La libertà di pedalare cantando a squarciagola | Carpegna - Urbino 5° tappa

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(1 Vota)
Il risveglio quest'oggi ha un sapore amaro. Il ticchettio che colpisce il soprattetto della tenda non lascia spazio all'immaginazione: le gocce di pioggia si infrangono sul nylon come schegge che trafiggono il nostro umore. Ma la speranza non ci abbandona e nell'attesa che spiova ci godiamo il caldo tepore del nostro sacco a pelo... d'altronde in un viaggio in bici di un mese qualche giorno non proprio splendido lo dobbiamo mettere in conto.

Mappa

 
Ci alziamo controvoglia e facciamo la sponda tra la tenda e i bagni del campeggio con guizzi felini per evitare il diluvio che allieta, si fa per dire, il nostro breve tragitto. Il forte vento che mi ha tenuto sveglio ieri sera continua a sferzare la tenda che però regge alla grande nonostante i nostri timori. Le nubi sopra la nostra testa restano invece in balia di eolo e vengono trasportate lontano ad una velocità inaspettata: si deve sfruttare il momento ed il sole che fa capolino ci spinge ad accelerare le operazioni d'imballo.
In men che non si dica siamo in sella, salutiamo e pedaliamo sotto nuove nubi che arrivano e se ne vanno in pochi minuti. Il cielo cambia svelto come il paesaggio. E' già quasi mezzogiorno e l'obiettivo di raggiungere Urbino sembra quasi una chimera, tanto più che una frana ci costringe ad una (per fortuna breve) deviazione. Frontino ci saluta sull'altro versante della valle e noi ci tuffiamo a capofitto verso Belforte all'Isauro, dominato dall'imponente castello. Ad essere sinceri però ciò che ricorderemo del piccolo paese di fondovalle è il mega-panino preparato dal salumiere: una delizia!
Imbocchiamo la provinciale fogliense fino a Piandimeleto dove consultiamo le mappe OSM del nostro gps trovando un'alternativa poco trafficata verso Urbania. Splendidamente desolata, la strada non è stata manutenuta da qualche decennio e zigzaghiamo tra le buche dell'asfalto sul quale le nostre ruote scorrono via veloci. Saliscendi, paesaggi idilliaci ed un cielo minaccioso ci accompagnano fin sul colmo della collina di Peglio dominata dalla torre. La picchiata verso Urbania è repentina e ci consente di rifugiarci in un bar prima di uno scroscio di pioggia.
Non appena il cielo si quieta, sulla piazza della cittadina appare un giovane che scorrazza libero cantando a squarciagola sulla sua bici fiammante: ad un'occhiata più attenta mi accorgo che il ragazzo è affetto dalla sindrome di Down e nel guardarlo, per un momento, mi assale un'assurda gelosia: la sua spensieratezza mentre pedala incurante del giudizio altrui è la più alta espressione di libertà a cui abbia assistito di recente!
Riprendiamo il nostro viaggio in bici attraversando le viuzze di Urbania, piacevole cittadina che ha segnato il primo ingresso nella valle del Metauro. Per raggiungere Urbino in bici, decidiamo di ritornare sui nostri passi e percorrere la statale 73bis di Bocca Trabaria anziché seguire il corso del fiume lungo vie più trafficate. Questa scelta, ne siamo consapevoli, comporterà nuove colline da superare ma sapevamo di dover pedalare con il naso all'insù quando abbiamo deciso di iniziare l'avventura di #transitalia e cercare di attraversare gli Appennini in bicicletta!
Il percorso è più dolce di quanto ci aspettassimo ma nonostante questo giungiamo ai piedi di Urbino quando il tramonto è ormai passato da un po'. La ricerca di un alloggio si rivela più complicata del previsto e dopo aver vagato a vuoto per il centro della splendida cittadina abbarbicata, ancora una volta la tecnologia ci viene in aiuto: una rapida ricerca sullo smartphone ci rivela la presenza di un bed and breakfast non troppo lontano e quando le tenebre ci hanno ormai avvolto insieme alle nubi basse, affrontiamo l'ultima aspra ascesa al cui termine si trova lo splendido alloggio dove resteremo per un paio di giorni dedicati alla visita della città ed al lavoro.
Per scoprire tutte le tappe di #transitalia e scaricare le tracce GPS dai un'occhiata alla mappa del nostro viaggio in bici oppure continua a viaggiare in bici per l'Italia tornando alla tappa n° 4 da Balze di Verghereto a Carpegna... a breve racconteremo anche la sesta tappa da Urbino a Frontone.
La libertà di pedalare cantando a squarciagola | Carpegna - Urbino 5° tappa - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×