Dolomiti Lagorai bike | Il tour degli spiriti

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(1 Vota)
Il Latemar e le sue guglie frastagliate, un anello che lo aggira sconfinando in Alto Adige. La seconda tappa del Dolomiti Lagorai Bike si svolge tra val di Fiemme, val d'Ega e val di Fassa, ai piedi di montagne incantate. Il giro del Latemar è anche conosciuto come anello degli spiriti e partiamo da Cavalese sicuri che loro ci proteggeranno nel nostro incedere.
 
Dopo il passo Manghen, gigante buono, affrontatoi ieri, nulla ci spaventa! Oggi il protagonista sarà il primo gruppo dolomitico che incontreremo, il Latemar. Un buon samaritano ci raccoglie alle porte dell'hotel incui abbiamo pernottato per condurci fino ai piedi di un luogo mitico per gli amanti del ciclismo agonistico: il passo di Pampeago è stato asfaltato di recente per permettere agli atleti del giro d'Italia di raggiungere la val d'Ega e proseguire nelle loro eroiche gesta. 

dolomitilagoraibike

Noi ci acconteremo di andature e dislivelli più umani, fermandoci di tanto in tanto nella speranza di scorgere panorami e scorci che solo le Dolomiti sanno regalare. Le rocce friabili e frastagliate sono lì, poco oltre, ad accompagnarci nell'avanzata lenta verso l'Alto Adige.
Un caffè riscalda il corpo e l'animo e dopo aver salutato gli amici asini che pascolano in quota, ci lanciamo in discesa verso i primi chilometri di sterrato della giornata... Obereggen è l'anticamera di un percorso fatato tra conifere che combattono per raggiungere il cielo. mtb boschi LatemarAi piedi di questi colossi verdi, pedaliamo spensierati verso una perla incastonata tra i giganti di roccia: il lago di Carezza non finisce di stupirmi. Ogni volta che ci passo le sue acque hanno un effetto magnetico ed attraggono lo sguardo come una calamita. Nonostante le vette rocciose siano celate dietro una coltre nuvolosa a cui abbiamo fatto il callo in quest'estate un po' bizzarra (per usare un eufemismo), il lago è un diamante tra i diamanti. Scorrono i secondi, passano i minuti e fuggono le ore ma pedalare immersi in un sogno non costa alcuna fatica.lago carezza
La strada sale, lieve come una sospiro. Pochi chilometri ed il passo Costalunga segnala il culmine del nostro itinerario odierno. L'ora tarda ci stimola l'appetito e dopo uno spuntino il nostro oste, particolarmente ciarliero e premuroso, ci invita al suo bancone al cospetto di un vaso colmo d'un liquido verdognolo e decine di zollette di zucchero... lo "zuccherino" è un obbligo se si passa di qui e per i ciclisti ce ne vuole uno per gamba. Non avendo la più pallida idea di cosa ci aspetti, dubbiosi ma curiosi accettiamo l'offerta e ingurgitiamo zucchero e liquido verdognolo... le facce disgustate ci tradiscono ma mascheriamo come possiamo il nostro disagio.Passo di Costalunga bar
Ci congediamo, felici per la calda accoglienza ma timorosi per la discesa ancora da affrontare con in corpo... quell'intruglio spiritato!
Una contorta e ripida forestale ci riconduce a valle... più a monte. Abbiamo lasciato questa mattina la val di Fiemme per ritrovarci la sera a Moena, porta d'accesso della val di Fassa. I numerosi pascoli e le tante vacche hanno lasciato i loro ricordi su sentieri e forestali e noi non possiamo evitarli, ma fango e m... (ops deiezioni), non fanno che alimentare il bambino che è in noi e nessuna pozzanghera può sfuggire alla nostra veemenza.
Oggi è stata una passeggiata in confronto a quanto fatto e a quanto ci aspetta... ma ce la siamo goduta fino in fondo!sotto il latemar
 
Se volete scoprire il tracciato dell'anello MTB da noi affrontato, potete leggere il post più descrittivo: Grand Tour Dolomiti Lagorai bike oppure consultare il sito ufficiale.
Avevamo già intrapreso il Giro del Latemar qualche anno fa e potete leggere una descrizione più tecnica dell'itinerario in nell'articolo Giro del Latemar in MTB. Se avete gamba e volete partire direttamente dalla Val di Fiemme, potete sfidare la salita da passo Feudo di questo itinerario... le pendenze in certi tratti sono davvero proibitive ma i più temerari potrebbero riuscire a restare in sella per tutto il percorso.
Continuate a leggere il racconto della nostra avventura in bicicletta con la 3° tappa del Grand Tour Dolomiti Lagorai Bike tra la Val di Fassa e le Pale di San Martino, se invece vi siete persi la 1° tappa, fate un salto indietro e scalate il Manghen con noi!
Dolomiti Lagorai bike | Il tour degli spiriti - 4.0 out of 5 based on 1 vote
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×