Parco nazionale di Kaeng Krachan in Thailandia

Pubblicato in Parchi e riserve
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Il parco nazionale Kaeng Krachan in Thailandia è il più grande parco nazionale thailandese ed è stato costituito nel 1981 per preservare l'ampia zona di foresta pluviale al confine con la Birmania. Oggi, oltre all'ampia area di foresta, fa parte del parco un ampio lago artificiale sulle cui acque è possibile cimentarsi in qualche escursione in barca per pescare o per scoprire le numerose isole presenti. L'esplorazione della foresta è la più emozionate delle attività da svolgere, soprattutto se cercherete di essere presto al mattino sul posto.

Informazioni utili

Thailandia - Petchaburi

DETTAGLI PARCO
Estensione  2900 kmq 
Territorio Foresta pluviale
Biglietto d'ingresso 200 bath
Sito UNESCO No
Sito web Dnp.go.th
COSA FARE
Escursionismo
Birdwatching
Campeggio
Nuoto
QUANDO ANDARE
DicembreGennaioFebbraioMarzoAprileMaggio

Curiosità

Il campo delle Farfalle

A Ban Krang potrete osservare decine di farfalle differenti e coloratissime soprattutto all'ingresso dove è stato costruito un "butterfly field" che attira questi splendidi animali. Al visitor centre potrete noleggiare l'attrezzatura da campeggio per godervi una notte in riva al suggestivo lago. A Ban Krang, oltre alle farfalle, potrete avvistare anche molte specie di uccelli come il Grande bucero o il bucero marrone.

Come arrivare

Il parco nazionale di Kaeng Krachan è situato nella Thailandia centrale, sulla strada che ad ovest conduce al confine birmano, a soli 60 km dalla città di Petchaburi. Il parco è anche facilmente raggiungibile dalla località turistica di Hua Hin situata sul Golfo di Thailandia. Da Petchaburi si prosegue 20 km circa verso sud per poi svoltare ad ovest (destra) verso il paese di Kaeng Krachan ed il lago artificiale poco distante. Dal paese, l'ingresso della riserva è a soli 4 km.

Parco Nazionale di Kaeng Krachan - Thailandia

Il bacino artificiale di Kaeng Krachan si è formato in seguito alla costruzione di tre dighe in terra e le numerose colline dell'area (ampia circa 47 kmq) sono state, in gran parte della loro altitudine, sommerse dando vita a tante piccole isole. Dalla spiaggia appena sotto il centro visitatori è possibile noleggiare una barca per intraprendere un'escursione per il lago. Lo specchio d'acqua è un rifugio sicuro per molte specie di uccelli acquatici tra i quali martin pescatori, aquile pescatrici, aironi e molti altri ancora più rari e difficili da avvistare. I responsabili del centro visitatori non parlano l'inglese molto bene e talvolta ottenere informazioni può essere un problema, ma fortunatamente all'interno dell'edificio sono presenti alcuni pannelli illustrativi dell'intera area arricchiti da foto e da informazioni pratiche. Intorno al centro visitatori è possibile campeggiare (30 baht a notte) o dormire in uno dei tanti bungalows sparsi qui e là a disposizione degli ospiti (circa 600 baht in due a notte). I bagni sono molto puliti e dotati di doccia. L'ingresso al parco è di 200 Baht per persona e ricordate di conservare il ticket se volete esplorare le altre zone della riserva perchè vi verrà chiesto! Dal centro visitatori potrete percorrere un sentiero lungo parte del perimetro del lago (verso sinistra) e qui è possibile avvistare qualche timido volatile. Al quartier generale del parco potrete chiedere la disponibilità auto per un passaggio fino alla remota area di Ban Krang (ci si può arrivare solo in auto o con un mezzo di trasporto "chiuso" e la strada è davvero dissestata!) al costo di 1200 baht a/r. L'auto parte molto presto al mattino e vi condurrà all'inizio dei trekking quando starà per albeggiare. La strada per giungere a Ban Krang passa nel bel mezzo della giungla e potrete avvistare già da qui qualche sfuggente animaletto. A Ban Krang è possibile campeggiare ed è il luogo ideale per osservare uccelli e farfalle in particolare, ma anche altri animali come gibboni dalle mani bianche ed elefanti (è difficile incontrarne, ma possibile!) Oltre Ban Krang si giunge ai 1200 m del Phanoen Thung dove si possono ammirare splendidi panorami ed anche il "sea of mist" stagionalmente al mattino presto. Anche in questo magico luogo è permesso il campeggio. L'area del parco che comprende Ban Krang e il Phanoen Thung viene chiusa dal 1° agosto al 31 ottobre di ogni anno perchè durante la stagione delle piogge è considerata una zona pericolosa per il campeggio e le escursioni. Provenendo dalla città di Hua Hin, il primo approccio con il parco lo si ha alla cascata di Pa La-U, composta da 15 livelli nei quali si può tranquillamente nuotare (principalmente nelle prime tre piscine!). Se avete con voi una tenda, questo è un altro splendido posto dove rilassarsi!
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×