Il continente invisibile di Jean-Marie-Gustave Le Clézio

Pubblicato in Libri
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Il premio Nobel per la letteratura del 2008 (devo essere sincero, non lo conoscevo ed ho acquistato il libro per curiosità) ci racconta con gli occhi di un Mauritiano la vita sull'isola di Raga, nell'arcipelago delle Vanuatu. Nel 2005 Le Clézio approda sull'isola e la esplora parlando con chi lì vi è vissuto. Il libro è un intreccio di finzione e realtà
Descrive l'arrivo su queste isole dei primi abitanti tramite piccole imbarcazioni, stenti e sofferenze. Racconta le chiacchierate con una donna capace di rendersi indipendente grazie al commercio di alcune tele intrecciate, descrive il rito del Nagol con cui gli uomini si gettano nel vuoto da una torre di legno legati per i piedi a delle liane. Denuncia gli sfregi dell'epoca coloniale perpetrati per esempio dai blackbirder, oppure gli esperimenti nucleari effettuati pochi anni orsono. Le Clézio cerca di rendere questa miriade di isole, oscure agli occhi di tutto il mondo, un continente un pò meno invisibile.
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×