Donne in bicicletta: viaggio ad ostacoli per il mondo

Pubblicato in Varie
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Partire per un'avventura, senza orologio e senza limite di tempo, partire in compagnia o da sole, le donne in bicicletta, viaggiatrici coraggiose ed amanti della scoperta, sono un numero in continua crescita: Italia, Regno Unito, Australia, Messico, Iran... alt, fermi tutti!!! In Iran? Delle donne in bicicletta? Mai e poi mai! L'Iran è uno di quei paesi dove andare in bicicletta per una donna è vietato, proibito, perseguito... Il velocipede, uno dei mezzi più innovativi mai ideati, simbolo di libertà e viaggio, di fatica ma anche di quotidianità in luoghi dove l'automobile è un privilegio di pochi ricchi, è considerato una reale minaccia in alcuni stati del mondo! Ecco un breve elenco degli ostacoli che abbiamo scoperto...
Ci sono stati del mondo dove le donne in bicicletta non sono viste di buon occhio. In occasione della BIT 2013, la fiera del turismo di Milano, ho approfittato della presenza inaspettata dello stand del turismo iraniano per informarmi su uno dei paesi che vorrei visitare in bicicletta. Dopo qualche domanda generica sono entrata nello specifico chiedendo se fosse possibile ottenere un visto d'ingresso al paese direttamente alla frontiera, dopotutto, viaggiando in bicicletta, non si possono calcolare bene i tempi... Con uno sguardo perplesso mi è stato risposto che le donne non possono usare la bicicletta in Iran. Non vi dico la mia sorpresa: ho pensato per alcuni istanti ai racconti di viaggio di una coppia di cicloviaggiatori tedeschi passati dall'antica Persia proprio due anni fa e... sono tornata all'attacco! La referente ha voluto essere certa di quello che affermava e si è recata a chiedere conferma ai suoi due colleghi. Con un sorriso gentile mi ha confermato che le donne in bicicletta non si vedono nella quotidianità iraniana perchè vige il divieto di utilizzare l'unico mezzo che tutti potrebbero permettersi ma che una viaggiatrice, se accompagnata da un uomo, può usare il velocipede per gli spostamenti.
 

Donne in bicicletta... sognando l'Iran!

 
Già da diversi anni per le donne iraniane amanti della bicicletta la vita si è fatta più difficile. La bicicletta è considerata un mezzo sconveniente, non adatta al sesso debole ma, dopotutto, a chi vive nella trafficata ed inquinata Teheran il divieto non ha cambiato la vita. Fra le migliaia di macchine nessuno osava avventurarsi in bicicletta, tanto meno le donne. Nelle città più piccole invece, andare in bicicletta era una pratica diffusa, amata ed usata da tanti giovani, da ragazze ma anche da donne di una certa età, ora purtroppo tutto è cambiato! Anche chi viaggia in Iran, se non accompagnata da un uomo, potrebbe incorrere in sanzioni, insulti o addirittura aggressioni da parte della minoranza integralista. Per una cicloviaggiatrice solitaria pedalare nell'antica Persia è per ora un miraggio lontano, mentre se il viaggio verrà affrontato con un velo in testa, pantaloni lunghi ed un accompagnatore non ci sarà alcun problema se non quello di dispiacersi per tutte quelle donne iraniane che hanno chiuso con lucchetto o chiavistello la propria bicicletta in garage... a tempo indeterminato!
 

Anche in estremo Oriente... la bicicletta è vietata alle donne

 
In Corea del Nord, negli anni '90, un vecchio divieto del dittatore Kim Jong-il vietava alle donne di andare in bicicletta. Introdotto e poi tolto(fortunatamente), il divieto non limitò a lungo la libertà delle donne nord coreane. Ultimamente però, le vecchia legge senza senso è stata rimessa in vigore perchè, a detta del nuovo detentore del potere, le donne in bicicletta sono figure inadeguate a quelle della morale socialista. In una nazione dove la bicicletta è indispensabile alla popolazione per spostarsi, per recarsi al lavoro, per socializzare, per vivere, le donne si trovano ancora una volta colpite nell'equilibrio, già instabile, della propria quotidianità. Coloro che verranno sorprese con le mani nel sacco, o meglio con i piedi sui pedali, in sella alla bicicletta o, anche solamente, dietro ad un uomo sul velocipede, saranno fermate, multate ed il mezzo rischierà la confisca!
Questa decisione, si dice, graverà sull'economia del paese in modo molto pesante visto che i nord coreani non dispongono di altri mezzi di trasporto ed utilizzano la bicicletta per qualsiasi cosa... che senso può avere una misura del genere se non quello di dimostrare quanto sia inutile l'applicazione della stessa?
 

