Cammino di Santiago in bicicletta: come organizzare il viaggio

Pubblicato in Spagna
Vota questo articolo
(23 Voti)
Non avevo mai fatto un viaggio in bici prima di questo, ma da sempre mi affascinavano quei bikers intrepidi che ogni tanto si incontrano per strada, con enormi sacche montate sui lati, vestiti consumati e una bandierina che sventola indicandone la provenienza. E’ una delle figure che più mi trasmette il senso di Libertà! Li ho sempre ammirati con stima e simpatia.
 Così da anni anch’io avevo in mente un viaggio in bicicletta, in solitaria, tranquillo. La ricerca e la scelta dell’itinerario non è stata difficile: lo storico Cammino di Santiago in bici è tutto ciò che cercavo. Anzi, di più!

Introduzione e premesse al Cammino di Santiago in bici

Meta di un particolare turismo religioso e non solo che viene compiuto a piedi, in bicicletta, a cavallo e comunque senza mezzi di locomozione a motore, camminando principalmente per strade di campagna con l’unica meta di giungere a Santiago de Compostela presso la tomba dell’Apostolo San Giacomo (Santiago). Andare per strade o semplici vie campestri significa misurarsi con l’inclemenza del clima, con la bellezza del paesaggio e con le sorprese che un uomo può incontrare nell’andare a piedi verso una meta lontana. Per questa ragione vanno subito fissate delle indicazioni precise:
1) Chi parte per il Cammino di Santiago in bici non è un eroe e neppure una persona fisicamente dotata in modo particolare;
2) Il Cammino di Santiago non deve essere affrontato come un “c’ero anche io” (è praticato da migliaia di pellegrini all’anno);
3) Va tenuto presente che ci sono da percorrere non meno di 30 Km al giorno per molti giorni e che quindi occorre una certa preparazione fisica. Io non sono credente, non ho quindi percorso questo itinerario ciclabile per devozione, ricerca spirituale o penitenza verso un luogo considerato sacro. L’ho percorsa come “spettatore” e semplice viaggiatore, rispettando naturalmente la sua storia e la sua sacralità, percorrendo 900 km in bicicletta, nell’arco di 15 giorni, senza seguire un programma di viaggio dettagliato.
 

Organizzare il viaggio lungo il Cammino di Santiago

 
La difficoltà principale nell’organizzazione del viaggio in bici è stata trovare il modo per arrivare in tempi ragionevoli a St. Jean Pied de Port, cioè il punto di partenza originale del Cammino di Santiago. Molti raggiungono questa piccola località del sud della Francia con il treno: da Milano sono necessarie 10 ore e mezza (via Parigi) oppure 13 ore (via Ginevra) per giungere a Bayonne, da dove partono diversi autobus e treni che in circa 1 ora portano a St. Jean Pied de Port.
Dopo alcune ricerche ho trovato la soluzione ideale: volo Ryanair da Bologna nel pomeriggio con arrivo a Bordeaux (Francia).paesaggi
Da qui treno (prenotato su www.tgv-europe.it) per Bayonne e arrivo in serata. Volo di sola andata con bagaglio speciale (bicicletta) e assicurazione: 105 euro. Da Bayonne autobus per St. Jean Pied de Port. Il viaggio di ritorno è molto più semplice in quanto da Santiago de Compostela c’è un volo diretto Ryanair per Orio al Serio (Bergamo-Milano).
Altra cosa fondamentale è attrezzare la bicicletta nel miglior modo e ridurre al minimo i bagagli (ulteriori informazioni sul mio blog di viaggio).
 

