Guida MTB: come pedalare nel fango

Pubblicato in Ruote grasse
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
A volte, quando si esce in mountain bike, sopratutto se si pedala sui sentieri e sulle strade sterrate delle Alpi, è facile imbattersi in un temporale e doversi destreggiare nel fango. Logicamente, se possibile, sarebbe consigliato evitare terreni fangosi ma quando non si ha alternativa è bene sapere come comportarsi per divertirsi anche in situazioni particolari ed è quello che cercheremo di spiegare in seguito.
 
Spesso, durante le nostre escursioni in mountain bike in Trentino ed altrove, ci è capitato di imbatterci in un temporale: molte volte percorrendo ad esempio il classico (per noi) giro Le Grave ed il lago di S. Colomba, abbiamo incontrato terreni pregni di acqua e fango. Per prima cosa, nell'affrontare un sentiero di montagna dopo un'abbondante pioggia, si deve valutare se la via sia o meno percorribile. Se lo strato di fango è troppo spesso, scendete di sella e spingete la mountain bike, cercando di aggirare gli ostacoli e trovare una via alternativa dove passare.
Per divertirsi e riuscire ad oltrepassare i tratti di fango più agevoli, scalate il vostro rapporto su una marcia più agile e pedalate lentamente ma fermamente, senza indugiare e rischiare così di bloccarsi divenendo l'oggetto di scherno dei vostri compagni di escursione. Nei tratti in discesa, prestate molta attenzione poichè una caduta sul terreno reso scivoloso dalla pioggia potrebbe rovinarvi la giornata che, invece, potrebbe essere molto divertente e diversa dal solito: se non è troppo freddo ed a casa vi aspetta una doccia calda, un po' di acqua ed un po' di fango non hanno mai ucciso nessuno!!!
Dopo aver oltrepassato un tratto di fango, è importante rimuoverlo dalla nostra mountain bike in quanto potrebbe bloccare o rovinare cambio, freni e movimento centrale. Inoltre, dopo aver attraversato un sentiero bagnato, controllate i freni testandoli in pianura prima di affrontare una discesa. Indossate sempre il casco ed usate la testa evitando rischi inutili. Infine, una volta fatto rientro a casa, provvedete a lavare il vostro mezzo ed asciugarlo accuratamente, facendo particolare attenzione alle parti più delicate quali catena, cambio, freni....
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 fuzz 2012-09-12 20:45
Complimenti per l'articolo, è di una banalità e di una ovvietà che lasciano senza parole!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Leo 2012-09-13 16:33
Citazione:
Complimenti per l'articolo, è di una banalità e di una ovvietà che lasciano senza parole!
Grazie fuzz per il commento,
l'articolo comunque è inteso per principianti e ovviamente banale per chi se ne intende un po' di moutain bike. ;-)
In ogni caso se avessi qualche consiglio più "tecnico" da dare saremo contenti di recepirlo e condividerlo!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Nebiros 2013-05-04 22:48
Per lavarla va bene usare l'idropulitirice ad alta pressione tipo quella dell'autolavaggio? ovviamente a distanza non ravvicinata per non andare troppo pesante su cambio e deragliatore. C'è chi sconsiglia di usarlo ma mi sembra il metodo più adatto.
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Leo 2013-05-05 18:14
Ciao Nebiros,
personalmente utilizzo spesso l'idropulitore dell'autolavaggio per lavare la MTB: è vero, c'è chi lo sconsiglia ma se, come hai detto tu, si sta attenti a non avvicinarsi troppo con il getto alle parti più delicate della bici (io resterei almeno ad un metro di distanza) e si fanno le cose con un po' di cura, il risultato è ottimo... resta il fatto che dopo averla lavata, va asciugata per bene! ;-)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito