo affrontata nell’articolo precedente. La discesa in MTB è la parte del giro che dà maggiori emozioni, ma è anche quella dove occorre la maggiore concentrazione. Ancora una volta dobbiamo sfatare un mito, quello per cui “in discesa tutti i santi aiutano”: evidentemente i sostenitori di questo luogo comune non conoscono la discesa in mtb.
Dovendo escludere l’aiuto celeste, non ci resta che affidarci alla tecnica.


Per andare in salita ci vogliono solo gambe? Introduco l’argomento cercando di sfatare uno dei più diffusi luoghi comuni.
Affrontare le salite in bicicletta comporta senza dubbio un notevole lavoro di gambe ma vediamo più in dettaglio in cosa consiste questo movimento: il nostro corpo si trasforma in una leva che aziona i pedali.
Si tratta di un movimento che interessa tutto il sistema muscolare: le gambe imprimono potenza, il bacino svolge un ruolo di perno, la schiena e le braccia sono la resistenza.
Frenare è un gesto istintivo da cui dipende la sopravvivenza del biker: non tutti sono a conoscenza di alcuni utili accorgimenti per rendere meno drammatica questa fondamentale fase di guida.
A volte, quando si esce in mountain bike, sopratutto se si pedala sui sentieri e sulle strade sterrate delle Alpi, è facile imbattersi in un temporale e doversi destreggiare nel fango. Logicamente, se possibile, sarebbe consigliato evitare terreni fangosi ma quando non si ha alternativa è bene sapere come comportarsi per divertirsi anche in situazioni particolari ed è quello che cercheremo di spiegare in seguito.
 
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×