Giro del Monte Gazza in MTB

Pubblicato in Itinerari in MTB
Vota questo articolo
(2 Voti)
Etichettato sotto
Il giro del Monte Gazza in MTB inizia nel borgo panoramico di Ranzo che si staglia sopra il lago di Toblino, nell'Alta Valle dei laghi. L'area del massiccio della Paganella, di cui il Gazza fa parte, si trova a ridosso delle Dolomiti di Brenta e regala ai bikers scorci meravigliosi sulle vette aguzze di dolomia...

Mappa

 
 

Da Ranzo a malga di Gagia

Il giro del Monte Gazza in MTB inizia dal borgo di Ranzo dove è piuttosto facile parcheggiare. Seguendo la suggestiva strada panoramica verso Vezzano si hanno bei panorami sulla Valle dei Laghi e, in particolare, sul lago di Toblino, Cavedine e il Monte Casale, un'altra destinazione top per la mountain bike.
Al bivio per Margone si svolta a sinistra lungo la tortuosa e faticosa lingua d'asfalto che raggiunge il paese in 1,6 km. Margone è l'ultimo piccolo centro abitato prima di inoltrarsi nei boschi del Monte Gazza dove vive ancora l'orso bruno.
Una lunga e impegnativa salita asfaltata inizia poco a monte del paese in direzione di malga di Gagia. Parzialmente ombreggiata, la strada è pedalabile anche nelle giornate più calde dell'anno ma non bisogna dimenticare di idratarsi correttamente e, se si ha la possibilità, partire presto al mattino.
Si sale affrontando diversi tornanti fino a quota 1493 metri dove una rampa cementata molto ripida anticipa Malga di Gagia a quota 1548 metri.
da margone al gazza
 

Verso il Passo San Giovanni

Alla malga di Gagia, durante i mesi estivi, si può fare una sosta per degustare qualche prodotto tipico della zona prima di riprendere il tracciato in direzione del Passo di San Giovanni. Dall'edificio un'altra breve rampa cementata si arrampica verso un pianoro. Il percorso si trasforma in sterrato e nonostante le pendenze si addolciscano, non smette di salire.salita al monte gazzaSi segue la segnaletica del sentiero 602 e finalmente i primi scorci sulle Dolomiti di Brenta smorzano la fatica. I prati d'alta quota in estate sono fioriti e animati da migliaia di farfalle. Sul sentiero può anche capitare di imbattersi in una vipera come è successo a noi, quindi avanza sempre con prudenza. Divertenti saliscendi si alternano in zona prativa fino all'ultima discesa sconnessa verso il Passo San Giovanni, nel bosco.salita passo san giovanni
 

Discesa tecnica verso Molveno

Il sentiero 612 fa parte dei tracciati del Paganella bike ed è definito come impegnativo. Il single trail scende veloce e insidioso verso Molveno e il suo lago con passaggi tecnici, tornanti stretti, un paio di salti e, a tratti, terreno sconnesso. Per un biker mediamente preparato risulta affrontabile in sella all'85% circa. Il divertimento in discesa è amplificato dagli scorci sulle acque cangianti del lago di Molveno, 500 metri più sotto.discesa single trail
All'altezza dei prati di Poia il sentiero 612 diventa comoda forestale e la discesa risulta più semplice anche se, forse, meno appagante. Si raggiunge il lago di Molveno all'altezza dell'Albergo Molveno. Nelle giornate più calde nulla vieta di parcheggiare la mountain bike e rinfrescarsi con un tuffo nel bacino.lungolago molvenoSeguendo il percorso lungolago e poi la spiaggia si giunge velocemente all'inizio dello sterrato sulla riva opposta, quello che seguiremo per diversi chilometri. Il tracciato del giro del Monte Gazza prosegue superando i fortini di Napoleone (raggiungibili con una breve deviazione) e alcuni saliscendi con viste piacevoli sul lago di Molveno. Al termine del bacino uno sterrato si inoltra tra baite e alberi fino a lambire le rive del laghetto di Nembia.
Questo angolo di paradiso nel cuore del Parco naturale Adamello Brenta merita una sosta per realizzare qualche fotografia della suggestiva passerella in legno che lo attraversa o per specchiarsi nelle acque cristalline prima dell'ultima fatica.lago di nembia in bici
 

Dal lago di Nembia a Ranzo

Lasciandosi alle spalle la piccola oasi, si percorrono pochi metri su asfalto in direzione di San Lorenzo in Banale prima di svoltare su forestale all'altezza del Pian delle Seghe. La salita, mai troppo dura, risale il crinale fino a quota 900 superando numerose baite e fontane dove rifornirsi di acqua fresca. Dopo aver raggiunto e superato il Doss della Croce, la forestale lentamente spiana affacciandosi sulle Giudicarie e sul Monte Casale. Il panorama è unico: la vista della forra del Limarò dove passa l'omonima pista ciclabile è uno spettacolo imperdibile. forestale per ranzoUna galleria scavata nella roccia anticipa la dolce discesa verso Ranzo, l'ultima parte della quale è su comodo asfalto. Il giro del Monte Gazza merita sia dal punto di vista tecnico che da quello panoramico alternando paesaggi selvaggi a quelli lacustri più turisticamente sfruttati.
Giro del Monte Gazza in MTB - 5.0 out of 5 based on 2 votes
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Martino / ToblinoBike 2015-08-16 08:25
Ciao Vero,
contento di risentirci, visto che sei venuta dalle mie parti e hai fatto uno dei miei giri preferiti, se chiamavi il giro del Gazza lo potevamo fare assieme magari al contrario, sicuramente meno faticoso, più bello, con delle magnifiche varianti e posti suggestivi, completando il giro al 100% in bici.
Pazienza, sarà per un'altra volta...
Ciao, e salutami Leo.
Martino
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Vero 2015-08-18 09:32
Martinooo, scusaci:/// Siamo venuti all'ultimo indecisi tra due giri e alla fine siamo venuti li, ma saremmo felicissimi di rifarlo con una guida come te^^ Ma vieni al raduno quest'anno? saremo nel Tesino:)) DAIDAIDAI:)) ti aspettiamo!!!:D:D
un abbraccio

http://www.lifeintravel.it/2-bike-week-end-life-in-travel.html
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×
Ti potrebbe interessare