Una bicicletta verde verso la rivoluzione culturale?

 
Negli scorsi mesi al cinema è uscito un film di una regista dell'Arabia Saudita, Haifaa Al Mansour. Il film intitolato la Bicicletta verde tratta con estrema attualità la condizione della donna fra obblighi e divieti nel paese del Medio Oriente... divieti che includono quello di andare in bicicletta. L'Arabia Saudita è un paese estremamente conservatore e la bicicletta, al suo opposto, è vista come un mezzo di trasporto rivoluzionario ed innovativo ( ed in effetti... lo è!) e perciò vietato! Un detto locale, che fa rabbrividire, recita queste parole: « Una ragazza non possiede altro che il suo velo e la sua tomba.» ma... cambierà mai qualcosa?
 

I talebani e l'annullamento della donna in Afghanistan

 
Un donna è un oggetto, nulla di più. Perchè preoccuparsi delle donne quando manca il pane, c'è poco lavoro, c'è povertà... mi sembra quasi scontato dire che in un paese dove le donne non potevano uscire di casa senza indossare il burqa e senza essere accompagnate da un uomo, era loro vietato di salire su una bicicletta. Donne in bicicletta? Un sogno! Ora forse le cose sono un po' cambiate ma la guerra, i continui attentati, l'instabilità dell'Afghanistan non ci permettono di dare una valutazione obiettiva alla situazione...
L'idea di un mondo più equo e giusto, dove ogni donna sia libera di salire e scendere dalla propria bicicletta quando lo desidera è per ora solo un film di cui non conosciamo ancora il finale. La bicicletta, un semplice mezzo di trasporto ecosostenibile che può condurre chiunque anche dove altri mezzi non possono, fa parlare ancora di sè... speriamo che la prossima volta lo faccia come la protagonista di una storia a lieto fine!!!
 

Pedalare in Pakistan non è una buona abitudine

 
Il Pakistan conta oltre 180 milioni di abitanti ma girando per le strade delle città è difficile vedere delle donne in bicicletta... per quale motivo? La bicicletta non è vietata a nessuno sul territorio pachistano, ma non è certamente vista di buon occhio in particolar modo se usata da una donna. E' anche per questo motivo che, in occasione dell'8 marzo, un gruppo di ragazze pachistane ha pedalato per le strade di Islamabad per protestare contro i pregiudizi e per dimostrare, ancora una volta, che la bicicletta è un mezzo di trasporto adatto a tutti... anche alle donne!
 
Conoscete altri paesi dove è impossibile vedere donne in bicicletta perchè è vietato?!? Segnalatecelo!!!
Per approfondire il ruolo della bicicletta in certi paesi del mondo ed il suo rapporto con le donne potete leggere qualche interessante articolo come quello su Il Messaggero " La bicicletta verde - Essere donna in Arabia Saudita fra divieti e contrasti", Donne e diritti violati di Vides e "In Arabia Saudita le bambine non possono andare in bicicletta" sul programma Caterpillaram della Rai. Un ultimo articolo è quello di Il Mondo dedicato ad un gruppo di donne pachistane che l'8 marzo, festa della donna, hanno pedalato per qualche chilometro ad Islamabad sotto lo sguardo incredulo della gente. Se volete invece saperne di più ulla prima donna ad aver fatto il giro del mondo in bici, dovete leggere la storia di Annie Londonderry. Ogni anno centinaia di donne provenienti da diversi paesi del mondo pedalano per le strade del Medio Oriente portando un messaggio di pace... sono le donne in bicicletta di Follow the women, ne avete mai sentito parlare?!?
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Vero 2013-04-02 19:18
E finalmente oggi è arrivata una buona notizia: alle donne in Arabia Saudita è stato permesso l'utilizzo delle biciclette ... almeno parzialmente! Un primo passo molto importante verso la libertà delle donne nell'utilizzare la bicicletta. Da oggi le donne in Arabia Saudita potranno andare in bici anche se solo per svago (quindi per divertirsi ma non potranno utilizzare il velocipede come mezzo di trasporto) e solo se accompagnate da un membro maschile della famiglia. Qui trovate qualche dettaglio in più http://mobilita.ecoseven.net/bici/rivoluzione-a-due-ruote-in-arabia-saudita-si-alla-bici-alle-donne ;-)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×