Giro del Monviso 6° tappa: dal Rifugio Giacoletti al Barbara Lowrie

Pubblicato in Trekking in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
L'avventura lungo i sentieri delle montagne piemontesi stà per giungere al termine dopo quasi una settimana di trekking, avvistamenti e pura poesia che senti recitare solo dalla montagna. Il Rifugio Giacoletti accoglie ogni anno centinaia di escursionisti e non rimarrà qui un ricordo di noi, ma è incredibile pensare a tutto quello che ci porteremo a casa insieme, ovviamente, alla voglia di ripartire il prima possibile!

Mappa

 

Dati tecnici

Piemonte - Monviso

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Rifugio Giacoletti/Barbara Lowrie
Tempo 4 ore
Dislivello 300 m
Lunghezza 15 km
VALUTAZIONE
Difficoltà Facile
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE
GiugnoLuglioAgostoSettembre

Files GPS

Itinerari in zona

Foto

pascolando al c...
Monviso
Stambecco
Laghi alpini ve...
Rifugio Alpetto...
Versante orient...
Lago e natura
il gigante di r...
Risalento con f...
Laghetti e piet...
Malghe
Meteo corda
San Bernardo
Tramonto sul Mo...
Il Monviso si a...
Tra rocce ed er...
Nevaio al Passo...
Lago Lestiò
Verso il Monvis...
Mattina presto ...
Lago lungo
Relax in quota
Semprevivo mont...
Sentiero fiorit...
Lago Lungo
Sempre più in a...
Flora alpina
Dal Rifugio Jer...

Oggi sarà l'aspra parete nord del Monviso a farci da guida e a mostrarsi in tutta la sua imponenza. Prima di incamminarci ci voltiamo indietro per un ultimo sguardo agli stambecchi che, lontani sui pendii erbosi, volgono al cielo cercando un po' di tepore dopo il freddo notturno. Dal rifugio Giacoletti, dopo la quinta notte trascorsa fra le montagne del Piemonte, si sale per poche decine di metri per poi iniziare la ripidissima discesa lungo un canalone che alla prima occhiata trasmetto davvero paura! Pian piano ma con passo comunque deciso, superiamo uno ad uno i passaggi più esposti e i pochi nevai reduci di un'estate piuttosto calda. In circa un'ora sbuchiamo su un terreno più amichevole, un bel tratto erboso dove volgendo a sinistra imbocchiamo il Sentiero del postino. Poco meno di mezzora di camminata su un tracciato erboso, terminiamo il Sentiero del postino e di ritroviamo a dover fare una scelta che fino ad ora avevamo continuamente rimandato. La domanda è semplice, ma la risposta è quanto mai difficoltosa: saliamo fino al Buco di Viso e proseguiamo nella nostra discesa? I dubbi ci attanagliano perchè optare per l'ascesa significa impiegare almeno 3 ore più del previsto prima di giungere fino alla nostra auto. Al termine di un lungo dibattito, la pigrizia trionfa soddisfatta e riprendiamo la nostra lenta marcia verso il rifugio Barbara Lowrie. Lo so lo so, la pigrizia non è mai totalmente giustificata , ma, come dire, dopo sei giorni di salite, una più o una meno... A 2410 metri di altitudine incontriamo il Pian Armoine e più sotto raggiungeremmo Pian dei re, dove nasce il fiume Po... dico raggiungeremmo perchè invece di scendere, saliamo in direzione del Colle Armoine a quasi 2700 metri di altitudine. Scolliniamo curiosi di vedere cosa nasconde la natura aldilà della montagnola e in breve ci troviamo a passare oltre due laghetti alpini fino al bivio per il Col Manzon. Le Grange del Pis ed il rifugio Barbara Lowrie si trovano ancora più sotto e solo dopo una ripida parte in discesa ci troviamo con sollievo, ma anche con dispiacere al punto di partenza. Affrontare il giro del Monviso e delle Valli del Valdese è stato impegnativo ed in certi istanti sembrava davvero di sentire il cuore scoppiare, ma alla fine di ogni tappa la soddisfazione era talmente intensa da lasciarci senza fiato. Certe emozioni, è proprio vero, le sà dare solo la montagna...

Il trekking del Monviso si svolge in 6 tappe fra Piemonte e Francia, se vuoi, puoi visualizzarle tutte tornando alla pagina del Giro del Monviso!!!

Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×
Resta aggiornato
 

×
Ti potrebbe interessare