Sacco a Pelo cicloturismo: recensione MicroTech 200 Bertoni

Pubblicato in Recensioni
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
L'ultimo nostro viaggio in bici in Italia, attraverso gli Appennini, ci ha regalato splendide giornate ed altrettanto fantastiche nottate trascorse sotto un tetto di stelle. Abbiamo trascorso circa la metà delle notti campeggiando e per l'occasione avevamo con noi due sacco a pelo forniti da Bertoni Tende insieme alla tenda Tiger Mouth. Il modello di cui vi parlo in questa recensione è il sacco letto Microtech 200 Bertoni, rivelatosi perfetto per le nostre esigenze di viaggio autunnale. Di seguito ecco caratteristiche e comportamento dei sacchi a pelo utilizzati per #transitalia.

Caratteristiche sacco a pelo Microtech 200 Bertoni

Prima di entrare nel dettaglio del nostro utilizzo e della recensione del sacco a pelo, vediamo quali sono le sue caratteristiche, così come dichiarate da Bertoni Tende.
Misure
180cm + 30cm di cappuccio x 80 cm
Materiale
Esterno: 100% polyestere micro diamond ripstop 260T
Interno: 100% polyestere microfibra 230T
Imbottitura: Dural Downlike 3M ™ microfibra del peso di 200 g/m2.
Peso
0,95 kg (i nostri pesano 905g e 928g)
Packing
23 cm x 14 cm di diametro
Custodia
sacco con cinghie di compressione
Dotazioni di serie
tasca portaoggetti
tasca portadocumenti
2 cursori a 2 vie
velcro di sicurezza
coprilampo imbottita
sistema antinceppamento lampo
gancio appendisacco
custodia con coulisse per una chiusura più rapida
Temperature d'uso
Comfort: +6,3°C
Limit Comfort: +1,5°C
Extreme: -13,7°C
Prezzo di listino
59,50 €
 sacco a pelo 3 stagioni

Il Microtech 200 sul campo

Dopo aver elencato le caratteristiche tecniche del sacco a pelo Bertoni, vediamo di entrare nel dettaglio e raccontare un po' qual è stato il nostro utilizzo e come si è comportato il Microtech 200 sul campo.
Prima di farlo però vediamo il contesto nel quale abbiamo utilizzato il sacco a pelo Microtech 200: un viaggio in bici sugli Appennini in ottobre, con temperature che nella prima parte dell'avventura si sono tenute sopra la media stagionale aggirandosi attorno ai 20-25°C di giorno e 15-17°C di notte e che nella seconda parte sono scese bruscamente. Ci è capitato di dormire in quota con 4-5°C. Abbiamo dormito in tenda (Tiger Mouth, sempre di Bertoni Tende) e per isolarci dal suolo avevo a disposizione un materassino autogonfiante della McKinley di 2,5cm di spessore in poliestere
cappuccio sacco a pelo
Abbiamo sfruttato il sacco a pelo già nel primo giorno di viaggio quando ci siamo fermati a Ferrara nel campeggio cittadino per la notte dopo una giornata trascorsa tra trasferimento in treno e pedalata da Mirandola alla città estense. L'inizio ottobre di questo 2014 è stato un po' particolare, con temperature sopra la media e sole splendente. Questo ci ha agevolato e nella tenda a Ferrara, con 15-17°C di notte, abbiamo dormito in mutande e maglietta ma dopo poco avevamo già caldo. In questo caso è risultato comodo aprire i due sacchi a pelo che, grazie alla conformazione rettangolare con cerniera su due lati, possono essere utilizzati come coperta. Tale caratteristica è sicuramente un vantaggio rispetto ad una conformazione a mummia, nelle occasioni in cui si raggiungono temperature un po' più alte, mentre porta ad una dispersione maggiore del calore, soprattutto nella zona dei piedi, nel caso di temperature rigide.
tasca sacco a pelo
Nelle notti appenniniche  non siamo stati sempre così fortunati: sul monte Fumaiolo, non distante dalle sorgenti del Tevere, a 1200 m di quota, le temperature erano decisamente più in linea con il periodo così come durante la splendida nottata trascorsa a Pettino, nell'Appennino umbro sopra Spoleto.  In queste occasioni i termometri sono scesi intorno ai 3-4°C, con molta umidità. Il nostro atteggiamento in questo caso è chiaramente stato diverso! Il sacco a pelo è rimasto chiuso e noi ci siamo infilati con un paio di calzini pesanti ai piedi, una calzamaglia leggera ed una maglietta. La temperatura era vicina a quella di limit comfort ed effettivamente a metà nottata ho stretto il cappuccio con il cordino apposito per evitare di avere spifferi. Le notti sono trascorse piuttosto al caldo anche se personalmente ho sofferto un po' di umidità alla schiena che mi ha fatto svegliare di tanto in tanto... tutto sommato più che accettabile per le condizioni in cui ci siamo trovati.
 

Pro e contro del sacco letto Microtech 200

In definitiva il mio giudizio è più che positivo: il sacco a pelo Microtech 200 Bertoni è un sacco a pelo tre stagioni, che pesa poco ed è perfetto per chi pratica cicloturismo, anche in periodi dell'anno diversi dall'estate. Per persone alte intorno a 1,75 m come me è più che abbondante, cosa che ne causa una maggior dispersione di calore accentuata anche dalla geometria rettangolare. Viceversa però ha il vantaggio di poter essere aperto; vista la generosa larghezza alle spalle è comodo ed ha il cappuccio che avvolge bene la testa. La tasca interna in alto all'angolo è utile e permette di infilarci le chiavi del lucchetto delle bicicletta, per esempio, o comunque oggetti che volete restino il più vicino possibile a voi.
chiusura sacco a pelo
Le temperature dichiarate sono piuttosto affidabili, forse appena appena alte rispetto alla realtà: sotto i 4-5°C si dorme ancora, se la temperatura scende a segni negativi dovrete assicurarvi di infilarvi nel sacco a pelo ben vestiti! In ogni caso con quel peso e prezzo, restando su sacchi a pelo sintetici e non in piuma, fa più che egregiamente il suo lavoro. Il packing è davvero minimo e questo per un cicloturista o cicloviaggiatore conta molto, la custodia con le cinghie di compressione permette di raggiungere dimensioni davvero ridotte. Le finiture non sono curate come nel caso di sacchi a pelo di altre aziende più rinomate ma il prezzo di prodotti di queste ultime è decisamente più alto.
 
E voi? Avete provato il Microtech 200 Bertoni? Diteci la vostra qui sotto...
 
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×