Un sogno che si avvera: un anno di working holiday in Australia!

Pubblicato in Australia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Bé... è proprio questo che sta succedendo: un sogno che si sta avverando. Tra poco più di due settimane partirò per l'Australia ed ancora non mi stò rendendo conto di ciò che questo comporta. Comunque il tempo per ambientarsi e capire se la decisione che ho preso sia corretta o meno c'è: resterò laggiù per un periodo variabile dai sei mesi all'anno (o forse più, chissà!).
Per ora vi voglio raccontare come ho fatto ad arrivare alla situazione in cui mi trovo ora, cioè al punto di non riuscire a dormire la notte a causa della fifa e dell'eccitazione che mi prende al pensiero di trovarmi fra pochi giorni esattamente dall'altra parte del mondo...
 
Fin da quando ho iniziato l'università mi ero ripromesso che avrei festeggiato l'eventuale laurea con un viaggio da non dimenticare. Pur non essendo affatto convinto di riuscire ad arrivare fino in fondo agli studi, ho fantasticato per anni viaggiando mentalmente (come penso facciano tutti gli amanti del viaggio e dell'avventura): ho attraversato il sahara a dorso di cammello accompagnato dai Tuareg, per proseguire navigando sul Nilo e sul Congo fino a conquistare la vetta del Kilimangiaroe poi giù nelle savane del Serengeti e del Kruger, conquistando infine il Capo di Buona Speranza. Sempre con la fantasia sono volato nella Terra del Fuoco per risalire la pampa patagonica (qui ci sono stato davvero, come racconto nell'articolo Patagonia a 20 all'ora!), attraversare le Ande, navigare sul Rio delle Amazzoni nel mezzo della foresta pluviale, visitare le rovine di Machu Pichu, attraversare Panama e godermi il sole e le spiagge dei Caraibi. Poi, con una Harley acquistata alla periferia di Los Angeles sono partito per un coast to coast degli U.S.A. sulla mitica "route 66", attraversando i deserti e i grandi parchi dell'Ovest, le praterie dell'Ohio e le città industriali del Lake district, concludendo l'avventura in un piccolo ristorante italiano nella Little Italy di Manhattan.
Quindi, attirato dalle atmosfere mistiche ed esotiche dei racconti di Marco Polo sono salito in sella alla fedele MTB e da Venezia ho ripercorso la Via della Seta, passando per Costantinopoli (Istanbul), entrando in Asia attraverso il Bosforo, pedalando su strade interminabili ammirato dal meraviglioso paesaggio della Cappadocia. Mi sono svegliato al mattino inseguendo il sole, ho soggiornato ad Ishfahane Shiraz, ho attraversato l'Asia Centrale fermandomi a Samarcanda e  Buqqara, sono entrato in Cina dalla Karakorum Highway raggiungendo il Tibet per poi scendere in India e costeggiare il Gange fino a Calcutta. Di lì sono sceso fino a Saigon (a me piace ancora chiamarla così, non so perchè!), ammirando il tramonto sulle rive infuocate del Mekong davanti ad una birra gelata, non prima di aver attraversato la Cambogia e raggiunto la città di Angkor Vat.
E dopo tanto viaggiare... mi sono riposato!
Nell'arco degli anni la mia mente correva con la fantasia, finchè il momento non è arrivato: a Gennaio del 2006 mi sono laureato ed ero finalmente pronto a realizzare i miei sogni. Come la maggior parte degli eventi attorno ai quali creiamo una notevole aspettativa, anche in questo caso essa venne completamente disattesa! Ho trovato lavoro all'interno dell'università ed il cassetto (dei sogni) è rimasto chiuso a tempo indeterminato. Ma giunto alla fine dell'anno ho preso una decisione... ed aggiungerei finalmente (lo si dice tante volte, forse così tante che alla fine non ci si crede nemmeno più, ma è una verità assoluta e indiscutibile, almeno per noi cristiani: si vive una sola volta!). Non ho rinnovato il contratto di lavoro (a volte i co.co.co. presentano anche aspetti positivi: non si rimpiange troppo il licenziamento!) e mi sono deciso ad aprire il cassetto. Una volta aperto però il contenuto era un pò confuso: una matassa inestricabile di continenti e paesi! Decisi di scartare le migliaia di idee passatemi per la testa in anni di viaggi virtuali e scelsi ciò su cui poco avevo fantasticato tra un esame e l'altro: l'Australia. Una nazione ma anche un continente (o quasi), distante, isolata, seducente e poco conosciuta. In fondo il mio obiettivo iniziale era, ed è, quello di approfondire per non dire iniziare, la conoscenza della lingua inglese; ed allora questo paese "bruciato dal sole" mi è sembrato proprio l'ideale. Inoltre l'interessante formula del "working holiday" permette di fare qualche lavoretto qua e là per pagarsi le successive peregrinazioni per questo immenso continente.
Speriamo di avere fatto la scelta giusta!

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito