Ormai sono in molti a farlo, ma le loro storie emozionano e fanno sognare! I cicloviaggiatori che decidono di affrontare il giro del mondo in bici sono sempre di più: solitari o in coppia, ogni anno decine di persone da tutto il mondo decidono di lasciare una vita “normale” per dedicarsi al nomadismo a due ruote.
Una delle domande più classiche che ci si pone è: “Ma come fanno a mantenersi? A guadagnare viaggiando?”. Le risposte sono molteplici ma vediamo alcune possibili soluzioni.
Questo articolo non vuole diventare certo il modello supremo per l’abbigliamento del cicloturista; credo nella diversità quindi vorrei portare semplicemente il mio personale punto di vista, più o meno condivisibile, senza cadere in meri tecnicismi.
Il Marocco è un paese meraviglioso ed enorme, con itinerari cicloturistici per tutte le gambe. Le strade, fuori dalle rotte principali e lontani dalle città più grandi, sono poco trafficate e altamente panoramiche. I paesaggi mozzafiato variano notevolmente dalla costa all'entroterra: si può raggiungere passi oltre i 3000 m o pedalare in pianura lungo il mare. La gente è ospitale e accogliente nella stragrande maggioranza dei casi e a nostro giudizio il paese è uno tra i più belli per gli amanti dei viaggi in bici
Devo ammetterlo: prima di partire per il viaggio in bici dal Trentino al Friuli non conoscevo le borse da bici Zixtro e quindi non avevo molta fiducia in questo prodotto, ma poiché amo testare nuovi prodotti e, soprattutto, tengo sempre d'occhio il portafoglio, ho scelto come borsa da manubrio per questa occasione la Zixtro Photo Tourer ZI-050 (la borsa usata durante il viaggio in bici di dieci mesi nel sud est asiatico era morta a Bali). Non c'è un particolare motivo per cui ho scelto questa borsa: era in esposizione nel negozio dove siamo andati a curiosare il giorno prima della partenza (evviva l'organizzazione). Questa volta quindi non mi sono basato su recensioni online, anche perchè avrei fatto fatica a trovarne... ed ecco perché mi dedico io a questa pratica, raccontandovi pro e contro di questa borsa da bici per il manubrio.
 Da quando siamo rientrati dal Sud est asiatico in bici, non abbiamo più potuto concederci grandi viaggi (il portafoglio va rimpinguato, ma non ci siamo stancati, statene certi!), ma abbiamo avuto comunque la fortuna di conoscere grandi e piccoli viaggiatori che con il tempo sono anche diventati amici. Tra i primi, Marco e Felicity di Nonsoloturisti che, oltre ad avere un blog di viaggi molto seguito, sono soprattutto grandi viaggiatori (purtroppo spesso le due cose non vanno di pari passo).
In questo video dettagliato cerchiamo di spiegarvi passo per passo come compilare la richiesta di visto online per ottenere facilmente il Working Holiday visa per l'Australia e trascorrere un anno nel paese dei canguri, viaggiando e lavorando. Lo so, richiedere il visto è il primo grande passo per dire... ok, ho deciso, partirò! E nessuno vuole fare questo passo a cuor leggero: tutto deve filare liscio e essere corretto quindi qualsisi domanda o dubbio sono leciti. Ma non vi preoccupate, attraverso il sito del dipartimento dell'immigrazione australiano potrete richiedere il visto ed ottenerlo facilmente nel giro di qualche giorno... vediamo come.
Per definizione il working holiday visa è un visto che permette a chi lo ottiene, di viaggiare ed allo stesso tempo lavorare in Australia nell'arco di un anno per potersi pagare le spese di viaggio. Della mia esperienza di lavoro in Australia vi ho già parlato in diretta e quindi ora, a qualche anno di distanza, vorrei dare qualche consiglio utile a chi ha già ottenuto un visto working holiday e voglia scoprire come fare a trovare lavoro. Visto che la voglia di fuggire sembra essere sempre più diffusa e visto che l'Australia è una meta molto gettonata vi racconto come ho cercato (e trovato) lavoro io.
Napoli è il capoluogo della regione Campania ed anche una delle città più romantiche ed affascinanti d'Italia.
