Pedalata sugli Appennini | Tappa 1: mezza tappa e riso gratis

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
C'è da dire che ho ancora fame. Porca miseria ho sempre fame.
Dico ancora perché per cena, invece della prevista zuppetta in stanza d'albergo... Stanza d'albergo???
Sì ok sto facendo confusione, forse è meglio se partiamo dall'inizio.
Sveglia alle 6.30, di buon mattino, come piace a me (sì perché nel frattempo, dall'anno scorso, ho cambiato un po' le mie abitudini di vita). Colazione bomba con Gino, ultimi preparativi e dritti in stazione a perdere il treno. Sì perdere, non prendere. Saliti sul treno dopo una ragazza con qualche deficit (anche se cortese) che si è agitata perché doveva scendere 3 stazioni dopo e aveva paura che la mia bici le sbarrasse la strada. Sì, perché il treno successivo era l'unico treno regionale al mondo senza trasporto biciclette...
 
Luned' 10 agosto 2015, Camogli (SP) - 32 m.s.l.m  ---->  Sesta Godano (SP) - 242 m.s.l.m.

34,4 km | 3:05 CIS (culo in sella) | 6 km con pioggia | 722 m dislivello

1 passo (P. del Bracco 612 m) | 316 cal | 45 € spesi

 
Comunque prima di prendere il treno successivo abbiamo sistemato la bici di Gino, imparando la prima lezione del viaggiatore in bicicletta: se la bici carica è bella da vedere, non significa che sia anche funzionante. Infatti quella di Gino aveva qualche problema che comunque abbiamo risolto con le note competenze ingegneristiche del team di creativi più richiesti sul mercato.
Poi partenza ufficiale da Sestri Levante!
Dopo le prime pedalate già tornano i ricordi del viaggio dell'anno scorso
Distesa di more
Poi si pedala piano piano verso il Passo del Bracco, mentre Gino scalda le sue gambe portentose per la grande avventura dei prossimi giorni. Il passo arriva subito e ci lascia alle spalle il panorama marittimo.
Fin qui tutto bene e tutto bello. E anche tutto buono dato che la discesa verso valle ci offre un altro po' di frutta. Beh qualcosa in più di "un po'", tant'è che decidiamo di fare scorta per la colazione di domani... 
si mangia more
Che meraviglia no?
Tutto perfetto oggi!
COL CxxxO!
Perché poco dopo, con la pancia piena di more, scoppia un bel temporale. Uno di quelli che ti fa pentire amaramente di aver dimenticato a casa le fantastiche ghette comprate l'anno prima in Svizzera, uno di quelli che mette in crisi la giacca in Goretex, uno di quelli che non vedi nemmeno l'inizio della ruota anteriore. Beh insomma uno di quelli che ti fa fermare sotto il primo albero e scoprire che non è abbastanza. Per capire di che genere di acquazzone sto parlando date un'occhiata ai notiziari di ieri... 
Per fortuna che 1 km dopo, la coppia di anziani gestori della trattoria di Ponte Santa Margherita ci ha dato un paio di sedie da inzuppare, un tavolo con due porzioni di pasta così scotta che nel piatto ce ne stava il doppio, l'insalata russa avanzata dal tavolo all'esterno e un paio di creme catalane che ancora le sto pensando. Però io ne ho mangiata solo una perché l'altra ho dovuto lasciarla a Gino.
Io non ero così fradicio ma il povero Gino lo era quindi abbiamo deciso di abbandonare l'idea di scalare il Passo Rastello proseguendo per la destinazione prevista e fermarci invece nel tipico posto in cui uno non si fermerebbe mai al mondo se non avesse le calze e le chiappe fradice: il mitico comune di Sesta Godano. In paese abbiamo trovato un bell'albergo economico che ci ha permesso di fare una bella doccia.
L'albergo è economico, ma non ci fa mancare nulla: nella doccia abbiamo trovato ben 3 saponette, indice che l'amministrazione tiene in gran conto le esigenze di igiene della sua clientela, facendone una vera e propria missione aziendale.
albergo sporco
 
Fico, no?
Ma non è tutto, perché l'albergo non aveva solo a cuore l'igiene dei propri ospiti, bensì anche i loro sforzi. Infatti, per far sì che il cliente non si stanchi troppo nel fare la doccia, ogni operazione è resa più semplice e diretta: una delle saponette disponibili è proprio già pronta per l'utilizzo!
saponetta aperta 
Questa è cura dei dettagli! Beh, comunque, dopo aver fatto le faccende di casa
faccende di casa 
Ci siamo avviati per fare una passeggiata in paese.
Dove abbiamo trovato la popolazione a festeggiare il nostro arrivo!
popolazione festeggia arrivo 
Allora abbiamo ringraziato tutti e abbiamo accettato:
  • 2 birre pagate 2 euro
  • 2 piatti di riso vegano gratis con uova, würstel e tonno (per la mia dieta etica e sostenibile)
  • 2 fette di crostata gratis
  • 2 fette di panettone genovese gratis
  • 2 cantucci gratis
  • 2 dolcetti alla pasta di mandorle gratis
  • altri 2 dolcetti alla pasta di mandorle gratis
  • altri 2 dolcetti alla pasta di mandorle gratis
Gino ha anche fatto amicizia con un personaggio del villaggio e i due si sono capiti al volo
nuovi amici
Ultima cosa. Qui hanno le mosche speciali, quelle che ti devi mettere il lenzuolo a protezione altrimenti ti camminano sopra e ti svegliano.
mosche giganti 
Adesso sono stufo di scrivere buona notte a tutti

Ecco tutte le tappe della pedalata sugli Appennini di "Jimmy e Gino":
Tappa 0: compitini pre-partenza Tappa 1: mezza tappa e riso gratis Tappa 2: tappa intera e gambe a pezzi Tappa 3: il Cayenne, la crostata assassina e boia chi molla Tappa 4: sì, sì... ma gli Appennini? Tappa 5: ultima cena Tappa 6: anche gli Appennini nel loro piccolo si alzano Tappa 6,5: shopping, ozio e dormite infinite Tappa 7: a volte ritornano Tappa 8: quasi 100 ma di meno Tappa 8: la Mazunte delle Alpi Tappa 9: i miei primi 1000 Tappa 10: corri Forrest, corri

jimmy

Con due ore di allenamento e sei gelati al giorno vai dappertutto

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×