Nella riserva nazionale di Pampa Galeras in bici

Pubblicato in Perù
Vota questo articolo
(1 Vota)
Le prime pedalate del nostro viaggio in bici attraverso le Ande ci hanno portato subito a raggiungere quote impensabili in Europa. Dopo il lungo avvicinamento, già da solo un'avventura, siamo partiti da Nazca e abbiamo attraversato la Riserva Nazionale di Pampa Galeras.
Beh, già dal secondo giorno abbiamo capito che il Perù in bici non sarà una passeggiata!

L'avventura di arrivare a Nazca

Come dicevo, soltanto raggiungere Nazca, punto di partenza del nostro viaggio in bici sulle Ande, è stata un'avventura.
Lasciata Milano alle 20.00, per una volta senza complicazioni nell'imbarco delle bici, abbiamo fatto scalo a San Paolo prima di atterrare a Lima alle 11.00 locali (le 17.00 in Italia) del giorno seguente. Dall'aeroporto un taxi ci ha condotto, con le bici ancora imballate nei cartoni, alla stazione dei bus da dove abbiamo viaggiato per sette ore fino a Nazca giungendovi alle 22.00.
salita pampa galeras
Stremati abbiamo trovato un alloggio ed il giorno seguente, dopo aver sbrigato le pratiche di cambio denaro ed acquisto viveri per i primi giorni, siamo partiti.
Nel mezzo, una tessera del bancomat inghiottita (e poi fortunatamente restituita dopo mezz'oretta di panico), un montaggio bici nel corridoio minuscolo del nostro albergo ed una coda estenuante per riuscire ad ottenere contanti peruviani in banca, dato che tutte le carte in nostro possesso non funzionavano alla cassa automatica. 
campeggio libero perù

Partenza col botto

Le linee di Nazca, quelle pazzesche figure realizzate dalla civiltà Nazca tra il 300 a.C. e il 500 d.C. (Colibrì, Condor, Ragno...) nel bel mezzo del deserto, non sono state in questo caso il motivo della nostra presenza nell'assonnata cittadina. Nazca è stato solo un punto di partenza comodo, non troppo trafficato e ideale per iniziare a quote "umane" il nostro viaggio in bici in Perù.
Verso mezzogiorno, con il sole a picco, abbiamo caricato le bici e lasciato la piazza principale per dirigerci verso l'entroterra. Abituati all'autunno italiano e alle MTB scariche, caldo e peso ci hanno subito steso!
condor ande
La strada ci ha concesso una decina di chilometri di lieve falsopiano prima di cominciare a salire più decisa. C'è da dire che le salite andine sono eterne ma mai troppo pendenti: la media è del 5-6%. Cinque ore di pedalata e soste prolungate per il fiato corto ci hanno convinto ad accamparci un po' appartati sulla strada dopo poco più di trenta chilometri percorsi.
campeggio libero perù
L'indomani il ritornello è lo stesso: la strada sale arzigogolata e contorta, lieve ma costante ed oltre i 3000 m la testa si fa più pesante e le gambe più deboli. Il miraggio di un ristorante nel nulla è manna per i nostri occhi e la bistecca nodosa e nervosa che ci viene servita dopo 1700 m di dislivello, diventa una delle più buone mai mangiate. 
guanaco

R.N. Pampa Galeras: condor e non solo

Ripartiamo con nuove energie e dopo un secondo accampamento attorno ai 3500 m, in un vecchio ovile abbandonato, il mattino successivo la natura selvaggia ed arida della riserva nazionale Pampa Galeras si mostra in tutto il suo splendore. Prima un gruppo di condor sorvola le nostre teste a bassa quota, poi alcuni guanachi pascolano indisturbati sulle rive del fiume che scorre sotto di noi ed infine, una volta raggiunta la pampa ad alta quota, numerosi gruppi di vigogne scorrazzano libere a bordo strada. 
vigogne
Facciamo appena in tempo a raggiungere il museo nei pressi del santuario istituito qui negli anni cinquanta da alcuni tedeschi che pioggia e grandine si abbattono su di noi. Sandra, volontaria della riserva nazionale Pampa Galeras, ci guida nel museo e ci invita a rimanere nel loro dormitorio per la notte, mentre Ada nel ristorantino/emporio oltre la strada ci offre il primo mate de coca di una lunga serie.
ada pampa galeras
 

Dolce Abra

Al mattino Sandra, che è qui per realizzare una tesi sui condor, ci mostra (a debita distanza) il loro dormitorio. Purtroppo la pioggia di ieri li ha tenuti lontani e si notano solo le pareti rocciose imbiancate dai loro escrementi. Salutiamo e ci ritroviamo a pedalare in un ambiente lunare, alla prima "Abra" (valico) del nostro viaggio in bici in Perù: 4150 m!
La picchiata verso valle ha un sapore agrodolce perché sappiamo che la discesa è sempre seguita da una salita. L'ambiente ed i panorami ci cullano e distraggono.
discesa pampa galerasA mezzogiorno, in un paesino sperduto sui pendii di una vallata incantata, ci concediamo un pranzo pantagruelico a base di "trucha fritta", pesce d'acqua dolce che in Perù si trova ovunque e "chicharron de pollo", bocconcini fritti untissimi di pollo serviti con riso e patate fritte. I restanti chilometri per giungere a Puquio, prima vera cittadina incontrata, ci servono per smaltire il pasto!
pampa galeras
Transandina: in bici sulle Ande lifeintravel.it
Nella riserva nazionale di Pampa Galeras in bici - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Delfino 2016-01-15 14:38
Cari amici vi invidio, siete a Uyuni per attraversare il Salar che ritengo il posto più bello al mondo.
Auguri
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×
Ti potrebbe interessare