Affacciata sul suo bel Golfo, con il vulcano Vesuvio che domina la scena, Napoli sa rapire il visitatore facendolo perdutamente innamorare di sè... come un'astuta maga ti ammalia e nessuno può sfuggirle! Vediamo come visitare al meglio le dieci mete più pittoresche ed interessanti della città partenopea in due o tre giorni.
L'Italia, il Belpaese per eccellenza, con le sue incredibili bellezze naturalistiche, storiche e culturali, ogni anno vede milioni di persone ammaliate dalle sue perle: Roma, il parco nazionale del Gran Paradiso, le Dolomiti... e come dimenticare di visitare Venezia, la splendida città che galleggia.
E' considerato uno dei borghi più belli d'Italia forse anche perchè il turismo di massa non l'ha ancora raggiunta stravolgendone la natura e le tradizioni. Monte Isola o Montisola è l'isola più grande d'Europa a trovarsi nelle acque di un lago, il lago d'Iseo che è diviso fra le province lombarde di Brescia e Bergamo. Dominata da un santuario, in una giornata è possibile camminare lungo l'intero perimetro di questa terra emersa in acqua dolce.
Molte volte mi è capitato di passare lungo la sponda orientale del Lago Maggiore, vedere con la coda dell'occhio il cartello e promettere a me stessa che prima o poi sarei tornata a visitare l'eremo Santa Caterina del Sasso. Non conoscevo la sua storia e neppure il suo stato di conservazione, ma l'immagine sul cartello stradale mi aveva stregata: quell'edificio costruito a picco sul lago maggiore, al confine tra Piemonte e Lombardia, doveva nascondere molti segreti.
La nostra giornata sul Lago Maggiore è stata l'occasione giusta per una visita...
Visitare la Toscana in un weekend, con le dolci colline dell'entroterra lavorate con l'aratro, il mare che lentamente scandisce i ritmi lenti di una passeggiata sulla battigia, le città d'arte culla della nostra lingua e patria del Sommo Poeta... una delle regioni che più amo della nostra splendida penisola è proprio lei, la Toscana (e non credo di essere l'unico). Quando ho un'occasione non me la faccio scappare, salgo su un treno o in auto e mi lascio condurre dove capita ed ogni volta ne ritorno soddisfatto: in molti anni di brevi fughe e permanenze un po' più prolungate non ho (quasi) mai trovato motivo di lamentela, sia per l'accoglienza che per la bellezza delle località visitate. Di seguito vi do' qualche consiglio del tutto personale su qualche località che dovreste inserire nel vostro programma di viaggio se decidete di visitare la Toscana in un rapido fine settimana.
Non si può certo dire che siamo una coppia sedentaria eppure tra un viaggio e l'altro non ci dispiace prenderci una "vacanza" ogni tanto e godere della tranquillità di casa. Spesso capita a noi viaggiatori di pianificare e sognare viaggi in mete lontane, esotiche, remote... senza considerare che dietro l'angolo possediamo bellezze a volte superiori a quelle di località distanti. Quando abbiamo tempo di visitare Trento ed il nostro Trentino (ormai anche Vero è adottata, anche se continua ad avere problemi con la lingua nonostante trentino e bergamasco si assomiglino abbastanza!), adoriamo esplorare le splendide montagne che ci circondano con qualche trekking ed a volte ci capita di passeggiare in città per un caffè. Dopo tanti consigli per una fuga lontana quindi vogliamo farvi conoscere la nostra città, Trento.
In occasione della festa del Torrone ci siamo dedicati alla scoperta di una città distante dalle rotte del turismo classico: Cremona. Adagiata sulle rive del Po, la sua posizione centrale nella pianura le ha permesso di divenire, in epoche antiche, un centro culturale ed artistico di tutto rispetto, soprattutto grazie alla presenza (e probabile nascita) del sommo maestro liutaio Stradivari in città. Oltre ad avere una tradizione culturale di tutto rispetto, Cremona presenta una rete museale fitta e variegata ed il suo centro medievale non ha molto da invidiare alle più note mete turistiche del Belpaese. Insomma, se ce ne fosse stato ancora bisogno, abbiamo scoperto come nella nostra penisola siano presenti località turistiche poco conosciute che in altre nazioni sognerebbero di avere.
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×