Il parco naturale Dolomiti Friulane è una riserva istituita nel 1996 e include nel suo vasto territorio le montagne composte da dolomia del Friuli, i Monti Pallidi di questa regione del nord est d'Italia, uno dei nove gruppi montuosi preservati come Patrimonio Unesco. A differenza delle Dolomiti Bellunesi o di quelle Trentine ed Altoatesine, le Dolomiti Friulane sono più isolate nell'estremo oriente delle Alpi ed, anche le zone (scarsamente) abitate, sono riuscite a conservare una selvaticità più naturale e del tutto differente delle altre aree dolomitiche. Le Dolomiti friulane, contornate da valli non eccessivamente turistiche, hanno concesso alla natura l'ormai privilegio di mantenersi in gran parte incontaminata!
Pedalando nel nord est d'Italia durante il nostro bike and trek, ci siamo trovati all'ingresso della riserva naturale del lago di Cornino senza sapere bene quello che ci aspettava. Avevamo sentito delle voci riguardo la presenza dei grifoni nell'area intorno al piccolo bacino, ma non pensavamo di riuscire ad avvistarne alcuno. Questi avvoltoi hanno un'apertura alare che si aggira intorno ai 3 metri e non si possono confondere con nessun'altra specie mentre sono in volo. L'emozione di riuscire a scorgerli nel loro habitat e riconoscere la loro tipica postura è stata davvero grande...
Il mare dalla montagna, la montagna dal mare; sono scenari mozzafiato quelli che la Sicilia regala al viaggiatore, paesaggi che non ci si stanca mai di ammirare e che lasciano un ricordo indelebile nei ricordi, nell'anima, negli occhi di chi le osserva. Il mare dalla montagna è quello che vedremo, che percorreremo, durante il cammino alla scoperta di uno dei luoghi più affascinanti dell'isola, vero e proprio paradiso in terra ed essenza vera della vera Sicilia. Stiamo parlando della Riserva Naturale Orientata dello Zingaro, che lungo un sentiero che parte da Scopello, può essere attraversata in tutta la sua ampiezza fino a raggiungere San Vito lo Capo, con i due paesi ad incorniciare e “limitare” un territorio di sconfinata bellezza.
L'accesso alla riserva lato sud, quello appunto dalla parte di Scopello, permette di lasciare eventualmente il proprio mezzo nell'ampio parcheggio, ove si colloca anche la biglietteria.
Riserva Naturale dello Zingaro: un percorso attraverso la Sicilia incontaminata - 3.2 out of 5 based on 5 votes
Visitare l'isola di Komodo e l'isola di Rinca è una delle esperienze più interessanti da fare in Indonesia. E' incredibile pensare che su queste due isole sperdute del Mare di Flores e su un breve tratto di costa dell'isola di Flores stessa vivano creature preistoriche come i giganteschi draghi di Komodo.
Il Parco Naturale di Paneveggio - Pale di San Martino è uno dei più bei parchi naturali del Trentino orientale. Al confine con il Veneto, il gruppo delle Pale domina questo territorio offrendo ai visitatori i panorami unici delle Dolomiti. Guglie rocciose si stagliano in cielo, sovrastando migliaia di ettari di boschi di conifere alla cui ombra si nascondono innumerevoli specie animali... il territorio del parco è la meta ideale per gli amanti del relax e dell'aria pulita ma anche di chi preferisce le vacanze attive e lo sport: trekking, arrampicata e mountain bike sono solo alcune delle attività che è possibile praticare all'interno dei confini del parco.
Il più grande ambiente umido della Slovenia, le saline di Sicciole. Parco affascinante che si affaccia sull'Adriatico, quest'area paludosa viene sfruttata per la produzione di uno dei beni più sfruttati per la conservazione, il sale. Oggi il parco attira anche numerosi turisti che si addentrano per esplorare le bellezze di questo ambiente e per ammirarne gli abitanti, soprattutto uccelli. Il birdwatching è infatti una delle attività più popolari all'interno della riserva ma anche la mountain bike ed il trekking sono sport praticabili.
Il Parco Nazionale degli Alti Tauri, una delle riserve protette più grandi d'Europa. Un parco nazionale montuoso, incastonato nel cuore delle Alpi, tra la Carinzia, il Tirolo ed il Salisburghese. Questo polmone verde d'Europa è splendido da visitare in tutte le stagioni anche se per accessibilità e occasioni di svago l'estate ha certamente il meglio da offrire: trekking, mountain bike, campeggio, arrampicata, relax e molto altro fanno di questo parco nazionale il luogo perfetto per una vacanza attiva!
La montagna più conosciuta e più cara agli abitanti di Trento è quella che sovrasta la città con le sue tre cime, raggiungibili tutte in un unico trekking di qualche ora. Il Monte Bondone è frequentato in ogni stagione dell'anno: in estate ed autunno per escursioni che possono collegarlo anche allo Stivo, in inverno per ciaspolare o sciare (solitamente vengono organizzate anche divertenti ciaspolate in notturna!) ed in primavera per passeggiare e per gustarsi l'esplosione di colori dei fiori di campo e di quelli del giardino botanico del Monte Bondone a Le Viote.
Il Parco Nazionale di Khao Laem, nella valle del fiume Kwai al confine con l'ex Birmania, è un polmone verde costituito da jungla e paludi. Al suo interno si trovano laghi e splendide colline di fitta vegetazione a volte difficilmente penetrabile. Tigri, elefanti ed altri splendidi ed elusivi animali abitano il parco che è il luogo perfetto per chi ama l'avventura e la natura.
Il parco nazionale Durmitor è una delle perle del Montenegro. Un piccolo angolo alpino nei Balcani: le sue vette rocciose ricordano le pareti dolomitiche mentre i deliziosi laghetti di montagna che costellano il parco riportano alla mente quelli sparsi per le alte quote alpine. Nel parco nazionale Durmitor si può campeggiare e non mancano le attività outdoor da praticare: trekking, mountain bike, rafting, canyoning, arrampicata... insomma, un paradiso sia per gli sportivi che per gli amanti della tranquillità
Parco Nazionale Durmitor in Montenegro - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Lo Yucatan è famoso soprattutto per le spiagge di Cancun e per le sue località turistiche costiere ma la natura rigogliosa non manca ed il parco nazionale del Rio Lagartos ne è l'esempio più eclatante. Una riserva istituita per proteggere la grande biodiversità presente nell'area: è l'ideale esplorarla e scoprirla in barca.
Parco nazionale del Rio Lagartos nello Yucatan - 3.0 out of 5 based on 1 vote
Una caldera gigantesca ricoperta da un enorme lago dalle acque turchesi: questo è, agli occhi del turista, il vulcano di Kawah Ijen. Una splendida località di montagna che si trasforma in un luogo di lavoro insalubre e massacrante per i lavoratori locali. Sul fondo della caldera infatti si trova una cava di zolfo enorme, da cui decine di portatori estraggono chili e chili del prezioso materiale per una paga che si aggira sugli otto dollari al giorno. La passeggiata che noi abbiamo allegramente fatto al mattino è per loro una lenta agonia sotto il peso dello zolfo...
Il vulcano di Kawah Ijen in Indonesia - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Il parco nazionale di Doi Suthep Pui nel nord della Thailandia è uno dei più visitati di questa zona per la sua comodità: si trova infatti non troppo distante dalla città di Chiang Mai. Come molti parchi thailandesi, anche questo è caratterizzato dalla presenza di una folta foresta pluviale che ricopre i pendii montuosi che costituiscono gran parte del territorio del parco. Cascate, grotte e sentieri sono le principali attrazioni del parco che consentono agli amanti dei trekking e della fotografia naturalistica di trovare ottimi spunti per divertirsi.

Il parco nazionale Kaeng Krachan in Thailandia è il più grande parco nazionale thailandese ed è stato costituito nel 1981 per preservare l'ampia zona di foresta pluviale al confine con la Birmania. Oggi, oltre all'ampia area di foresta, fa parte del parco un ampio lago artificiale sulle cui acque è possibile cimentarsi in qualche escursione in barca per pescare o per scoprire le numerose isole presenti. L'esplorazione della foresta è la più emozionate delle attività da svolgere, soprattutto se cercherete di essere presto al mattino sul posto.
Ang Trapeang Thmor è una riserva nata attorno ad un bacino irriguo costruito durante il regime di Pol Pot ed è divenuta, in quest'area, il simbolo della rinascita della Cambogia. La nidificazione della gru antigone (ne restano circa mille esemplari al mondo) ha fatto sì che iniziassero ad arrivare ricercatori e conservatori ed oggi qualche turista si avventura fin qui ma sappiate che, se decidete di scoprire la riserva, arrivare e restare sarà davvero un'avventura!
Il Wawo Muda è un vulcano nato da una grossa esplosione nel 2001 poco distante dalla cittadina di Bajawa, sull'isola di Flores in Indonesia. E' stato presto identificato come il fratello minore del ben più noto Kelimutu soprattutto per la presenza, all'interno della sua caldera, di due laghi dalla colorazione giallo-marroncina. Raggiungerlo non è semplice, ma vi assicuriamo che varrà la pena fare lo sforzo di inerpicarsi sulle scoscese strade dell'isola di Flores per arrivare fin qui!
 
×
Resta aggiornato
 

×