Dal "fiume dei miracoli" ai canyon | il Tara e le gravine in bicicletta

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(3 Voti)
Che le ricchezze di Taranto siano inestimabili ormai è chiaro a tutti, scoprirne sempre di nuove non è più una sorpresa. Tempo fa ho letto in rete, ma già ne avevo sentito parlare, del “fiume dei miracoli” ai piedi dell’Ilva. Mi sono incuriosito soprattutto dopo aver visto lo splendido lavoro fotografico fatto dal Collettivo DAV e Doll's Eye Reflex Laboratory, così come al solito ho subito visto un possibile itinerario. Il filo conduttore è l’acqua, quella sorgiva e quella che scorreva lungo la murgia solcando i bellissimi canyon al confine tra Puglia e Basilicata.

Mappa

 

Dal Tara alle gravine

Partenza da Massafra, bellissimo centro ai piedi della murgia nel parco naturale regionale Terra delle Gravine, usciamo dal centro abitato attraversando il ponte che collega due grossi canyon che si aprono verso il mare. Continuiamo a scendere in direzione strada statale jonica, sempre più giù sempre più a livello del mare, iniziamo a seguire quello che è il corso dell’acqua. Ad un certo punto tra la strada complanare che costeggia la statale ed i campi immensi messi a raccolto di uva, si intravede un fitto canneto e ombrelloni, non è una spiaggia ma le rive del fiume Tara.FiumeTara
Acqua limpidissima e vegetazione fitta, è il fiume dei tarantini, nasce da sorgenti d’acqua dolce che affiorano e riempiono questo lungo corso d’acqua. La temperatura è tra i 15 e i 17 gradi, un signore ci dice che alla fonte è possibile anche berla, e infatti ti vien voglia di immergerti e assaporare la sua freschezza.
La gente del posto ormai abitudinaria, sembra quasi di rompere una certa intimità, se ne prende cura come se fosse la sua piccola oasi.FiumeTara03
È un luogo ricco di storia, le proprietà del fiume (che è anche al centro del mito della fondazione della città da parte di Taras) si tramandano in numerose leggende.
La più nota è quella di un asino gettato nel Tara a morire e che invece fu salvato proprio dal contatto con le acque e i fanghi del fiume.FiumeTara04
 
Il nostro itinerario continua, costeggiamo una strada sterrata che corre lungo il fiume, al passare tra un canneto e l’altro troviamo più postazioni con l’accesso alle splendide acque, risaliamo e ci dirigiamo verso il centro di Palagiano, il caldo inizia ad essere sempre più torrido e il paesaggio arido e crudo ci fa compagnia. Superiamo il paese e iniziamo la salita verso il piccolo e caratteristico borgo di Palagianello. CanyonGravina PalagianelloIl centro abitato sorge sulle gravine che ne segnano il territorio con profonde incisioni erosive nella roccia carsica disposte da nord a sud e attraversano tutta l’area che va dalla Murgia alla pianura.
Pedaliamo sul vecchio ponte della ferrovia, che attualmente, è una bellissima pista ciclabile a strada bianca e che attraversa le gravine in direzione Castellaneta dove è possibile visitare il villaggio rupestre, il castello e la Chiesa della Madonna delle Grazie.
Siamo a quota 45 km circa, facciamo break con un bel panino acquistato in una locale salumeria, rimontiamo in sella e ci spariamo gli ultimi 15 km che chiudono questo magico cerchio dell’acqua.

Per saperne di più...

FiumeTara05
Dal "fiume dei miracoli" ai canyon | il Tara e le gravine in bicicletta - 4.7 out of 5 based on 3 votes
Cenzo

È nato tutto nel primo periodo dell'adolescenza, da una parte i miei compagni sognavano i "cinquantini truccati" dall'altra mia madre diceva: no al massimo ti compriamo la bicicletta! Capite bene che queste cose ti segnano, se poi aggiungiamo il fatto che vivo in una regione dove l’uso della bicicletta “potrebbe” essere la normalità il tutto diventa “cicloturista perforza.” Ebbene si, ci si è messo anche il lavoro. Progettista grafico in una piccola casa editrice, che si occupa della realizzazione di cartoguide per itinerari rurali e urbani. Vivo a sud-est della Puglia (dove sono nato e non ho mai lasciato). Pedalo non solo per piacere ma per dovere, adoro scoprire il territorio attraverso nuovi punti di vista, innamorarsi sempre come fosse la prima volta.
Classe 1985, Ceglie Messapica, Puglia, Murgia, Valle d’Itria, Salento, Italy, sempre in bici un po' in mtb un po' in fissa.

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×