Nella parte nord orientale delle Alpi esiste un itinerario ciclabile che collega una tra le più grandi città tedesche all'ammaliante città sulla laguna.
La Ciclovia dell'amicizia, da Monaco a Venezia, percorre piste ciclabili già esistenti, strade secondarie e a bassa percorrenza con il sogno di vedere l'intero tracciato trasformarsi in un'unica pista ciclabile di collegamento tra la Germania e l'Italia.
Monaco - Venezia: in bici sulla Ciclovia dell'amicizia - 2.8 out of 5 based on 5 votes
L'itinerario ciclabile che collega la capitale della Sassonia, l'elegante Dresda a Berlino, la capitale tedesca, comincia oltre il confine con la Repubblica Ceca. Dalla città di Děčín, dove il profumo degli antichi commerci fluviali sull'Elba si confonde con quello delle conifere del Parco nazionale della Svizzera Sassone, ha inizio un viaggio in bici tra passato, presente e futuro che toccherà alcuni siti UNESCO, luoghi di interesse naturalistico e due delle più grandi città della Germania.
Lo sguardo dell'uomo allo sportello delle ferrovie tedesche risveglia vecchi fantasmi. Minuti sospesi in attesa di un responso mentre il fronte di ricerca alloggio non sta dando i frutti sperati . Siamo sfiancati dalla giornata passata in sella e vorremmo solo fare una doccia e distenderci un po'. Inganniamo l'attesa ripercorrendo mentalmente il percorso fatto.
"Dario, preparati che mercoledì pomeriggio si parte. Al pomeriggio, perché la mattina i ragazzi lavorano. Si va a Monaco ma potrebbe anche cambiare!"
A queste parole di Dario, raccontando un aneddoto con la capacità oratoria che lo contraddistingue, scoppiamo in una fragorosa risata, pensando al modo in cui affrontiamo la situazione. La mattinata non era iniziata sotto i migliori auspici.
La sveglia l'aveva data Simone comunicando mestamente che era stato male tutta notte ed ora era uno straccio...
Il risveglio mattutino ci regala il piacere di un cielo azzurro che si specchia nelle acque del lago antistanti l'albergo. Un saluto dai balconi e poi giù, carichi di bagagli, a consumare un'abbondante e variegata colazione. Nonostante siamo in tanti riusciamo a mantenere fede ai nostri epropositi di partenza precoce.

Il viaggio è iniziato da tempo . Probabilmente fin dalla prima esperienza Toscana di due anni fa e resta sospeso nella bolla temporale che separata i diversi percorsi tra loro. Resta sospeso ma vivo, alimentato dalla fiamma del desiderio, di ciò che è stato e di ciò che potrebbe diventare.
Quest'anno ha mostrato i denti della fatica ancor prima di iniziare a pedalare realmente. Far coincidere le esigenze del lavoro con quelle di ognuno di noi è stata una impresa enorme che ci ha impegnato in mesi di estenuanti ricerche dell'intreccio perfetto! Ecco che allora un viaggio di soli tre giorni diventa una lunghissima esperienza che ci ha via via trasformati unendoci ancor prima di conoscerci. Domani volti nuovi incroceranno gli sguardi e la sola idea ci fa tremare dall'emozione. I messaggi sul telefono si accavallano alla velocità della luce dando vertigini.
Ci imponiamo il silenzio prima di esaurire anzitempo le energie.
Domani, finalmente, è il nostro giorno. Porteremo con noi chiunque abbia voglia di seguire la nostra breve ma intensa esperienza condividendo la bellezza di terre nostrane e vicine
I ciclisti per caso da Brescia a Monaco in bici | Primo giorno - 5.0 out of 5 based on 2 votes
Qualche tempo fa mi è capitato fra le mani il libro del cofondatore dei Talking Heads, il brillante David Byrne. Il volume riportava il titolo: "Diari della bicicletta" (quelli della motocicletta erano già stati scritti dopotutto...) e fra le sue pagine si parlava anche di come sia appagante visitare Berlino in bici. L'idea di girovagare per la capitale tedesca pedalando e soffermandomi su dettagli improbabili è stata l'inizio di un viaggio in divenire, da est ad ovest, da nord a sud per le strade dell'affascinante Berlino!
Il week end del primo di maggio ho deciso, con qualche amico, di ripetere una gita fuori porta come quella al parco naturale del delta del Po effettuata a Pasqua. In questa occasione il luogo prescelto si trova all'estero, e più precisamente in Germania, nella baviera orientale al confine con la Repubblica Ceca: il Bayerischer Wald National Park. Purtroppo così come a Pasqua, anche per questa occasione il maltempo ha un pò rovinato la nostra escursione ma il divertimento è stato assicurato dalla compagnia e dalla ottima birra tedesca!
Bayerischer wald, alla scoperta della natura in Germania - 4.0 out of 5 based on 1 vote
La mia visita a Berlino risale oramai al lontano 2000, quando restai qualche giorno nella capitale tedesca. In automobile, dalle Alpi a Berlino, la giornata trascorre attraversando il valico del Brennero, fino a Monaco il paesaggio permane montano o collinare mentre successivamente una distesa piatta di campagne sterminate affianca a perdita d'occhio l'autostrada. Appena giunti in prossimità di Berlino, cerchiamo un campeggio presso il lago di Rangsdorf, pochi chilometri più a sud. La nostra visita a Berlino inizierà dal famoso Muro che ha segnato per lunghi anni la divisione della città e del mondo fra est ed ovest, fra Oriente ed Occidente, fra Capitalismo e Comunismo.

Neuschwanstein, il più fiabesco fra i castelli in Baviera di Ludwig II, sorge nelle alpi tedesche e mi ha sempre affascinato. Per questo le mie visite ad esso sono numerose. La prima risale alla mia fanciullezza, quando, con mamma e papà, ho attraversato la Baviera da ovest ad est facendo tappa nelle varie dimore di questo re un pò bizzarro. Successivamente, una toccata e fuga domenicale nell'autunno 2003 mi ha fatto riscoprire la bellezza di Neuschwanstein. Infine, una volta riuscito a coinvolgere un pò di amici nella mia ammirazione per queste opere d'arte architettoniche e per il contesto in cui sono state create, ho ripercorso con loro il tragitto effettuato anni prima con i genitori.

 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×