Una serata in bici a Bangkok, un modo alternativo di visitare la “Città degli Angeli”

Pubblicato in Thailandia
Vota questo articolo
(1 Vota)
Etichettato sotto
Lo confesso: non sono un appassionato di escursioni in bici o un cicloamatore sempre pronto a pedalare una mountain bike per esplorare nuovi posti. Di tanto in tanto, quando vivevo in Italia, mi aggregavo volentieri ad alcuni amici appassionati di cicloturismo ma tutto si è sempre fermato lì, a qualche breve escursione con una bici presa in prestito e pochi chilometri da percorrere in campagna. Qui in Thailandia però la già scarsa passione si è raffreddata completamente a causa delle temperature elevate, del traffico caotico e dello smog che caratterizzano Bangkok, la metropoli che ora chiamo “casa” e che Leo ha ben descritto nel post “Bangkok non fa rima con bicicletta”.
Ovviamente, fuori dalla capitale capita spesso di incontrare gruppi di persone in sella ad una bicicletta, spesso con tanto di zainone in spalla e macchina fotografica appesa al collo. Turisti fai da te e gruppi organizzati che esplorano la Thailandia in lungo e in largo utilizzando la bicicletta come mezzo di trasporto, un’idea che sicuramente non ha nulla di nuovo ma che non mi aveva mai attirato prima d’ora. Con i bambini in Isaan, nel nordest della Thailandia, di tanto in tanto mi sono cimentato in gare su strade sterrate polverose. 3 settimane fa, mentre tornavo a casa, mi vedo affiancare da un gruppetto di 5 tipi sorridenti tutti con la stessa T-shirt che sponsorizzava un’agenzia di “Cycle Tour” cittadino. La sera dopo, arrivando in uno dei miei ristoranti preferiti sulle rive del Chao Phraya, noto per la prima volta delle mountain bike appese ad una rastrelliera e dei volantini in inglese con tutte le informazioni sul servizio offerto ai turisti interessati a scoprire Bangkok in modo diverso. Non credendo al caso ma facendo molta attenzione alle coincidenze mi sono detto che non potevo perdere l’occasione per scoprire nuovi angoli di una metropoli che mai mi sarei immaginato potesse offrire questo tipo di servizio. La mattina dopo chiamo il numero di telefono trovato sul volantino e una simpatica voce in inglese risponde a tutte le mie domande su orari, costi, difficoltà e aggiunge che la loro (ovvero la Bike Tour Bangkok) non è né l’unica, né la più vecchia o tantomeno la più economica agenzia che offre questo servizio a Bangkok ma che mi sfidava a trovare qualcun altro che avesse la stessa passione e preparazione per quello che mi stavano offrendo, strategia di vendita forse banale ma che, quantomeno con me, ha funzionato perfettamente.

Tanto per provare, ho approfittato dell’offerta promozionale (1000 baht invece di 1350) e mi sono aggregato ad altri 4 avventurosi per effettuare quello che, a detta loro, doveva essere un “giro facile adatto a tutti” in notturna, un’escursione di una ventina di chilometri da percorrere in 4-5 ore fra le strade e i vicoli di Bang Rak. Giro facile? Forse per voi che in bicicletta ci andate tutti i giorni! Scherzi a parte: nonostante alcuni momenti in cui per l’equilibrio precario dovuto agli stretti passaggi lungo i canali ho temuto di ritrovarmi in acqua, devo ammettere che è stata un’esperienza divertente, istruttiva e che mi ha aperto nuove prospettive per conoscere la città in cui vivo da oltre 4 anni.

Siamo partiti puntualissimi, alle 17,30, dal versante Thonburi del molo Saphan Taksin; attraversato il fiume con il battello, ci siamo messi il casco protettivo e siamo saliti in sella alle bici affidateci al seguito di Sutee, la nostra guida. Poco dopo, inoltrandoci in delle stradine che non avevo mai percorso, siamo arrivati alla Assumption Cathedral, la principale chiesa cattolica dell’arcidiocesi di Bangkok. Da qui, pedalata dopo pedalata, abbiamo proseguito fra vicoli e strade trafficate fino ad arrivare a China Town. Qui ci siamo finalmente concessi una sosta per dare la possibilità a chi la visitava per la prima volta di fare qualche acquisto e assaggiare i prodotti in vendita nelle numerose bancarelle. Ovviamente, da questo affascinante quartiere, ci siamo diretti al Mercato dei Fiori, sempre affollato e coloratissimo, perfetta location per scattare delle belle fotografie. Nel tour non potevano mancare monumenti famosi come il Grand Palace, Wat Phra Kaeo e Wat Pho (ovviamente non visitabili all’interno visto l’orario in cui stavamo effettuando il tour). Per me la vera sorpresa è però arrivata riattraversando il fiume con il ferry. Qui, in un’alternarsi di edifici di diversi stili architettonici e mercati tutt’altro che turistici, il “The Touch of Thai Smile” mi ha fatto scoprire una zona che non avevo mai visto con monumenti come Temple of Dawn, Wat Kalayanamit, la Chiesa di Santa Cruz e molti negozietti dai prezzi davvero convenienti. Arrivati al termine del giro nel punto da cui eravamo partiti, nonostante la stanchezza ho approfittato per suggerire ai miei compagni d’avventura una cena in stile “Thai” nel ristorante lungo il fiume che mi ha dato l’opportunità di scoprire questo modo diverso di visitare Bangkok, il Pepsi Pier Restaurant (non credo abbia un nome vero e proprio ma è conosciuto così per via del fatto che si trova accanto al deposito della Pepsi).

Presto sperimenterò altre escursioni, magari con un’altra agenzia e potrò dirvi se è vero che nessuno ha la stessa passione e preparazione.

Informazioni utili:
Volare a Bangkok dall’Italia: volo diretto via Thai Airways (durata 10 ore circa) o con uno scalo grazie a Qatar Airways, Emirates, Aeroflot e diverse altre compagnie che offrono spesso offerte
Dormire a Bangkok: il mio consiglio cade sempre The Heritage Silom, non economicissimo ma molto centrale e ben collegato;
Assicurazione sanitaria internazionale: non obbligatoria ma raccomandata vista l’assenza di accordi internazionali bilaterali fra Thailandia e Italia
Agenzie che organizano tour in bicicletta di Bangkok: Bike Tour Bangkok (quello da me sperimentato) ma anche Spice Roads, Bangkok Biking e Bicycle Safari

Costo e caratteristiche del tour di Bangkok in bicicletta: 4 ore circa / 1.350 Baht (circa 35 € al cambio attuale) comprendente noleggio TREK Mountain Bike 24 speed e casco, trasferimenti in ferry, guida in inglese e bibite (acqua) / Contatto +66 (0)89 665 3536

Una serata in bici a Bangkok, un modo alternativo di visitare la “Città degli Angeli” - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito