Olanda in bici: itinerario tra mulini a vento e castelli

Pubblicato in Olanda
Vota questo articolo
(4 Voti)
Etichettato sotto
In nessun altro angolo del mondo mi era capitato di vedere così tanti mulini a vento come in Olanda. Mulini, ma non solo... fiori, riserve naturali, cittadine storiche, castelli, piste ciclabili, l'Olanda in bici è una continua sorpresa: sicura e variegata, colorata e inaspettata. Migliaia di chilometri di itinerari ciclabili rendono questo piccolo paese il più bike friendly del mondo ma solo con un viaggio in bici lo si può capire davvero...

Dati tecnici

Cicloturismo in olanda - Mulini e Natura

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Bunnik
Tempo 4 giorni
Dislivello /
Lunghezza
229 km circa
Tipologia di strada
95% asfalto
5% sterrato
VALUTAZIONE
Difficoltà Facile
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE
AprileMaggioGiugno
LuglioAgostoSettembre

 
 

Mulini e campi fioriti

La rete ciclabile olandese è organizzata in maniera impeccabile: ogni bivio, ogni tratta, ogni deviazione al naturale percorso è indicata da un numero al quale poi seguono altri numeri in base alla direzione lungo la quale si vuole pedalare. Dutch bike Tours, tour operator specializzato nella creazione e organizzazione di itinerari in bici per l'Olanda fornisce informazioni indispensabili per scoprire il paese a due ruote. A chi predilige il viaggio in bici in solitaria, senza seguire un gruppo specifico organizzato, ma non è mai stato nella terra dei tulipani e dei mulini a vento, la Dutch Bike Tours mette a disposizione un roadbook, una tabella dettagliata sui numeri da seguire per pedalare lungo l'itinerario scelto, la prenotazione agli alberghi e, se vuoi, anche la mezza pensione. Se invece preferisci, per la tua prima esperienza olandese, unirti ad altri cicloviaggiatori di tutto il mondo basta prenotare il tuo viaggio in bici in Olanda direttamente sul loro sito: http://www.dutchbiketours.com/
Fatta questa premessa è giunto il momento di raccontarti il nostro viaggio tra i mulini a vento, i castelli e le riserve naturali dell'Olanda in bicicletta...

campagna bunnik bici

Bunnik - Gouda | 1° tappa 67 km

Dal piccolo centro di Bunnik, posizionato in posizione strategica per visitare in bicicletta Utrecht senza far tappa direttamente in città, si pedala per le campagne punteggiate di mucche al pascolo e campi coltivati.  I dintorni di Bunnik ci meravigliano da subito: antiche fortezze nobiliari e torrette d'avvistamento lasciano presto il posto a silenziosi corsi d'acqua, una delle ricchezze principali del territorio olandese. Utrecht, la città che ha ospitato la partenza del prestigioso Tour De France, è una piccola perla ciclabile: le sue vie sono trafficate da decine di ciclisti che spaziano dalle coraggiose mamme con la cargo bike, agli studenti universitari, agli artigiani e lavoratori. La prima edificazione della città risalirebbe al 47 d.C. quando i Romani eressero un fortalizio sul Reno.mulino utrechtUtrecht è una città universitaria vivace e merita una visita in bicicletta prima di riprendere il viaggio lungo i canali e Gouda. Come in tante altre località dell'Olanda, se ne contano oltre 1000 sul territorio nazionale, anche Utrecht vanta la presenza di alcuni pittoreschi mulini a vento.
L'itinerario ciclabile prosegue verso nord-ovest costeggiando per un tratto il lago Weide dove sono state allestite delle spiagge di sabbia. Si pedala seguendo le orme del tracciato per bici LF4, Middle of Holland Route, che è lungo 290 km e collega Den Haag a Enschede. Il vento, a tratti contrario, è una costante in Olanda: l'oceano cinge questa terra influenzandone il clima e i ritmi quotidiani, ma gli olandesi sembrano ormai non farci più caso. Il castello di De Haar, una manciata di chilometri oltre Utrecht, è uno dei manieri meglio conservati d'Olanda. castello de haarCircondato da giardini fioriti e verdeggianti, il castello sorge austero dinanzi ai visitatori stagliando le sue torrette contro il cielo terso. L'ingresso è a pagamento ma almeno i giardini non si possono perdere. Nelle lunghe giornate estive non farti mettere fretta da niente e nessuno: pedala con il tuo ritmo, fermati quando vuoi, scatta fotografie e goditi la campagna olandese con i suoi canali, i suoi uccelli acquatici e le casette ricoperte di edera.casa olandese
Woerden si raggiunge dopo aver superato dei passaggi suggestivi nella campagna olandese. Questa cittadina storicamente fu un avamposto fortificato romano, oggi invece conta quasi 50000 abitanti e un enorme mulino a vento adagiato a ridosso della pista ciclabile che lascia l'abitato. pedalando sotto il mulinoGouda si raggiunge costeggiando un canale fiorito dove decine di olandesi hanno costruito la loro casa galleggiante dei sogni.
Il palazzo comunale della città sorge nel centro della piazza principale, la stessa piazza dove durante il mercato i banchetti vendono il famoso formaggio Gouda. Risalente al 1450 circa, l'antico palazzo fu eretto in stile gotico e svolse per secoli il ruolo di comune. Gouda è una città libera dal 1272 e alcuni personaggi del carillon posto sull'edificio rievocano quel periodo. La piazza del mercato è il centro sociale della città ed anche uno dei luoghi più caratteristici di Gouda. Le case in stile fiammingo fiancheggiano l'area portando gli avventori indietro nel tempo. Gouda è il punto d'arrivo della prima tappa del nostro viaggio in bici e, senza dubbio, una delle location più belle visitate in Olanda.

gouda centro

Gouda - Dordrecht | 2° tappa 53 km

Il cicloturismo in Olanda è una pratica alla portata di tutti: i più allenati possono cimentarsi in tappe di lunga distanza, i cicloviaggiatori lenti possono organizzare un numero maggiore di soste considerando anche le visite ai luoghi d'interesse, le famiglie con bambini possono scoprire i parchi naturali e le aree gioco sparse un po' ovunque, magari raggiungendo il mare. La seconda tappa del nostro viaggio in bici inizia a Gouda in una mattinata nuvolosa, pedalando tra le bancarelle del mercato cittadino.gouda inbiciVerso sud-ovest corre uno dei tanti canali che caratterizzano l'Olanda, va in direzione di Rotterdam (anche se noi non la raggiungeremo) e dell'imbarco per uno dei siti UNESCO nazionali: i 19 mulini di Kinderdijk costruiti nel 1740.  L'area che anticipa Rotterdam e l'ingresso nella zona più centrale della città è punteggiato da piste ciclabili curate. Una attraversa il grande canale salato ricongiungendosi al tracciato LF11, la Prinsenroute che corre per 125 km collegando De Haag a Breda. L'LF11 è parte dell'itinerario europeo dell'Eurovelo 15, la strada del Reno che inizia ad Andermatt in Svizzera per terminare proprio nel mare di Rotterdam.olanda ciclabile
A Ridderkerk l'itinerario ciclabile si interrompe ed è necessario imbarcarsi sul traghetto di Driehoeksveer (1,70€) che trasporta le biciclette gratuitamente e raggiunge il sito UNESCO dei mulini di Kinderdijk. Impossibile spiegare a parole la magia di questo luogo fuori dal tempo. Avere una bicicletta e pedalare in completa libertà tra questi antichi mulini a vento è un'esperienza incredibile. Esiste anche la possibilità di visitare due edifici ma per accedervi è necessario acquistare il biglietto all'ingresso del sito.olanda in biciclettaNei fine settimana e durante l'alta stagione turistica il sito è affollato di turisti ma, negli altri periodi, la pace regna sovrana e ci si può perdere ad ammirare le nuvole correre in cielo e riflettersi nell'acqua o fermarsi in un prato ad ascoltare il rumore delle grosse pale girare nel vento. La città di Dordrecht non è lontana dal sito e raggiungerla sarà l'ultima dolce fatica della giornata.

Dordrecht - Gorinchem | 3° tappa 57 km

Una passerella ciclabile sospesa sull'acqua è il benvenuto di Dordrecht ai due cicloviaggiatori italiani... e che benvenuto! La cittadina si sviluppa sull'acqua e per raggiungerla o lasciarla in bicicletta dai mulini, bisogna imbarcarsi su un traghetto. Dalla città sfidiamo le prime gocce di pioggia avvicinandoci al Parco nazionale di Biesboch dove vivono numerosi uccelli acquatici, ungulati e piccoli mammiferi. Insieme a noi pedalano numerosi appassionati di bici da corsa e qualche mountain bikers equipaggiato per affrontare l'inevitabile fango sui tracciati. Un rapido movimento in riva ad un laghetto e improvvisamente appare un piccolo cerbiatto. caprioloCi guarda immobile, pensa di non essere visto, è lontano e al sicuro. L'incontro ci rallegra nonostante il cielo continui a piangere acqua. Il tracciato LF11 diventa presto LF12, la Maas - en Vestingroute. Questo itinerario è caratterizzato dalla presenza di fortezze e dalla costante della Mosa e ce ne rendiamo subito conto. Zigzaghiamo tra campi e villaggi tipici, un tempo forse anche fortificati. Un breve sterrato nel parco nazionale ci conduce ad uno stretto canale impossibile però da attraversare in bici. Una campana e un cartello chiariscono le nostre perplessità: al suono dello strumento, un uomo apre la porta di una casupola sulla riva opposta del canale, salta su una sorta di zattera moderna e con l'ausilio di un cavo ci raggiunge in pochi secondi. Il traghettatore ci invita a salire sul suo mezzo con un sorriso. Il gioco è fatto!
Il villaggio di Woudrichem cattura la nostra attenzione: la bella porta dei progionieri, cinta murarie antiche, mulini a vento e, in prossimità, il castello di Lovestein
castello olanda
Gorinchem, pronunciata Gorchum, lambisce l'acqua sulla riva opposta al paese di Woudrichem. 
Gli scorci idilliaci, la massiccia torre pendente della cattedrale, quel profumo di Mediterraneo (a Gorinchem vivono tanti greci) e di nord ci conquistano subito. Terminiamo la terza tappa della nostra Olanda in bici con gli occhi e la testa colmi di castelli, mulini a vento e zuppe succulente.
gorenchem

Gorinchem - Bunnik | 4° tappa 57 km

Gorinchem è ancora assonnata quando decidiamo di ripartire, ma il meteo è ancora una volta avverso e nuvole cariche di pioggia attendono solo di vederci salire in sella per scaricarci addosso tutta la loro rabbia. Le prime pedalate sono faticose ma a Leerdam, la città del vetro, troviamo riparo nel museo dedicato a questa attività. Con incredibile maestria in questa cittadina vengono realizzati oggetti in vetro soffiato famosi in tutto il Nord Europa.leerdam vetroSeguiamo il tracciato LF7, la River Bank Route, verso Vianen, un paese ameno sdraiato sull'acqua. Sotto la pioggia visitiamo il borgo prima di scoprire che il traghetto sul quale ci saremmo dovuti imbarcare non è attivo. Per proseguire verso Bunnik siamo costretti ad allungare l'itinerario pedalando verso Culemborg che raggiungiamo dopo aver superato due vecchi forti militari.cicogna olandaI campi sono già rigogliosi di spighe dorate e i vecchi granai di questa zona giacciono solitari tra i fazzoletti di terra coltivata. A Bunnik non piove più e ci godiamo l'arrivo gustando un dolce locale a base di pastafrolla. Nonostante le dimensioni ridotte, un mese non basterebbe per visitare l'Olanda in bicicletta... per stavolta ci accontentiamo di averne respirato un po' l'essenza fatta di fiori, mulini a vento e antiche città diventate libere nel corso dei secoli.
Il sito del turismo olandese è aggiornato e ricco di spunti ciclabili e culturali: prima di partire dateci un'occhiata http://www.holland.com/. Un altro sito davvero interessante è Holland-Cycling con informazioni e consigli per programmare il prossimo viaggio in in bici in Olanda
Olanda in bici: itinerario tra mulini a vento e castelli - 3.5 out of 5 based on 4 votes
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Gabriele Kaiser 2015-11-17 11:15
L´Olanda mi piace come paese e soprattutto per le piste ciclabili;-) A casa mia in Valdaora si va su e giù e invece in Olanda le piste sono al pianterreno e questo mi piace molto:)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×