Stoliv-Niksic, pedalando in Montenegro

Pubblicato in Montenegro
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Tappa breve ma tosta fino a Niksic. Come previsto al mattino rientro a Kotor e valico le sue mura per una visita. Ancora una volta mi perdo per i vicoli della cittadina per ritrovarmi sulla scalinata (1500 gradini) che conduce alla fortezza che domina la baia. Vista la tappa che mi aspetta, mi fermo alla chiesetta a metà strada senza raggiungere l'estrema sommità delle antiche mura. Il panorama è comunque mozzafiato sull'intera cittadina e su parte della baia di Kotor. Ridiscendo nell'imbuto della città vecchia (ha questa strana forma) e vagabondo ancora un pò per i vicoli tra chiese, piazzette e negozietti. Soddisfatto della visita, risalgo in sella e riparto alla volta di Pergast, tra lo strombazzare dei clacson di un matrimonio. Velocemente raggiungo il bivio e dopo essermi rifornito di acqua in abbondanza, inizio l'ascesa lasciando la strada costiera.

 

11° Tappa Stoliv-Niksic
Distanza 104 km
Dislivello 1464 m
 
Contrariamente a quanto pensassi, gli alberi presenti su questo versante mi garantiscono parecchia ombra per i primi chilometri e la temperatura è piacevole: molto più fresco di un paio di giorni orsono. Mano a mano che passano i tornanti, la baia si apre sotto di me svelandosi nella sua maestosità. Sono fermo ogni pochi metri per scattare qualche foto. La strada sale inesorabile finchè si raggiunge un bivio sprovvisto di segnaletica. Chiedere informazioni a qualcuno è da escludere: in un paio d'ore di ascesa avrò incrociato più o meno tre auto! Consulto la mappa e decido di svoltare a destra. Nonostante la manutenzione della strada inizi a peggiorare, mi convinco che la direzione presa sia corretta quando incontro un vecchio intento a sistemare il manico del proprio rastrello come se stesse lucidando il bene più prezioso di famiglia. Tra qualche parola e molti gesti mi sembra di intuire che la strada conduca effettivamente a Grahovo, l'abitato più vicino che devo raggiungere. Solo quando sull'altro versante della valle vedo sfrecciare alcune rare auto su una strada molto più scorrevole di quella che sto percorrendo, intuisco di essere finito sulla vecchia via verso l'interno del paese che nel frattempo è sempre più invasa da erbe e ghiaia. Sul culmine della collina le due strade si incrociano e la principale passa sotto il mio naso infilandosi in un tunnel. Poichè l'asfalto su cui pedalo si fa sempre più rado e la salita prosegue (se non ho capito male il vecchio mi ha indicato 6km ulteriori di salita!), decido di rischiare ed imboccare un sentiero tutt'altro che battuto che sembra condurre verso la nuova strada. Spingo la bici ed il suo carico tra fatiche e rovi che si fanno sentire su caviglie e stinchi e dopo mezz'ora sotto il sole di nuovo arroventato, sbuco sulla strada. Prima vi giungo con le due borse e solo al secondo viaggio porto con me la bici abbandonata in precedenza qualche decina di metri più a monte.
La gioia di essere rientrati sulla retta via dura soltanto una decina di chilometri a seguito dei quali i lavori in corso per ampliare la strada che qui è davvero stretta ed impervia, mi costringono a pedalare quattro lunghissimi chilometri di ghiaioso sterrato rigorosamente in salita. La mia citybike si comporta benissimo superando anche questo ostacolo imprevisto e posso riprendere la normale conduzione del mezzo. Quando pensavo di aver concluso le mie fatiche, ecco che la strada riprende a salire sempre più stretta e tortuosa. In questo caso l'ascesa è piacevole e dolce ed una volta giunti sull'altopiano si prova una profonda sensazione di pace e relax. Solo le cicale dominano il silenzio e pare di salire tra due ali di folla intenta ad incitarmi come se stessi affrontando una tappa alpina del tour de France.  La quiete è interrotta di tanto in tanto dal rombo del motore di una vecchia automobile che arranca tra curve e controcurve. Sfondati i 1000 m di altitudine, la strada si fa piana e dopo tre chilometri di impegnativa discesa, si passano le quattro case che costituiscono l'abitato di Vilusi.
 

Di qui imbocco una strada molto più ampia ma soltanto leggermente più trafficata che in una trentina di chilometri veloci anche grazie al vento a favore, mi conduce a Niksic dove si entra dopo aver affrontato una discesa con panoramica vista su un lago poco distante. La città è una delle più tristi che io abbia visto da un pò di anni: le case popolari più simili a casermoni stile sovietico-comunista sono le attrazioni più ammirevoli di una cittadina che sembra deserta. Le enormi vie sono sovradimensionate per il poco traffico presente (non che ne sia deluso). Solo alla sera quando esco dall'albergo decadente dove sono sistemato, i bambini si gettano in strada a giocare, gli anziani chiacchierano da un balcone all'altro anche a decine di metri l'uno dall'altro e qualche giovane frequenta i bar del centro.

Fortunatamente domani ritroverò salita e natura, quello che più mi piace!

Continua a viaggiare per i balcani in bici con noi: da Niksic continuiamo a pedalare verso Zabljak ed il selvaggio parco nazionale del Durmitor. Prima di giungere fino a Niksic, siamo rimasti ammaliati dalla Baia di Kotor, l'hai mai visitata? Fallo con noi!
 
Panorama_Niksic
La baia di Koto...
Crno Jezero
Cascate di Krav...
Cascate di Krav...
Moschea a Mosta...
Mostar
Stari Most
Ciottolato a Mo...
Lungo la Neretv...
In bicicletta a...
Moschea a Gornj...
Jajce
Tramonto a Mrko...
Riflessi a Mrko...
Ingresso in Bos...
Amici cicloviag...
Laghi di Plitvi...
Parco nazionale...
Parco nazionale...
Meritato riposo
Pericolo!
Krk e le altre
Senj
Barche a colori
Paesaggio costi...
Porticciolo di ...
La costa croata
Fiume e la cost...
Ponte sul fiume
Bascarsija
Sarajevo
Cicloviaggiator...
Lago Pisko
Passo a 1900m
Durmitor N.P.
Durmitor N.P.
Sole cocente!
Baia di Kotor
Confine Montene...
Dubrovnik - Sta...
Vicoli di Dubro...
Costa Croata
Verso le cascat...
Cascate di Krav...
Cascate di Krav...
In bici per l'E...
Monastero di Bl...
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×