Per chi ha problemi alla vista, dover indossare gli occhiali durante i propri viaggi in bicicletta può risultare scomodo o inadatto. Fino a qualche anno fa non esistevano alternative e quindi ci si adeguava, mentre oggi è possibile avere maggior libertà e pulizia utilizzando le lenti a contatto, anche nei viaggi in bici.
Di seguito vediamo i vantaggi e le accortezze da adottare nell'utilizzo delle lenti a contatto in viaggio e quando si pratica cicloturismo.
Chi di noi cicloviaggiatori non ha mai sognato di spostarsi con un qualsiasi mezzo fino al punto di partenza del proprio viaggio in bici con un comodo trolley per poi agganciarlo alla bici come un carrellino e partire senza pensieri e senza dover organizzare nuovamente tutto il bagaglio?
Questo è quanto pensava anche Andrea Signoretto, viaggiatore e CEO di Sentier Adventure Gear, quando ha iniziato a studiare e progettare la realizzazione del primo prodotto della sua start-up.
Oggi parte la campagna crowdfunding per produrre quello che loro stessi hanno definito un Bike Trolley!
Qual è la caratteristica estetica che ti fa riconoscere subito una BdC (bici da corsa) rispetto una qualsiasi altra bici?
Penso che anche il più profano risponda il manubrio, non per la conoscenza del componente in se ma, più che altro per quella strana forma che ha… quella strana piega che lo differenzia dagli altri.
Ebbene, oggi parleremo del… MANUBRIO, uno dei componenti la cui funzione è data per scontata ma che dietro nasconde innumerevoli studi di BIOMECCANICA.
Molti, andando in un negozio di bici o vedendole sfrecciare per le strade, avvicinandosi alle bici da corsa hanno subito pensato : "Guarda che belle!". Poi le provano è si accorgono subito della leggerezza.
Il loro segreto sta nei materiali usati per costruirle, nella tecnologia e nello sviluppo che si ha avuto negli ultimi anni... ed allora vediamo qual è stata l'evoluzione dei materiali usati per realizzare i telai delle bici.
Due mesi di viaggio sulle Ande non sono bastati a fermare gli pneumatici da viaggio Schwalbe Tour Plus Active anche se, una volta a casa, il consumo del battistrada è risultato evidente. Dall'asfalto ai terreni più accidentati adatti più ad un mountain biker che a un cicloviaggiatore con la bici da viaggio, gli pneumatici Schwalbe hanno tenuto alto il nome dell'azienda per oltre 3000 km riportando una sola foratura al posteriore.
Quante volte ti sei chiesto: ma quando devo cambiare i copertoni della mia bici? Che gomme mi conviene montare per affrontare la stagione in arrivo? E guardando la vasta scelta a disposizione in un negozio... waauuu ma io cosa posso mettere? ecco oggi daremo una risposta alle tue domande...
Nel recente viaggio in bici sulle Ande abbiamo portato con noi due borse da manubrio per cicloturismo realizzate in Germania. Le borse da bici, di un'azienda sconosciuta o quasi in Italia, sono le Fox Line. Dopo due mesi di utilizzo intenso di seguito vi proponiamo una nostra recensione.
Gli ultimi giorni prima della partenza sono sempre frenetici. Organizza il viaggio, sistema gli ultimi impegni di lavoro, riordina un minimo la casa per lasciarla in condizioni accettabili, controlla tutti i diecimila siti bellissimi che hai trovato sulla meta del tuo viaggio in bici e soprattutto... prepara il bagaglio, che sia esso stipato nelle borse laterali oppure in un carrello.
La cosa che più mi fa angosciare ma anche divertire è il controllo finale del materiale da portare e da lasciare a casa: c'è sempre qualcosa che oggi includo e domani escludo. Una volta in viaggio inoltre finisco sempre per ricordare di aver lasciato a casa qualcosa che avrei dovuto portare!
Questo esercizio d'equilibrismo (tra peso/volume e comodità) si ripete ad ogni partenza e così in questo caso abbiamo deciso di tradurlo in una checklist del cicloturista mettendo nero su bianco tutto ciò che potrebbe essere utile in un viaggio in bici.
Personalmente preferiamo di gran lunga pedalare piuttosto che guidare ma vivendo in mezzo ai monti, non sempre questo risulta così facile. Tra l'altro, la nostra passione per la mountain bike ci porta spesso ad organizzare delle escursioni in bici fuori da zone servite da mezzi pubblici o difficilmente raggiungibili se non con l'auto. Credo che questo capiti a molti cicloturisti o cicloamatori che preferiscono fare mezz'ora d'auto per raggiungere un luogo fuori dal traffico e poi pedalare su strade secondarie o in mezzo alla natura più selvaggia piuttosto che percorrere in bici arterie viarie trafficate e pericolose. Per trasportare la bici spesso quindi ci si affida ad un portabici per auto.
Ma come si sceglie il modello giusto?

Negli ultimi mesi ho parlato di due orologi sportivi che ho utilizzato recentemente, entrambi della nota linea PRO-TREK della casa giapponese Casio. Dopo aver maturato un po' di esperienza nell'utilizzo del Pro-Trek PRW-6000 1-ER e del Pro Trek PRW-3500 1-ER oggi vi propongo una personale comparativa tra i due modelli, per aiutare chi fosse interessato all'acquisto, nella scelta dell'uno o dell'altro.

Il deserto di Atacama nella regione di Antofagasta, in Chile, è una delle località più affascinanti della terra ed una meta sognata da tutti i cicloviaggiatori del mondo. I suoi vulcani, le lagune, i paesaggi sconfinati attirano viaggiatori e sognatori. Mi piace pensare che sia questo il motivo per cui il nuovo modello Casio PRO-TREK PRW-3500 1-ER è stato chiamato Cerro Lejia, un vulcano di 5595 m che svetta su queste distese incantevoli. Ho avuto l'occasione di provare in anteprima l'ultimo nato della serie Pro-Trek, orologi sportivi tra i più conosciuti. Di seguito trovi le caratteristiche ed una sintentica valutazione.

L'Osprey Raven 14 è uno zaino idrico per mountain bike, nato dalla macchina da cucire della ditta californiana ormai conosciuta in tutto il mondo. Questo modello, per caratteristiche e colore, si rivolge prettamente ad un pubblico femminile di bikers. L'Osprey Raven 14 mi è stato regalato un paio di mesi fa ed ho avuto modo di testarlo in uscite giornaliere fuoristrada, su neve e terreno sconnesso, su asfalto e terra battuta...

La sella da bicicletta è uno dei componenti più importanti per il tuo comfort sul mezzo. Se la sella non è adatta a te, difficilmente riuscirai a pedalare senza risentirne per lungo tempo. Ma quali fattori bisogna considerare per scegliere la sella giusta? Meglio larga, stretta, con scalanatura o super imbottita?
Uno tra gli accessori più utilizzati nei viaggi in bici, dopo le borse laterali, sono le borse da manubrio che garantiscono la comodità di avere a portata di mano alcuni oggetti di rapido e frequente utilizzo. Ma quali sono i parametri da valutare quando si sceglie una borsa da manubrio per cicloturismo? Vediamo a cosa si deve fare attenzione al momento dell'acquisto e come scegliere quella giusta.

Uno degli accessori più importanti quando si viaggia sono le borse da bici e scegliere quelle giuste non è né facile né scontato: acquistare borse troppo piccole causerà mancanza di spazio per il bagaglio; acquistarle troppo grandi viceversa ci inviterà a riempirle trasportando spesso peso inutile e oggetti che resteranno inutilizzati sul fondo delle borse stesse. Di seguito vediamo in breve come scegliere quelle giuste, quali caratteristiche valutare e come capire se sono adatte alle nostre esigenze.

