Giro d’Italia in libertandem, ovvero, istruzioni per prepararsi al giro del mondo in bicicletta

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(2 Voti)
Etichettato sotto
Eccoci con questa pazza idea che ci ballonzola in testa, fare il giro del mondo in bicicletta.
Basta una rapida occhiata su internet per rendersi conto che non siamo i primi a cui si è accesa una simile lampadina, e di imprese straordinarie a cui ispirarsi è pieno il web. A noi conviene tenere un profilo basso: non abbiamo grandi fondi personali a cui attingere per procurarci l’equipaggiamento necessario, non siamo atleti né maghi dell’informatica a cui magari risulta più semplice farsi sponsorizzare.
GIRO DEL MONDO IN LIBERTANDEM – Un viaggio in bici all’insegna dell’ecologia, un’avventura alla scoperta del mondo, un inno alla vita, alla salute e alla libertà. Loro sono Ale e Ste, nomadi a due ruote. Il loro viaggio in pillole su GODIMUNDI

I preparativi del viaggio

Bisogna innanzitutto procurarci un tandem per capire se è davvero un progetto fattibile. Detto, fatto: troviamo su e-bay un tandem di terza mano ma di ottima fattura (dell’artigiano Picchio di Torino) a un prezzo stracciato e andiamo a prenderlo a San Donato Milanese. Qui ci imbattiamo per puro caso nella Stazione delle Biciclette, un famoso punto di incontro per ciclo-appassionati. Quattro chiacchiere sulla nostra idea e ci viene offerto uno sconto strepitoso per borse, lucchetto e pompa. Con qualche centinaio d’euro abbiamo quindi il mezzo e l’attrezzatura indispensabile per partire!
 

Libertandem, amore a prima vista

Il tandem ci è andato a genio fin dall’inizio. La nostra fortuna è che ognuno di noi due si trova bene nel ruolo che ha: Alessandro, alla guida, è un ciclista esperto, attento e contento di avere il completo controllo del mezzo, mentre Stefania, a poppa, è flessibile, non ha la minima propensione a gestire il timone ed è contenta di farsi guidare.
Cominciamo subito a usare il tandem per andare dappertutto, a passeggiare e ad allenarci, a fare la spesa e a trovare gli amici. Ci rendiamo immediatamente conto dei limiti del mezzo: essendo un modello da corsa riadattato al cicloturismo, è praticamente impossibile utilizzarlo negli sterrati, soprattutto in presenza di fango e sabbia.
Non sarà proprio una bici da giro del mondo, ma un giretto d’Italia si può tentare: tempo tre mesi e siamo in sella al nostro bolide rosso fiammante per le sinuose strade del bel paese.
 02-giro-italia 00009

Il giro d'Italia in bicicletta... prove techiche di giro del mondo

Il libertandem è il nostro baluardo, il simbolo della nostra scelta ecologista e il nostro biglietto da visita, motivo di interesse e ilarità generale, ingombrante scusa per poter parlare del nostro sogno a ogni curioso, ogni passante, ogni malcapitato, chiunque si trovi a incrociare la nostra strada. In questo modo, nella maniera più semplice e spontanea, incontriamo i personaggi chiave che ci aiutano a trovare consensi, seguaci e sponsor per il nostro viaggio.
Qualcuno ci regala abbigliamento sportivo ecologico, un negozio rimanenze di magazzino, un ammiratore un buono spesa alla Decathlon, un amico un Kindle… L’azienda pratese H2E, che si occupa di energie rinnovabili, ci offre un finanziamento per una nuova bicicletta, questa volta veramente da giro del mondo!
A maggio, tornati a casa dopo un primo giro di prova di tre mesi da Prato alla Calabria, ritiriamo il nostro nuovo tandem (dell’artigiano Vetta di Padova); a giugno, manco a dirlo, siamo già ripartiti. Questa volta attraversiamo Toscana, Sardegna e Sicilia per poi risalire lo stivale fino ad Ancona, dove ci imbarchiamo per la Croazia.
A dire la verità del nostro viaggio in bici in Italia abbiamo programmato ben poco… dopotutto, si giocava in casa! Qualche volta siamo stati ospitati da parenti, amici, warmshowers e simpatizzanti incontrati lungo la strada o che ci hanno invitati da loro attraverso la nostra pagina Facebook. Per interesse personale, inoltre, abbiamo fatto tappa presso realtà legate al mondo dell’ecologia contattate attraverso internet, conosciute tramite passaparola o scoperte durante il viaggio, come ecovillaggi, fattorie didattiche, associazioni ambientaliste, parchi naturali. La stragrande maggioranza delle notti, comunque, abbiamo campeggiato: siamo da sempre hardcore del campeggio libero, quindi da questo punto di vista avevamo già esperienza e materiale.
Conoscendo in generale la conformazione del territorio, non abbiamo pianificato un itinerario nel dettaglio; le nostre linee guida erano puntare a sud (perché il tempo è migliore e il cibo più economico) ed evitare il maltempo (perché la nostra tenda non è proprio waterproof).

