#salvaiciclisti: due giorni dopo...

Pubblicato in Eventi
Vota questo articolo
(0 Voti)
E' partita mercoledì dall'iniziativa di Paolo Pinzuti di Piciclisti la campagna #salvaiciclisti a cui abbiamo aderito anche noi di Lifeintravel. Salviamo i ciclisti si riproponeva di sensibilizzare l'opinione pubblica condividendo, anche in Italia, il manifesto del Times che dopo l'ennesimo incidente che ha coinvolto una giornalista-ciclista a Londra, ha chiesto maggior tutela per noi pedalatori sulle strade del Regno Unito. I risultati, anche in Italia, non hanno tardato ad arrivare e speriamo che il percorso intrapreso continui fino a raggiungere il Senato con una proposta di legge valida e che poi venga applicata sul territorio.
Riepilogando, mercoledì un gruppo di trentacinque blogger ha pubblicato contemporaneamente un appello in internet per fare in modo che il manifesto del Times venga adottato anche in Italia, contattando giornali e media vari per poter diffondere il più possibile gli otto punti che riporto di seguito:
  1. Gli autoarticolati che entrano in un centro urbano devono, per legge, essere dotati di sensori, allarmi sonori che segnalino la svolta, specchi supplementari e barre di sicurezza che evitino ai ciclisti di finire sotto le ruote.
  2. I 500 incroci più pericolosi del paese devono essere individuati , ripensati e dotati di semafori preferenziali per i ciclisti e di specchi che permettano ai camionisti di vedere eventuali ciclisti presenti sul lato.
  3. Dovrà essere condotta un'indagine nazionale per determinare quante persone vanno in bicicletta in Italia e quanti ciclisti vengono uccisi o feriti.
  4. Il 2% del budget dell’ANAS dovrà essere destinato alla creazione di piste ciclabili di nuova generazione.
  5. La formazione di ciclisti e autisti deve essere migliorata e la sicurezza dei ciclisti deve diventare una parte fondamentale dei test di guida.
  6. 30 km/h deve essere il limite di velocità massima nelle aree residenziali sprovviste di piste ciclabili.
  7. I privati devono essere invitati a sponsorizzare la creazione di piste ciclabili e superstrade ciclabili prendendo ad esempio lo schema di noleggio bici londinese sponsorizzato dalla Barclays
  8. Ogni città deve nominare un commissario alla ciclabilità per promuovere le riforme.
Dopo due giorni i risultati sono notevoli: molti giornali ne hanno parlato ed oggi la Gazzetta dello Sport ha pubblicato in prima pagina un articolo (anche se a noi blogger non si fa nemmeno riferimento...appropriazione indebita d'iniziativa!!!) con cui conferma la sua adesione all'iniziativa. Il gruppo di facebook creato appositamente conta già 2700 iscritti che sono in continua ascesa e su quella pagina si inizia già a discutere animatamente di ulteriori iniziative. Dopo due giorni centinaia di persone, blogger, associazioni hanno aderito all'appello rilanciandolo sul web. Su twitter l'hashtag #salvaiciclisti ha spopolato salendo fino al secondo posto tra gli argomenti del giorno mentre il popolo dei cinguettii discuteva delle battute rubate o meno alla rete da crozza (#copiaeincrozza non è male davvero in quanto a simpatia!) Insomma, ora che l'iniziativa ha preso piede, speriamo continui ad essere seguita e sfoci in una proposta di legge che riproponga almeno in parte i punti del Times, su cui c'è sicuramente da discutere (la loro applicabilità totale in Italia è pura utopia a mio parere), ma quello è il punto di partenza su cui lavorare!
Speriamo che gli oltre 2500 ciclisti morti sulle nostre strade negli ultimi dieci anni non restino vittime ignorate come è stato fino ad oggi...infine una riflessione: il rispetto del codice della strada già presente (sia da parte degli automobilisti che da parte dei ciclisti) è il primo, e più importante, passo verso una riduzione degli incidenti ed un aumento della sicurezza dei ciclisti! Una campagna di sensibilizzazione oltre ad una maggior cultura del rispetto da parte di noi italiani farebbe scendere quel numero considerevolmente oltre a farci trascorrere una giornata più serenamente e a cuor leggero.
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it
Altro in questa categoria: Salviamo i ciclisti »

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Francesco Motta 2012-02-15 00:53
Macchine in doppia fila ! prima causa della morte dei ciclisti.

C'è una cosa che ho imparato da quando ormai ogni giorno uso la bici: ogni volta che vedo una macchina in doppia fila tiro fuori il braccio sinistro !!
Ma per quanto la cosa sia automatica ieri non l'ho fatto .... un camion del cemento enorme arrivava correndo proprio mentre superavo una macchina in doppia fila in mezzo al mercato di Garbatella ..... tanta paura ma tutto a posto.
Forse mia la distrazione, ma possiamo far passare questi bestioni dentro un mercato ?

+ bici e + baci a tutti
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×