Dopo ormai quasi un anno di utilizzo mi sono deciso a condividere impressioni e giudizi sul Garmin Montana 600, GPS outdoor che ho scelto per sostituire un'altro prodotto della stessa casa, l'Edge 705 che possedevo precedentemente. Non farò un confronto perchè i due dispositivi sono pensati per due segmenti diversi di mercato e le differenze sono enormi. Vedremo di capire perchè reputo questo navigatore perfetto per il cicloturismo e per le escursioni in mountain bike fatte per puro divertimento e senza ambizioni agonistiche.

In questo articolo non voglio entrare nel merito di una delle questioni più dibattute riguardo alla bicicletta: indossare o non indossare il casco quando si esce in bici. Per noi il casco da bici è divenuto un accessorio imprescindibile, senza il quale non ci muoviamo, ma è bene sapere che in Italia non esiste alcun obbligo! Detto questo, noi consigliamo di indossarlo sempre: quando si va a fare un viaggio in bici, quando si esce per fare la spesa, quando si salta in sella ad una MTB per una gita nei boschi... l'evoluzione ha portato i caschi per bici ad essere leggeri e comodi a tal punto da abituarsi in pochi giorni al suo utilizzo e dimenticarsi ben presto di averlo in testa. 
E' però fondamentale acquistare il casco bici giusto e di seguito cercheremo di capire come scegliere i caschi per bici migliori e quali parametri valutare al momento dell'acquisto.
Il verde di prati e boschi ha lasciato spazio ormai da qualche settimana al grigio dei rami spogli e al marrone delle foglie cadute. Le cime sono finalmente imbiancate di neve ma le temperature sono ancora gradevoli nonostante l'inverno sia ormai inoltrato. Le condizioni sono perfette per non appendere la bici al chiodo in attesa del disgelo e continuare a pedalare anche in inverno. Con i giusti accorgimenti potremo continuare a divertirci sui sentieri dei boschi, assaporando anche la nuova sensazione di andare in bici sulla neve. La precauzione principale da prendere quando si decide di uscire in MTB in inverno, oltre a scegliere un abbigliamento da bici invernale adeguato, è quella di sostituire gli pneumatici estivi, generalmente più scorrevoli, con copertoni MTB più adatti alla stagione.
Vediamo di seguito quali caratteristiche devono avere le nostre gomme.
Il mercato delle videocamere sportive, note anche come action cam, è in forte espansione e numerose sono le aziende che si sono lanciate in questo settore, però spesso la "voglia di esserci" prevarica aspetti fondamentali come la qualità e la funzionalità. Non è di certo il caso dell'italianissima Nilox che con il suo prodotto top di gamma uscito questa primavera ha realizzato un gioiellino che può competere con le più blasonate aziende presenti in giro per il mondo. In quest'estate dal meteo bizzarro abbiamo avuto la fortuna di poter testare la Nilox F60 EVO e di seguito ve ne diamo un sintetico giudizio, anticipandovi che continueremo ad utilizzarla per i nostri viaggi in bici e le nostre escursioni in mountain bike.
Monte Nuvolau... questo è il nome scelto per il modello PRW-6000 1ER, l'orologio sportivo PRO-TREK di Casio che abbiamo avuto occasione di indossare nelle nostre escursioni in MTB ed in montagna. Il Gruppo del Nuvolau è uno dei più piccoli delle Dolomiti, ma anche uno dei gioielli più mirevoli ed ammirati grazie alle mille guglie che svettano ardite e contorte. La stessa cosa vale per il Casio PRO-TREK PRW-6000 1ER: una cassa ridotta per venire incontro alle esigenze degli sportivi nasconde innovazioni tecnologiche all'avanguardia. Di seguito proverò a descrivervi alcune delle sue molteplici funzioni e caratteristiche.
 
×
Resta aggiornato
 

×
Ti potrebbe interessare