Giro d'Italia in tandem

Consigli pratici per cicloviaggiatori

La navigazione
Ogni giorno ci collegavamo a internet per scaricare le cartine sul nostro smartphone, che usiamo come navigatore, e calcolare i percorsi migliori con il programma gratuito OruxMaps. Lo usiamo da un paio d’anni – in viaggio e in montagna: ci è sempre stato utilissimo per avventurarci off-the-beaten-track senza perderci o cacciarci nei guai, e da quando viaggiamo in bicicletta ci guida alla scoperta del territorio per strade secondarie poco trafficate. È uno strumento semi-professionale che richiede un po’ di pazienza e studio per essere utilizzato al pieno delle sue potenzialità, ma ne vale davvero la pena... al limite potete partire leggendo questa guida base ad Oruxmaps.
Il bagaglio
Per quanto riguarda il bagaglio, per viaggiare in bicicletta la leggerezza è d’obbligo: il nostro si aggira sui 30 kg in totale; la tenda sotto il manubrio posteriore, nella prima borsa l’abbigliamento essenziale (compreso di giacche impermeabili), nella seconda materassini e sacchi a pelo, nella terza il necessario per cucinare, nella quarta la tecnologia. Trasportiamo infatti con noi anche una batteria ausiliaria che ricarica lo smartphone per 8 volte; una go-pro che ha sostituito la vecchia fotocamera distrutta da vari voli dalla bici in corsa; un mini portatile che ci serve perlopiù per scrivere gli articoli e collegarci a internet con più comodità, in modo da avvalerci delle molteplici opportunità che il web offre ai nomadi digitali. Siamo dei pivelli di internet, ma abbiamo già imparato ad apprezzarne i vantaggi: oltre a essere una miniera di informazioni e darci la possibilità di vendere i nostri articoli, condividere online foto e news del viaggio ci ha permesso di attirare fan, inviti e sponsor (gli ultimi sono la Limar che ci ha fornito i caschi e la Hilleberg che ci ha offerto una sua tenda a metà prezzo).

Ora, rodati dalle strade italiane, siamo pronti ad affrontare una lunga pedalata alla volta dell’est...

Continua a leggere il diario del giro del mondo in bici (anzi, in Libertandem) di Ste e Ale:
Giro d'Italia in libertandem, ovvero istruzioni per prepararsi al giro del mondo in bici Frammenti da un giro d'Italia in bicicletta Croazia in bici: prime pedalate verso est Montenengro in bici: tre giorni in punta di pedali L'Albania vista dal Libertandem Il lago di Ohrid in bici: assaggio di Macedonia Grecia in bicicletta: couchsurfing e terme Turchia in libertandem: un mese da WOOF Turchia in bici: un inverno in bicicletta Iran in bicicletta: Cronistoria di un amore non corrisposto Turkmenistan in bici: il paese del mistero in 5 giorni

Giro d’Italia in libertandem, ovvero, istruzioni per prepararsi al giro del mondo in bicicletta - 5.0 out of 5 based on 2 votes
Ste e Ale

Siamo Alessandro e Stefania, godimundi per istinto, viaggiatori per vocazione, nomadi per scelta e necessità. Da sempre sogniamo di intraprendere questo viaggio in bici intorno al mondo, non solo perché sentiamo nel sangue il richiamo della strada e l’entusiasmo di conoscere la nostra vasta terra e la multiforme umanità che la abita, ma soprattutto per concretizzare e mettere a frutto la nostra passione per la natura e il nostro interesse per le tematiche ambientaliste
Sito web: godimundi.blogspot.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×