Stelvio bike, lo Stelvio in bici

Pubblicato in Eventi
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Ottomilacinquecento ciclisti, la Cima Coppi a 2760m, una giornata spettacolare, tanta fatica e tanta soddisfazione. La Stelvio bike di sabato 30 agosto è tutto questo. Partiamo di buon'ora al mattino da Trento per essere in sella quando ancora il sole non picchia forte sulle nostre teste. La fiumana di biciclette che si accinge a salire sui tornanti del passo inizia già qualche chilometro prima di Prato allo Stelvio dove noi lasciamo l'auto.
 

Dopo esserci ritrovati per iniziare la nostra Stelvio bike ed aver rifornito le borracce d'acqua (qualcuno le aveva già riempite con intrugli strani e sospetti che richiederebbero analisi approfondite!!! imbocchiamo la strada che porta prima a Gomagoi e quindi a Trafoi dove la salita è già impegnativa. La battaglia dei poveri è già accesa ma non impedisce di godere dello spettacolo di un serpente umano che si snoda sui tornanti fino in vetta. Avevamo già partecipato a questa manifestazione (Franz è il veterano con 9 scalate del mitico passo) ma mai il tempo era stato così conciliante. L'ombra della vegetazione ci rinfresca fino dove gli è concesso di crescere mentre oltre i duemila metri la strada è colpita da un sole in canicola. Il panorama è mozzafiato: sulla sinistra il ghiacciaio sempre più piccolo ed arroccato sulle vette riflette la luce sulle brulle rocce scoperte dal suo ritiro, sulla destra appare l'infinito zigzag della strada che si inerpica minacciosa. Il morale, con una visione tanto maestosa dopo oltre 15 km di dura salita percorsa, scende sotto i tacchi e le gambe s'infuocano oltre quanto già non abbiano fatto. Si riprende a spingere sui pedali accompagnati sempre dalla presenza di altre migliaia di persone e l'affollamento che quasi impedisce di procedere in alcuni tratti, si dirada mano a mano che ci si avvicina alla meta. Gli ultimi metri sono sempre i più dolci ed i più lunghi. Ti godi l'aria fresca, le vette che dominano attorno, l'odore promettente di wurstel e crauti, le urla di gioia dei meno allenati che non vogliono mai mancare all'evento... e quindi ti fermi, le gambe ed il fiato spezzati, ma soddisfatto per avercela fatta e per aver conquistato il tetto d'Italia.
La compagnia di buoni amici, la giornata solare, l'aria pulita e fresca di montagna, lo strano silenzio dato dall'assenza dei motori sono sensazioni uniche che questa giornata regala, così come gli incontri che si possono fare sui tornanti. Ci sono migliaia di ciclisti "comuni" e poi ce ne sono decine di particolari. Frammenti di memoria della salita del 2008 alla Stelvio Bike mi saltano agli occhi: un padre premuroso che trasporta il figlio di sei o sette anni in un carrello attaccato alla ruota posteriore. Lui (il padre) stravolto dalla fatica avanza lentamente spingendo sui pedali, l'altro (il figlio) ha in mano un piccolo lettore DVD e si sta gustando tranquillamente un film come se fosse sul divano di casa. Poco più avanti una coppia di tedeschi non più giovanissimi in tandem spingono all'unisono sui pedali consacrando il loro amore anche nella fatica. Un altro tornante ed incontri il ragazzo con una sola gamba che sorride e si gode la salita... e ti senti piccolo piccolo come quando trovi alcuni ragazzi paralizzati che spingono a braccia un mezzo creato apposta per permettere anche a loro di sentirsi parte di questa splendida comunità. C'è poi chi sale con una bici d'epoca, arrugginita e cigolante, gli scarponi ai piedi ed il cestino per i funghi attaccato sul portapacchi posteriore. Altri al portapacchi hanno attaccate borse e tenda... e sento profumo di Patagonia e di Nuova Zelanda. Infine la gioia e la bellezza di questa giornata: tante donne, tutte splendide, dalla giovane ed avvenente bionda tedesca alla attempata  pensionata di ferro. Sono sempre di più, a dimostrare come il ciclismo non sia uno sport esclusivamente maschio e come anche il gentil sesso sia capace di imprese faticose ma appaganti.
Al prossimo anno dunque, nella speranza che sia sempre una festa bagnata dal sole come quest'anno.
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Persone in questa conversazione

  • Ospite - piergiuseppe

    8 anni fa

    il leo, in cima in meno di due ore, il francesco e il pier a fare all'unisono il loro record, il farmacista 'montella' e la sua crisi, il vecchio fernando e la sua caparbietà, i biker tommaso e luca e anche il bovino ossola! e tutti gli altri 8500!<br />grandi!!! :D

  • Ospite - Francesco

    8 anni fa

    La scalata allo Stelvio, che definirei una vera e propria maratona su due ruote, rappresenta, per me, l'epilogo di una stagione ciclistica iniziata con Pier ancora a gennaio, lungo le "miti" strade arcensi, proseguita con un gruppo di amici sulle Alpi francesi in giugno, esaltata dal "Sella Ronda Bike Day" e dal fantastico giorno del Manghen in luglio. Purtroppo, però, i prossimi mesi lascieranno poco spazio alla bicicletta, tuttavia quando ritornerà la primavera sono convinto che saremo nuovamente pronti a sfidarci lungo itinerari che disegneremo settimana dopo settimana. ARRIVEDERCI A TUTTI!

  • Ospite - Leonardo Corradini

    8 anni fa

    E' già, il franz ormai è già con la testa negli states... hey, a proposito, voglio il resoconto a fine tour!<br /><br />Per quel che riguarda il sottoscritto la stagione inizia soltanto adesso: l'autunno in MTB nei boschi è il periodo più bello e divertente! Finora ho sudato e faticato in BDC, ora mi rilasso e diverto in MTB :D <br />A parte gli scherzi, gran bella stagione ragazzi, e fortuna che c'eravate voi altrimenti col cavolo che facevo i miei bei giri su per i vari passi... all'anno prossimo. :P

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti
ciao Federica, in teoria se la famiglia paga il tuo lavoro ( e quindi hai le payslip), dovrebbe esse...
GRAZIE DI CUORE RAGAZZI PER AVERCI REGALATO IL VOSTRO TEMPO E IL VOSTRO SPAZIO!
CI DATE BENZINA PER...
Ciao ho anch'io una domanda a tal proposito.. La prossima settimana mi trasferirò in una famiglia a...

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Foto del mese

Lago d'Iseo in bici: the romantic choice

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
 
 
×