Parco nazionale del Monte Kinabalu nel Borneo

Pubblicato in Parchi e riserve
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Il monte Kinabalu ed il suo parco, un prezioso habitat ed una splendida montagna gestita con il solo scopo di fare business. Il classico esempio di come un bene dell'umanità venga deturpato e depauperato dall'avarizia dell'uomo. La montagna e le sue pendici sono un favoloso ecosistema per svariate specie vegetali ed animali... speriamo si riesca a conservarlo e salvarlo!

Informazioni utili

Malesia - Borneo

DETTAGLI PARCO
Quota  4095 m
Territorio Montagna
Biglietto d'ingresso 15 RM
Sito UNESCO
Sito web Sabahparks.com
COSA FARE
Escursioni
Birdwatching
Campeggio
QUANDO ANDARE
AprileMaggioGiugnoLuglioAgosto

Curiosità

Biodiversità e corsa in montagna

Paradiso per i botanici, nel parco del Mt. Kinabalu sono presenti piante ed animali endemici esclusivamente di quest'area. Si dice che il Kinabalu sia la cima più alta del Sud-est asiatico, ma questo non corrisponde a realtà visto che alcune cime nella Papua indonesiana superano i 4100m di altitudine di parecchio.
Ogni anno ad ottobre lungo il sentiero verso la cima, si tiene una gara di corsa in montagna, la Mount Kinabalu international climbathon, pubblicizzata come la corsa in montagna più alta del mondo. L'edizione del 2010 è stata vinta nello statosferico tempo (salita e discesa) di 2h33' dal nostro Degasperi.

Come arrivare

Da Kota Kinabalu, il capoluogo dello stato di Sabah, nel Borneo malese, l'ingresso del parco dista circa 90 chilometri. I primi 40 sono di pianura su una strada piuttosto trafficata (dipende molto dagli orari), poi la strada inizia a salire (con qualche legggera discesa) fino a quasi 1600 metri di altitudine dove è sita l'entrata alla riserva. Potete giungere qui in auto o gli autobus da Kota Kinabalu e Sandakan, se siete più intrepidi potete ascendere con una buona bicicletta, ma è davvero una faticaccia nonostante il panorama sia da 10 e lode!

Parco Nazionale del Monte Kinabalu - Malesia

L'imponente massiccio del monte Kinabalu si erge sopra l'omonimo parco con i suoi 4095 metri di altitudine e, nelle giornate più limpide, è visibile da molte aree dello stato. Paradiso della biodiversità, il Kinabalu ospita nel suo territorio oltre 1200 specie di orchidea, 26 di rododentro, 100 differenti specie di mammiferi, moltissimi volatili e alcune varietà di piante carnivore.
Il campeggio nel parco non è concesso (ridicolo visto che è permesso in praticamente tutti i parchi dell'area del sudest asiatico!) ed alloggiare nei resort e varie sistemazioni al suo interno è alquanto dispendioso (100RM minimo a notte cioè circa 25€). Un'alternativa valida è sostare all'esterno del parco dove esistono differenti possibilità fra cui la Bayu guesthouse homestay che offre dormitori da 6 posti a 20RM per persona, il bagno è comune ed a disposizione c'è un piccolo cucinotto ma anche il ristorante adiacente è una valida alternativa per consumare i vostri pasti).
L'ingresso giornaliero al parco costa 15RM per persona ma se si soggiorna all'interno della riserva, un biglietto è valido per tre giorni. Si possono percorrere svariati sentieri ben segnalati e conservati dove cercare di avvistare qualche animale sfuggente (scoiattoli e volatili in primis). I tracciati sono per tutte le gambe e variano in lunghezza e difficoltà. L'ascesa al monte è ormai divenuta talmente di moda che la gestione del parco ed il Sutera lodge che possiede tutte le sistemazioni presenti qui... per la serie la natura in mano ai privati... hanno deciso letteralmente di spennare chi desidera godere del piacere dell'ascesa in due/tre giorni per salire in tutta calma, dedicarsi al birdwatching ed all'osservazione di fiori e piante. I costi per l'ascensione in un solo giorno (i metri di dislivello sono 2300m circa e mettete in preventivo di non poter dedicare molto tempo alla natura che vi circonda perchè dovrete correre) sono i seguenti aggiornati al 2011:
  • 100RM per persona di permesso alla scalata
  • 7RM per persona di assicurazione obbligatoria
  • 85RM per la guida obbligatoria fino a tre persone
  • 14,75RM a tratta per il trasporto fino alla porta d'accesso al sentiero e per l'ascesa in un solo giorno sarete praticamente obbligati ad usufruire di questo servizio.
In totale, per una sola persona, 221,50RM (circa 50€, una cifra già alta per gli standard malesi)!
Per chi volesse invece affrontare il trekking in due giorni, ideale per poter godere a pieno della bellezza e delle curiosità del luogo, oltre ai costi sopra citati va aggiunto quello della notte in uno dei rifugi montani gestiti dal Sutera Lodge di Kota Kinabalu, dove un letto in dormitorio va dai 425 ai 475RM a notte (inclusi i pasti) cioé circa 100€ a notte per persona, nemmeno fosse un albergo a 5 stelle! La montagna e la Natura dovrebbero essere per tutti, soprattutto quando si parla di un sito UNESCO, ma questo non vale nello stato di Sabah, nel borneo malese dove questo parco e non solo (vedi anche Tabin wildlife sanctuary, Danum valley e Maliau basin), viene sfruttato per il profitto dei soli privati senza considerare la conservazione ed il reale mantenimento degli habitat naturali e della biodiversità. Molte preziose foreste sono già state ridotte all'osso dal business delle piantagioni di palme da olio che continua ad espandersi, purtroppo. E' davvero ripugnante!
Il campeggio è invece concesso nei pressi delle Poring hot springs, a valle oltre il centro abitato di Ranau. Presso queste sorgenti naturali potrete rilassarvi con bagni caldi e praticare il birdwatching.
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×
Ti potrebbe interessare