Come percorrere il Cammino di Santiago in bicicletta

Il Cammino di Santiago in bicicletta si può percorrere in 2 modi: seguendo la strada oppure sul sentiero originale dove camminano a piedi i pellegrini. Io ho scelto la seconda possibilità, proprio perché non ero interessato a un viaggio qualsiasi in bici. Detto questo, sappiate che per seguire il percorso è necessaria una mountain bike e soprattutto una buona dose di forza di volontà e allenamento. Arrivare invece a Santiago De Compostela attraverso le strade comuni (quelle percorse dalle auto tanto per intenderci) è meno complicato, meno faticoso ed in tal caso vi consiglio una bici da strada. Seguire il percorso originale significa percorrere un sentiero nato e organizzato per chi si muove camminando, con salite e discese a volte impossibili da fare pedalando, con cancelli e strettoie che obbligano a scendere dalla sella e con tutta una serie di piccoli dettagli che sulle decine di chilometri al giorno, alla fine, si fanno sentire.Matteo
 {phocagallery view=category|categoryid=366|limitstart=0|limitcount=6}

Il mio itinerario in 13 tappe

  • Giorno 1: St. Jean Pied de Port – Zubiri 48 km
  • Giorno 2: Zubiri – Lorca 56 km
  • Giorno 3: Lorca – Logrono 59 km
  • Giorno 4: Logrono – Castildelgado 62 km
  • Giorno 5: Castildelgado – Burgos 61 km
  • Giorno 6: Burgos – Fromista 65 km
  • Giorno 7: Fromista – Bercianos del Real Camino 73 km
  • Giorno 8: Bercianos del Real Camino – Leon 46 km
  • Giorno 9: Leon – El Acebo 86 km
  • Giorno 10: El Acebo – Valcarce 53 km
  • Giorno 11: Valcarce – Sarria 55 km
  • Giorno 12: Sarria – Palais del Rei 45 km
  • Giorno 13: Palais del Rei – Santiago de Compostela 70 km
 

Dettagli del viaggio in bici

La prima cosa da fare prima di partire per il viaggio in bici vero e proprio è la “Credencial del Peregrino” (un tesserino dove poi verranno raccolti i timbri dei vari ostelli in cui si alloggerà), presso l’ufficio accoglienza pellegrini di St. Jean Pied de Port o Roncisvalle. Non è obbligatoria ma molti ostelli la richiedono per accogliervi nella loro struttura. Il primo giorno è senza dubbio il più duro, in quanto si attraversano i Pirenei e la salita è veramente impegnativa (1.000 metri di dislivello). Da Roncisvalle in poi è molto più abbordabile. santiago in biciDa segnalare anche la salita che porta da Leon alla Cruz de Ferro (il punto più alto del Cammino di Santiago, a 1.500 m di quota) e soprattutto O Cebreiro, un passo di 8 km in salita, tra Valcarce e Sarria, da affrontare con molta calma perché impegnativo (in bici è vivamente consigliata la strada in quanto il sentiero del cammino originale è impraticabile). Tappe imperdibili sono Pamplona, Logrono, Burgos, Leon e Ponferrada.
 

I pellegrini

Dopo questa esperienza, la prossima volta che sentirò utilizzare il termine “pellegrino” in maniera dispregiativa mi indignerò! Si, perchè i pellegrini sono gente tosta. 
Innanzitutto, loro VANNO, questa è la loro caratteristica principale e già questo aspetto li eleva rispetto al resto del mondo che normalmente è FERMO. Inoltre, è il modo che hanno di ANDARE da rispettare ulteriormente: loro camminano, lenti, silenziosi, imperterriti. Camminano con il sole e con la pioggia, con scarpe tecniche e con sandali, su strade battute e nel fango, in condizioni favorevoli e avverse, camminano sempre. E lo fanno sottovoce, a testa bassa, senza annunci, senza pubblico nè avversari. E hanno sempre un sorriso pronto per chiunque, un augurio e un saluto incoraggiante. Qualità rare e notevoli, specie in questi tempi. Ode ai pellegrini!tappa10
 

Informazioni Utili

Imballaggio bicicletta
: per l’andata vi consiglio di affidarvi al vostro negozio di biciclette di fiducia. Questi negozi hanno spesso a disposizione le scatole in cartone utilizzate per la spedizione delle biciclette, che potrete riutilizzare per imballare e poi trasportare la vostra.
 Sulla maggior parte dei treni europei si può trasportare la bicicletta, ma è bene informarsi prima di acquistare il biglietto.
 Sui voli di linea accettano la bicicletta (se imballata come si deve) pagando un extra (di circa 30/40 euro). Per il ritorno, da Santiago de Compostela è possibile affidarsi a dei negozi che si occupano direttamente dell’imballaggio e della spedizione della bicicletta in Italia (costo di circa 100 euro, compreso il ritiro della bici dal vostro hotel), uno di questi si chiama Envialia e si trova in Rua do Pombal 6, oppure per il semplice imballaggio (15 euro + eventualmente 20 euro per il trasporto in aeroporto con taxi) potete fare affidamento su Velocipedo, Rua de San Pedro 23. 
Altra possibilità è quella di recarsi direttamente in aeroporto in bicicletta: qui troverete un ampio spazio dedicato proprio ai ciclisti e agli imballaggi delle bici. Organizzandosi con del pluriball e dello scotch, si può imballare la propria bicicletta per poi imbarcarla al check-in. Questo è sicuramente il metodo più economico.
Alberghi, ostelli e pensioni
: la soluzione più gettonata da chi fa il Cammino di Santiago in bici o a piedi sono gli ostelli per pellegrini. Da St. Jean Pied de Port a Santiago de Compostela se ne incontrano più di 150, ovvero almeno uno per paese. Questi possono essere municipali o privati, in ogni caso costano molto poco (i primi dai 3 agli 8 euro a notte, i secondi dai 10 ai 20). Si tratta spesso di strutture molto spartane, in cui si dorme in camerate da 4 a oltre 10 letti, si cena tutti insieme e dove in generale bisogna adattarsi al contesto e alla convivenza con gli altri pellegrini. Altra soluzione sono le pensioncine o case rurali private: queste hanno più le caratteristiche di un alberghetto, quindi avrete a disposizione la vostra camera privata con bagno solo a vostro uso o comune, in base alle possibilità offerte. Il prezzo può variare dai 20 ai 40 euro a notte. Di queste non ne sono presenti tantissime lungo il Cammino.
 Infine ci sono i classici hotel e motel, ma solo nelle città o in località particolari (vicino grandi strade o paesi di una certa dimensione). Variano dai 25 ai 45 euro a notte.
 Verso Santiago
Varie
 ed eventuali: è utile avere sulla propria bici un campanellino, vi servirà sul Cammino quando dovrete superare i molti pellegrini presenti.
 Attrezzatevi con un kit di sostituzione camere d’aria: lungo il percorso solo nelle grandi città troverete centri assistenza e negozi di biciclette, quindi sul Cammino bisogna essere indipendenti al 100%.
 Facendo molte ore al giorno di attività fisica è bene bere molto: consiglio di predisporre sulla bici almeno due portaborracce. Consiglio inoltre di assumere sali minerali e integratori (meglio acquistarli in Italia, sul posto non si trovano facilmente).
 Entrando nelle varie città, è bene recarsi subito negli uffici turistici (“oficina del turismo”, sempre ben segnalati e molto attivi). Qui si può richiedere gratuitamente una cartina della città, con tutte le indicazioni che vi servono e soprattutto il percorso che vi riporterà sul Cammino.Verso Santiago
Informazioni aggiornate al Maggio 2011.
Matteo Gracis, l'autore dell'articolo, ha compiuto questa avventura di cicloturismo, il Cammino di Santiago in bicicletta, nel 2011 da St. Jean Pied de Port a Santiago di Compostela in 13 tappe. Oltre ad aver scritto un blog dettagliato e molto interessante su questo viaggio, Matteo scrive sul suo blog personale dove tratta di consumo critico e vita sostenibile ma anche di molto altro... fateci un salto, lo troverete davvero illuminante
 
Da qualche tempo Ryanair propone la tratta aerea per raggiungere Lourdes da Bergamo. A Lourdes e Orolon-Sainte-Marie sono presenti ostelli per pellegrini e in sole 2 tappe si raggiunge a Saint-Jean P.P.
Cammino di Santiago in bicicletta: come organizzare il viaggio - 3.9 out of 5 based on 23 votes
Guest blogger

