Giro del Latemar in mountain bike

Pubblicato in Itinerari in MTB
Vota questo articolo
(4 Voti)
Etichettato sotto
Un percorso MTB classico per gli appassionati è il giro del Latemar in mountain bike in Trentino-Alto Adige. Il gruppo dolomitico che svetta tra la val di Fiemme e l'alta val d'Ega è un percorso adatto a tutti che risulta mediamente impegnativo se si utilizzano gli impianti di risalita mentre diviene un tracciato per esperti nel caso si vogliano utilizzare soltanto le proprie forze!
I punti di forza di questo itinerario sono i panorami dal passo Pampeago e dal passo Costalunga oltre al magnifico anfiteatro del lago di Carezza ai piedi del gruppo del Latemar.

Mappa

 

Dati tecnici

Trentino - Pampeago

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Pampeago
Tempo 4-5 ore
Dislivello 450 m
Lunghezza 32 km
VALUTAZIONE
Difficoltà Difficile
Panorama Splendido
QUANDO ANDARE
GiugnoLuglioAgostoSettembre

Altimetria

Giro del Latemar in Mountain Bike

Giro del Latemar in MTB

Foto

Pronti alla par...
Lago di Carezza...
Natura in bianc...
Nelle foreste d...
Meditando nella...
Sotto il Latema...
Ci siamo tutti?...
Arrivooo!
Discesa in mtb
Sulle due ruote
Attimi di relax
Salita in seggi...
Vasca romantica...

Giro del Latemar - percorso

L'itinerario del giro del Latemar in MTB che vi descriveremo oggi prevede l'utilizzo degli impianti di risalita dello Ski Center Latemar per raggiungere il passo Pampeago ed il passo Feudo. Facendo base nello splendido hotel scoiattolo di Pampeago, risaliamo i tre chilometri chiusi al traffico fino al passo per poi gettarci in picchiata verso Obereggen. Raggiunta la strada principale (ampio parcheggio) che condurrebbe verso il passo Lavazè, teniamo la destra su una strada sterrata in leggera discesa. Se volessimo percorrere un sentiero più tecnico, leggermente più in alto è possibile deviare a destra imboccando il sentiero degli Spiriti che ci condurrebbe direttamente al passo Costalunga.
Proseguendo invece sulla strada sterrata, dopo un ultimo tratto in forte discesa svoltiamo a destra per tenere subito ancora al destra e risalire per un breve strappo sotto il gruppo del Latemar. Da questo punto, tra ampi prati e passaggi nel bosco, si raggiunge senza troppa fatica il lago di Carezza in una posizione splendida ai piedi del gruppo del Latemar, ben visibile sullo sfondo. Dopo la meritata sosta, imbocchiamo la strada principale verso il passo di Costalunga (i più allenati possono salire al passo dalla strada sterrata che si stacca sulla destra all'inizio del lago) che raggiungiamo dopo tre chilometri. Poco oltre il passo, sulla destra si imbocca una strada inizialmente asfaltata ma che presto diverrà sterrata. Facendo attenzione alle numerose persone che risalgono il crinale sia in mtb che a piedi, ci si getta in picchiata verso Moena di Fassa. Per evitare di entrare in centro a Moena, teniamo la destra al secondo incrocio evitando di seguire le indicazioni dei percorsi Dolomiti Lagorai bike per Moena e Predazzo e dirigendoci verso malga Panna, che raggiungeremo poco più avanti una volta concluso un tratto piuttosto tecnico di discesa. Il restante tratto di percorso sarà tutto su asfalto, prima in forte discesa per raggiungere il fondovalle e quindi, svoltando ancora a destra, in discesa più regolare sulla nuova ciclabile della val di Fassa che unisce i paesi di Canazei a Predazzo. Dopo circa sette chilometri di ciclovia, si oltrepassano i trampolini di salto con gli sci e sulla sinistra si incontrano gli impianti di risalita dello Ski Center Latemar su cui carichiamo le biciclette per raggiungere prima la località Gardonè e quindi, con il secondo tronco, il passo Feudo, meta di un altro percorso in MTB emozionante. Dal passo Feudo si scende (la strada si trova dalla parte opposta alla baita, a sinistra quando si arriva in seggiovia) verso il passo Pampeago dove si giunge, chiudendo l'anello, in pochi minuti.
Se la fatica non vi spaventa e volete completare l'anello attorno al Latemar in sella alla vostra bici potete partire da Predazzo e seguire la salita descritta nel percorso in mountain bike al passo Feudo per poi scendere al passo Pampeago tenendo la sinistra e seguire da questo punto l'itinerario descritto qui sopra. In questo caso il dislivello sale fino a circa 1900m e la salita è davvero dura, a tratti anche a spinta. Un'altra alternativa è quella di seguire in salita il percorso asfaltato da Tesero al passo di Pampeago imitando le gesta dei campioni del giro d'Italia.
Nel periodo estivo lo Ski Center Latemar mantiene operativi i suoi impianti da metà giugno a metà settembre circa. In particolare, per il giro descritto, sarà necessario salire da Predazzo attraverso la cabinovia Stalimen-Gardonè e quindi tramite la seggiovia Gardonè-Passo Feudo. Il costo totale in sola andata per adulti è di 11€ (6,50€ + 4,50€) mentre il trasporto bici è gratuito. Gli orari sono dalle 8.30 alle 13.15 e dalle 14.30 alle 17.30.
Se volete evitare anche la salita da Pampeago al passo Pampeago, la seggiovia in questo caso costa 4€ e gli orari sono dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.00.

