Porto - Evisa in bicicletta | la Corsica sconosciuta della Gola di Spelunca

Pubblicato in Francia
Vota questo articolo
(1 Vota)
La Gola di Spelunca, nella Corsica occidentale, è un canyon sormontato da picchi aguzzi e rossi come il sangue annacquato ed è percorsa da due strade che si incrociano poco oltre il paese di Ota. Visitare questa zona della Corsica in bicicletta è caldamente consigliato data la irrilevante presenza di traffico veicolare, ma l'abbondanza di mucche, capre e maiali selvatici. L'itinerario ciclabile si sviluppa dal paese di Porto, sul mare e raggiunge Evisa a 830 metri di altudine.
 

Dati tecnici

Gola di Spelunca in bicicletta - Corsica

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Porto
Tempo  4-5 h
Dislivello 800 m circa
Lunghezza 40 km circa
Terreno
Asfalto: 100%
VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Splendido
QUANDO ANDARE
FebbraioMarzoAprileMaggioGiugnoSettembreOttobreNovembre
 
 

Da Porto salutando il mare

 
Porto è proprio un buco, è il primo pensiero che mi affiora nella testa una volta attraversato il paese. Trovare un parcheggio fra le tre case, i due supermecati e i cinque alberghi è impresa ardua ma non demordo: decido di iniziare a seguire la strada verso Evisa per cercare un posto tranquillo dove lasciare l'ammiraglia e, con un pizzico di fortuna, in poche centinaia di metri posso parcheggiare all'ombra.
Lubrifico la catena e sono pronta. La strada inizia subito a salire molto dolcemente, supera un campeggio e qualche edificio prima di continuare a spingersi verso le montagne. Curve larghe, scorci interessanti e poi finalmente anche il mare, ormai un puntino  lontano, il rumore delle onde che si infrangono sulla battigia e quel profumo talvolta fastidioso, per chi non è abituato, di salsedine non si sentono più! Il sole è alto nel cielo e tiene ben salda nella mano destra una clava, pronto a colpire chi abbasserà la guardia.
 

Ota, menta e capre selvatiche!

 
PortoDa Porto esistono due strade per Ota: la prima è quella che parte poco prima dell'ingresso nel paese e arriva diretta, la seconda è quella che stò pedalando che punta con più decisione verso Evisa. Dopo una manciata di chilometri Ota appare elegante sul costone opposto della canyon. Sormontata dal maestoso Capo d'Ota ci si chiede come gli abitanti possano dormire sonni tranquilli con quelle sporgenze rocciose sopra le teste... forse semplice abitudine? 
Certi strappetti un pochino più duri cominciano a farsi sentire ma non importa, basta scalare il rapporto e con la mountain bike si sente la differenza!
La macchia mediterranea, nonostante l'altitudine sempre più elevata, prospera rigogliosa, a bordo strada menta e timo si fanno riconoscere e la loro profumazione mi inebria: mi sento bene, in forma, felice e assolutamente conquistata dalla Corsica in bicicletta.
Le guglie severe di certi picchi rocciosi ricordano quelle del Duomo di Milano e di altre cattedrali gotiche anche se il colore rossastro non si addice a quel periodo storico. Ogni tanto mi affaccio sul canyon per carpirne la profondità: è piuttosto ampio ma anche alto, tanto da dare quasi le vertigini.
Mi riavvicino al muro e immeditamente noto qualcosa di strano muoversi al mio fianco... un piccolo biacco spaventato cerca una via di fuga che non c'è, il serpentello dopotutto è nel suo habitat naturale, qui l'intrusa sono io! Nonostante lo sgomento mi allontano di qualche pedalata per non infierire ancora di più... oggi la Gola di Spelunca ricorda uno zoo!
 

Il miraggio di Evisa

 
img 6219Sono trascorsi quasi 15 km da quando ho iniziato a pedalare e gli ultimi sono stati quasi pianeggianti ma estremamente panoramici. Ormai dovrebbe mancare poco a Evisa ma ancora non si vede... 
A 5 km dalla partenza ho incontrato il bivio per Ota che ho deciso di evitare: potrebbe essere una buona variante per il ritorno! A 10 km dalla partenza ho iniziato ad incontrare in ordine sparso: biacco, capre selvatiche, maiali selvatici, mucche con vitelli, lucertole, ghiandaie, corvi. A 15 km pensavo di essere a destinazione ma mi ritrovo a dover pedalare ancora in salita. Il gps indica che ci troviamo a 628 metri, 200 metri più in basso di Evisa. La risposta dalla strada non tarda ad arrivare: l'asfalto prima quieto e pianeggiante ricomincia a scaldarsi sotto le gomme incandescenti della mia mountain bike. Colpo dopo colpo guadagno altitudine e finalmente la vedo ed è anche vicina... accelero senza pensarci due volte raggiungendo un bivio in pochi minuti. Non ci posso credere, il borgo visto è Marignana, la strada per Evisa prosegue dritta verso le viscere della Terra. Davanti agli occhi ho solo montagne impervie e boschi ma la direzione è giusta. Dopo più di un chilometro un tornate deciso fa svoltare la strada di 180°, sempre in salita!  Giungo a Evisa, nascosta dietro la montagna, ansiosa di mettere qualcosa sotto i denti. Ci penseranno una birra bianca corsa, la Colomba, e una bella insalatona con prosciutto corso a farmi apprezzare il paese.
 
In bicicletta si finisce sempre con l'attirare l'attenzione soprattutto se sipedala da soli e se si fa parte della schiera del sesso femminile. Tre ciclisti francesi di mezza età si avvicinano per fare due chiacchiere. Non parlano italiano ma con l'inglese riusciamo a comunicare bene. Mi suggeriscono un paio di bei percorsi e prima di iniziare la loro folle discesa verso Porto, mi urlano un buona fortuna!!!
 
L'itinerario sopra descritto fa parte di un viaggio in bicicletta in Corsica del quale trovate la prima tappa a due ruote a Saint Florent qui e la seconda tappa fra i borghi della Balagne qui. Mi raccomando: prima di iniziare questo itinerario ciclabile riempite le borracce con l'acqua fresca della fontana all'uscita di Porto (proprio in direzione della Gola), oltre ad Ota e Marignano che richiedono una deviazione per essere raggiunti, non esistono altri rifornimenti lungo il percorso.  E' disponibile la traccia gps dell'itinerario in bici nella Corsica del nord: trovate il link per il download nelle schede in alto!


Porto - Evisa in bicicletta | la Corsica sconosciuta della Gola di Spelunca - 4.0 out of 5 based on 1 vote
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×