Sulle pagine di lifeintravel.it ospitiamo di tanto in tanto racconti, guide e itinerari proposti dai nostri lettori. Se desideri anche tu scrivere un post relativo ad un viaggio in bici che hai fatto o ad un argomento coerente con quanto trovi su Life in Travel, non devi far altro che contattarci all'indirizzo email info@lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 mirko 2014-07-12 14:03
ciao, mi appresto anche io a effettuare lo stesso identico giro, arrivo a bordeaux poi treno, volevo sapere se la bici l'hai lasciata imballata anche per il viaggio in navetta aeroporto e treno, oppure l'hai rimontata subito fuori l'aeroporto? grazie
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Luca 2015-05-07 13:17
Mi chiamo Luca abito in provincia di Bologna ho 33 anni e mi piacerebbe trovare un gruppo per percorrere il cammino di Santiago in MTB.
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Luis 2015-05-16 22:49
si sto valutando l'idea di realizzare questo viaggio in solitaria
da metà luglio, un buon compromesso secondo me è bike trekking con borsoni di fianco
e pedalare tanto pedalare.................
Buon viaggio a tutti
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Francesco 2015-08-18 19:41
Salve a tutti,
non riesco a trovare gli autobus che da Bayonne portano a St. Jean Pied De Port.
Quanto tempo dura questo viaggio?
Secondo voi è fattibile partire la mattina da Bayonne (con autobus) arrivare a St. Jean Pied De Port ed iniziare a pedalare sperando di riuscire ad arrivare a Pamplona entro le 20:00?
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Vero 2015-08-24 16:56
Ciao Francesco,
non ho avuto molto tempo per guardare meglio ma di certo esistono diversi treni che raggiungono st. jean da Bayonne. Il viaggio dura circa 1ora e 13 minuti e partono a questi orari: 7:45, 11:10, 14:56, 18:06 (trovi dettagli qui: http://proposition.voyages-sncf.com/?clientId=caa00b6e-51af-4b5e-a8bf-268535163390#/)
per quanto riguarda gli autobus ne esiste sicuramente uno in direzione da Rèduit a 6 minuti da Bayonne
13:11 Réduit
811 verso Tardets
15:25 Saint-Palais - Eglise
810 verso Saint Etienne de Baïgorry
15:58 Saint-Jean-Pied-de-Port - Galanaene
16:06 Saint-Jean-Pied-de-Port, Francia

spero di averti aiutato, a presto
Veronica;)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Gianni 2015-09-07 21:46
Cerco amici m/f per cammino Francese in mtb in stile economico (tenda e sacco a pelo ) chi fosse interessato/a mi contatti vorrei partire per fine ottobre ..se non rispondo scrivetemi su whatzapp 3286235438
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 paolo 2015-11-01 15:28
ciao, io vorrei affrontare il cammino a giugno 2016 e volevo sapere come raggiungere l'inizio del cammino (St. Jean Pied de Port) dall'aeroporto di Lourdes senza percorrere questi kilometri in bici. grazie per la risposta
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Vero 2015-11-11 10:46
Ciao Paolo, esistono dei treni che partono da Lourdes e raggiungono prima Bayonne, dove bisogna cambiare, e poi St Jean Pied De Port e che permettono anche il trasporto bici (qui trovi un esempio http://www.bonjourlafrance.com/trains_lourdes_train_station_to_st_jean_pied_de_port_train_station_108_604.aspx) e secondo me è la soluzione più comoda se non vuoi percorrere il tratto tra Lourdes and St Jean in bici. Considera che non tutti i treni possono portare le bici e che il viaggio tra soste e cambi dura circa 5 ore:)
spero di averti aiutato,
a presto
Veronica;)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 guido 2016-04-04 15:35
ciao, cerco gruppo in mtb per giugno
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Gabriele 2016-04-12 15:15
ciao, cerco gruppo per santiago giugno/luglio
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 fabietto71 2016-06-30 01:04
Ciao vorrei pianificare questo bel viaggio in solitaria partendo da Milano con la mia MTB con il treno e poi se gentilmente mi scrivi dove arrivare da Milano in treno fino ? e da dove si incomincia ? se mi potresti scrivere un tragitto fino ad arrivare al'inizio del cammino grazie ciao
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 fabietto71 2016-06-30 01:06
ciao mi potresti scrivere il tragitto con il treno da Milano a ?? per arrivare a fare tutto il tragitto in mtb fino a santiago grazie per email
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 carlo 2016-08-24 15:00
Buongiorno,
puo' avere una logica, viaggiare in aereo con bici al seguito da Milano/Bologna a Lourdes, fermarsi la notte e la mattina dopo alle 7.57 prendere il treno per St Jean Pied De Port ? e poi partire per Puente vla Reina ? ho invece qualche dubbio sulle modalità di rientro da Santiago (aereo con bici ?) ciao e grazie
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Leo 2016-08-24 18:58
Ciao Carlo, direi che ciò che dici (per l'andata) ha logica e forse oggi è la soluzione migliore anche se i costi del trasporto bici con compagnie aeree low cost sono in generale piuttosto alti (ryanair è 60€ a tratta).
A Santiago l'idea migliore forse è quella di volare, sempre su Bologna o Orio al serio dalla città di Vigo.
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 natalino 2017-01-17 21:59
ciao, per me è la prima avventura in MTB, e sinceramente il mio obbiettivo e forse troppo alto, ma mi affascina, da Roma a Santiago in MTB, non lo farei nell'immediato, adesso non ho tempo per motivi lavorativi, ma tra 5 anni vado in pensione e allora... chi mi può dare info dettagliate sul percorso da prepararmi e fare in seguito,da roma a piacenza seguirei al via francigena, anche se le indicazioni portano tutte verso roma e non al contrario, sapete se il percorso è tutto ciclabile o meno? grazie a chi mi risponderà se mi volete contattare via tel o whatsapp 3478407209 o Fb. Natalino mosca (se non erro sono l'unico a chiamarmi così) buone pedalate a tutti
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 carlo 2017-01-17 23:53
Buonasera, io ho effettuato tutto il Cammino da SJPDP a Finisterre con MTB, ovviamente modificata per supportare le borse posteriori, nel periodo 7/23 Ottobre. Non saprei darti indicazioni però sulla Via Francigena. Comunque viaggio perfetto e fantastico. Problemi nessuno, basta un po' di attenzione e gustarsi, assaporare, godersi ......il tutto.....!!!! da fare assolutamente. Ciao.
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 luigi 2017-02-12 15:09
buongiorno a tt sto pianificando il cammino di saniago partendo da sjpp il 21 maggio in mtb ho optato di partire da bergamo con volo ryaner x lourdes e poi raggiungere s.j.p.p con qualche mezzo ,ho guardato con la macchina e unora e mezzo col treno sono circa 10 ore qualcuno mi puo dare qlche dritta.affittare una macchina dal,areoporto di lourdes e quasi inpossibile . poi secondo voi che lo avete fatto e meglio affittare la bici a s.j.p.p o portare la mia mi sono preposto di farlo in 12 giorni in solitario accetto consigli grazie luigi.monteleone
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Leo 2017-02-13 15:05
Ciao Luigi, come dicevo qualche mese fa a Carlo (vedi i commenti qui sopra), la soluzione ad oggi più logica a me sembra quella di volo + treno anche se molto "dispendioso" in termini di tempo.
Per quanto riguarda la bici, tieni presente che con ryanair il trasporto della tua bici costa 61,20€ a tratta (quindi 122,4€ a/r) mentre il noleggio credo ti venga a costare molto di più per 12 gg... però, d'altro canto con il noleggio (se lo trovi con possibilità di lasciare la bici a Compostela una volta concluso il viaggio) hai molte meno noie nel trasporto (imballa, porta le bici agli aeroporti, falle pesare, falle misurare...)
Purtroppo non ho molte più informazioni o dritte da darti, magari c'è qualcun'altro che ti può essere più utile...;)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×