Strada ciclabile:

Il passo Pampeago è stato asfaltato in occasione del passaggio del Giro d'Italia 2012 ed oggi è chiuso al traffico. Questa mitica salita che ha visto vincere corridori del calibro di Pantani e Simoni, oggi è adatta anche a cicloturisti che vogliano sfidare con la bici da corsa alcune tra le rampe più dure percorse dai professionisti: con i tre chilometri di asfalto che giungono al passo d'ora in avanti infatti sarà possibile chiudere l'anello partendo da Tesero, salendo all'alpe di Pampeago, scendendo in Alto Adige e rientrando in Val di Fiemme: le possibiltà per gli amanti della bici da corsa, in questo caso sono due. Svoltando a sinistra ad Obereggen si potrà raggiungere il passo Lavazè e scendere a Cavalese; svoltando a destra si salirà al passo di Costalunga per poi scendere in val di Fassa e da qui raggiungere il punto di partenza. Un'ulteriore occasione per salire a Pampeago anche in estate e godere degli splendidi panorami di questa località finora dedita soprattutto al turismo invernale.

Visto dagli altri:

Abbiamo percorso questo itinerario con alcuni amici che hanno voluto raccontare le loro impressioni. Scopriamo il loro punto di vista:
Chiudo quindi rassicurando chiunque voglia provare questo itinerario, è fattibile anche per i neofiti, arriverai stanco/a ma avrai ammirato scorci di natura che non dimenticherai mai.
dopo una salita c’è sempre una discesa. Ebbene sì cari miei, come nella vita, non si può solo e sempre fare fatica, arriva un momento in cui le cose si ribaltano e finalmente si inizia a scendere, a rilassarsi e a godere di ciò che si è conquistato!
  • Non usa solo le parole Mattia che nel suo blog personale ci regala anche un video della due giorni in montagna e dedica l'attenzione soprattutto al bel gruppo che si è creato:
I miei compagni di avventura? Beh… direi: impeccabili! Un gruppo meraviglioso davvero, solare, alla mano, nonostante qualcuno di loro si conoscesse già da tempo non mi sono mai sentito escluso.
...è l’estate la stagione ideale per visitare l’Alpe di Pampeago, soprattutto per coloro che sono alla ricerca di tranquillità e che vogliono fuggire alla ressa di turisti che affollano le zone più conosciute e rinomate della regione...
Giro del Latemar in mountain bike - 4.0 out of 5 based on 1 vote
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it
  • Nessun commento trovato

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
termini e condizioni.
 

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×