San Lorenzo in Banale, Lago di Nembia e l'antica strada romana in MTB

Pubblicato in Itinerari in MTB
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Rilassata tra Comano e l'altopiano della Paganella, la piccola San Lorenzo in Banale, uno dei borghi più belli d'Italia, è un luogo strategico per iniziare alcuni divertenti itinerari in MTB ai piedi delle Dolomiti di Brenta.
Il centro storico di San Lorenzo in Banale merita di trascorrervi un pochino di tempo scoprendo i vecchi affreschi e quel che resta del passato romano del paese...

Mappa

 
 
Le viuzze attraversano San Lorenzo in Banale raggiungendo rapide la strada statale 421, la via principale di collegamento tra la località, il lago di Nembia e Molveno, sull'omonimo bacino.
Si sale, ma dolcemente e il traffico è quasi inesistente. In lontananza il buco nero di una galleria fa la sua apparizione allarmandomi. Attraversare una galleria ancora utilizzata dal traffico veicolare in bicicletta non è un'esperienza particolarmente piacevole, vero?
Per fortuna i miei pensieri negativi vengono presto interrotti: la vecchia strada lascia la statale per seguirla parallela a quest'ultima, a strapiombo sulla valle.
Radici, sassi ricordo di vecchie frane, erba... la Natura stà riprendendo il controllo di questa lingua di asfalto sbiadito la cui costruzione risale al 1921.
Niente si muove, solo le nuvole in cielo appaiono sempre più minacciose, nulla più. La ruota della mountain bike scorre sui dossetti naturali mostrandomi panorami davvero piacevoli. Una galleria scavata nella roccia e poi modernizzata mi conduce di nuovo sulla statale, la vecchia strada finisce qui.
I cartelli del Dolomiti Brenta Bike, un tracciato per mountain bike a dir poco favoloso, puntano verso Molveno, ma l'itinerario ciclabile da seguire è il B 3.11 (DossDeLaCros Trail bike tour) e prosegue in altra direzione...

galleria-pietra

Il lago di Nembia

Nato da una frana oltre 3000 anni fa, il lago di Nembia nel 1953 fu completamente prosciugato. In epoca recente il laghetto è stato riportato all'antico splendore e oggi vanta una flora variegata e la presenza, anche grazie alla vicinanza con il Parco Naturale Adamello Brenta, di numerosi specie animali.
Il lago e i dintorni sono attraversati da un interessante percorso didattico che consiglio di seguire se avete un po' di tempo a disposizione.
Il bivio per Deggia è poche decine di metri prima del sentiero che permette l'accesso al lago e, prima di continuare lungo il nostro itinerario, una deviazione fino a Nembia è d'obbligo. Appena oltre il parcheggio dell'albergo si imbocca un sentiero stretto e in leggera discesa: in poche pedalate si giunge alla spiaggetta lungolago. Un ponte sinuoso attraversa uno spicchio d'acqua regalando prospettive diverse. In questo luogo tranquillo e silenzioso (un po' meno forse nei fine settimana estivi), non è difficile imbattersi in qualche volatile curioso.

ponte lago nembia

Per riprendere il tracciato B3.11 bisogna tornare indietro di qualche metro fino al bivio asfaltato incontrato lungo la statale proveniente da San Lorenzo in Banale. La strada incontra quasi subito un sentiero dove un cartello non lascia dubbi: Deggia 1,7 km, Moline di Deggia 2,5 km.
Aprite la forcella e iniziate il divertente e, in certi tratti, impegnativo sentiero che scende verso Deggia. Il single trail si inoltra nella vegetazione mettendo alla prova la concentrazione e le abilità tecniche del biker.
 

Deggia, Moline di Deggia e il mondo che si è spostato

E' incredibile pensare che Deggia e Moline contassero addirittura 124 abitanti nel 1898.
Oggi, nel silenzio che le avvolge, solo qualche sporadico nostalgico e alcuni vacanzieri scelgono queste minuscole località per trascorrervi del tempo, l'antico splendore è svanito con gli anni.
Scampati ad un'epidemia di colera che sconvolse gran parte del Trentino provocando migliaia di morti, gli abitanti del luogo, negli anni successivi al 1858, eressero un santuario dedicandolo alla Madonna del Caravaggio come segno di riconoscenza. L'antica strada romana che attraversa Deggia e Moline permetteva di raggiungere le Giudicarie da Trento anche durante i periodi di piena dell'Adige o in caso di guerre e i due paesi, nel loro piccolo, prosperavano... poi lo sviluppo commerciale e turistico fece dimenticare questa via di comunicazione aprendone di nuove.
Deggia si trova a 619 metri di altitudine, a meno di 5 km da San Lorenzo in Banale. Moline, poco più avanti, è adagiata sul torrente Bondai attraversato dalla strada romana ciottolata. La scritta Osteria su una casa grigia appena oltre il rivolo mi trasmette una grande malinconia anche se, subito dopo, noto sull'edificio apparentemente abbandonato, un vaso abbellito da fiori rosa.
Dal Bondai inizia la salita verso San Lorenzo in Banale che nel bosco lentamente fa guadagnare quota.
L'ingresso a San Lorenzo avviene dalla parte opposta all'inizio dell'itinerario ciclabile ma questo borgo non è grande e perdere la strada vi risulterà impossibile.

moline di deggia

Dove dormire: per trascorrere qualche giorno in zona ed esplorare al meglio i sentieri del Banale in MTB potete alloggiare al Garnì Lilly, un posto molto accogliente a gestione familiare fornito di ricovero bici.
visitacomano-logoSe vi trovate nella zona di Comano dedicate qualche giorno a visitarne i borghi e i luoghi più caratteristici in bicicletta: salite in Val d'Algone seguendo il leggendario Dolomiti di Brenta Bike o cimentatevi nel più tranquillo, ma non meno suggestivo itinerario del Passo della Morte! Per trovare altri percorsi nella zona di Comano Terme potete accedere alla sezione dedicata agli itinerari in MTB del sito ufficiale dell'azienda del turismo locale dove troverete anche i Bike Hotels presenti in zona.
Per altri percorsi in tutto il nord e centro Italia consultate la mappa degli itinerari in mountain bike, in costante aggiornamento.
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Marco 2014-09-23 13:05
Bellissimo giretto "leggero" e non troppo impegnativo, in una zona ricca di panorami, lago di Molveno, Nembia e paesini vari, adatto a chi ha un minimo di esperienza MTB, mi permetto di aggiungere che non è necessario avere allenamenti particolari per affrontare le salite che riportano a San Lorenzo in Banale.
Possibilmente da percorre in giornate di sole.
Un grazie e un saluto a Vero per la recensione
(spero che il tempo permetta lo svolgimento del bike weekend Valsugana, così ci conosciamo di persona, ciao.)
Marco
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Vero 2014-09-23 14:53
Sarà un vero piacere conoscerti e pedalare con te Marco^_^:D
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 gianluca 2016-08-03 11:04
saremo li in agosto grazzie x recensione
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito