Malga Castrin con le ciaspole: il cielo stellato del Trentino

Pubblicato in Trekking in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
La primavera è già arrivata ma in Trentino non se n'è accorto nessuno: neve e freddo continuano a farla da padrona ed allora ne approfittiamo per continuare ad utilizzare le ciaspole. In val di Non le Maddalene sono il territorio ideale per escursioni facili o più impegnative. In questa occasione ci siamo concessi una facile ciaspolata notturna alla malga Castrin per qualche scatto alle stelle!

Mappa

 

Dati tecnici

Trentino - Val di Non

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Gallerie Val d'Ultimo
Tempo 2 ore circa
Dislivello  180 m circa
Lunghezza 3 km
VALUTAZIONE
Difficoltà Facile
Panorama Molto bello
QUANDO ANDARE
GennaioFebbraioMarzoAprileMaggioGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobreNovembreDicembre

Altimetria

Dalle gallerie della Val d'Ultimo alla Malga Castrin sulle Maddalene

 malga castrin con le ciaspole

Foto

Star trail in V...
Malga Castrin s...
L'obiettivo della nostra escursione con le ciaspole in notturna era in realtà la cima del monte Luchet, proprio sopra alla malga Castrin che abbiamo raggiunto, ma dato il cielo stellato fantastico abbiamo deciso di dedicarci alla fotografia notturna cercando di catturare la magia del momento, rinunciando all'ultimo tratto di salita.

Malga Castrin: il percorso sulle Maddalene

Per raggiungere malga Castrin ed il monte Luchet lasciamo l'auto nell'ampio parcheggio tra le due gallerie che collegano la val di Non alla val d'Ultimo, tra Trentino ed Alto-Adige, da dove si può anche intraprendere il giro delle Malghe delle Maddalene. Dall'angolo del parcheggio nei pressi della galleria si inizia la ciaspolata subito con uno strappo impegnativo di pochi metri. Tenendo la sinistra si passa sopra l galleria per entrare nel bosco e riprendere a salire in maniera decisa. La traccia ben visibile ed il cielo punteggiato di stelle ci permettono di utilizzare il frontalino solo per alcuni tratti, tenendolo spento per godere meglio degli splendidi panorami per tutto il resto del tempo. Dopo una salita di quale decina di minuti si sbuca in un'ampia radura che ci cattura subito. Il silenzio assordante e la luce riflessa dalla neve ci consigliano di impugnare il cavalletto ed estrarre la macchina fografica. Fin quando le punta delle dita dei piedi non iniziano a congelarsi restiamo fermi scattando alune foto, sperimentando anche lunghe esposizioni per ottenere lo "star trail". Riprendiamo la marcia verso nord attraversando tutta la radura in un dolce saliscendi. Alla sua estremità settentrionale ci teniamo sulla destra costeggiando il margine del bosco per scavalcare un piccolo dosso. Poco più avanti, di fronte a noi, ora scorgiamo l'edificio in pietra e legno ed un altro quarto d'ora di marcia ci conduce al suo ingresso. Dato lo spettacolo del cielo ed il freddo pungente decidiamo di fermarci per qualche altro scatto a malga Castrin rinunciando a proseguire fino alla cima del vicino monte Luchet. Il rientro segue il medesimo percorso dell'andata. Avete già fatto escursioni in Val di Non?!? Fateci sapere quali nei commenti!
Malga Castrin è aperta dal 1° giugno al 30 settembre (periodo di alpeggio) e trovate tutti i dettagli sul sito di Visit Trentino mentre per altri percorsi in zona, sia estivi che di sci alpinismo e ciaspole, potete consultare il sito maddalene.it o il portale ufficiale della val di Non.
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Persone in questa conversazione

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×