Dalla Valdidentro alla Valgrosina attraverso la Val Verva

Pubblicato in Itinerari in MTB
Vota questo articolo
(4 Voti)
Etichettato sotto
Nonostante l'Alta Valle sia frequentata da numerosissimi bikers, la Val Verva rimane abbastanza fuori dai classici “circuiti”. Da quanto so, la strada sterrata fu sistemata solo dopo l'alluvione della Valtellina del 1987 per permettere un collegamento alternativo tra la media e l'alta valle (e quindi evitare l'isolamento). L'unica vera difficoltà di questo percorso è l'organizzazione se si vuole evitare di far un intero giro ad anello della lunghezza di circa 80/85 km che diventerebbe per la maggior parte su asfalto (Grosio-Arnoga). Nel periodo di luglio e agosto, previa prenotazione, è possibile trasportare la bici con i bus di linea.

Mappa

 
 

La Val Verva dopo colazione

Da Arnoga prendiamo la strada asfaltata e dopo circa 1,6 km troviamo già sulla sinistra il bivio per la Val Verva che noi, al momento, ignoreremo. Perchè? Perchè non si può non far un salto a far colazione al rifugio Federico Dosdè (gestito dalla guida alpina, ex campione di sky runner, campione di sci alpinismo... Adriano Greco).
Continuiamo ancora per qualche chilometro su strada asfaltata che dopo un ampio parcheggio diventa sterrata. Ottimamente battuta, ampia e ben pedalabile ci fa guadagnar una leggera quota per riperderla svoltando a sinistra e in breve eccoci comodamente seduti di fronte a una spettacolare fetta di torta ai frutti di bosco. bivio val dosdèDa qui parte una delle mie valli preferite: la Val Dosdè. Ancora incontaminata (praticamente il rifugio e un bivacco sono le uniche tracce dell'uomo), è racchiusa tra il Corno Dosdè da un lato e le magnifiche cime del Lago Spalmo dall'altro.
Ok, ora che abbiamo lo stomaco pieno, ripartiamo.
Per il ritorno si può imboccare il sentiero subito sulla destra per poter ammirare la cascatella. Qualcuno la definirebbe la “famosa cascatona della Valdidentro”.
Il sentiero è ben poco pedalabile prima per via di grossi sassi su sentiero scavato e poi perchè diviene tecnico in discesa. In pratica io con la front sono andato a spinta. cascataAttraversiamo il torrente e dalla località Caricci, dopo una salita di 1,5 km, ritorniamo sulla strada asfaltata fatta all'andata. Questa volta il bivio per la Val Verva non lo ignoriamo e dopo aver superato alcune baite (baite per modo di dire), attraversato il torrente Viola, la strada sale.
I primi tornanti fanno male; è la prima vera salita della giornata.
Superato il primo tratto duro fino a quasi Verva Bassa, la salita si fissa su pendenze costanti e tranquillamente pedalabili. Occasione giusta per cercar di avvistare la fauna locale. Io come al solito più di marmotte non ho visto. Anzi no, ho avvistato anche un gheppio. Riconoscibile per la sua classica posizione a “spirito santo”. Ma mentre guardavo in aria per far la foto non ho guardato dove mettevo i piedi e questo è “pericolosissimo” perchè si rischia di finire nei regali delle mucche.valdidentro valgrosina
Praticamente senza accorgersi si è già arrivati al Passo Verva (2301 mslm).

In discesa

Solitamente il passo è un posto dove si recupera il fiato, si mangia qualcosa, si lasciano asciugare un po' le magliette ma secondo me una bella sosta lo merita un punto più a valle (che scoprirò scendendo). passo VervaMetto le ginocchiere visto che è la prima volta che faccio questa strada, ma la discesa va giù regolare con un bel fondo e nessuna insidia. All'improvviso spunta un laghetto dalle acque color turchino: il Lago Acque Sparse. In realtà esiste anche il Lago Turchio appena più a monte soprannominato Lago Turchino. Queste acque, colorate dai raggi del sole sono di una bellezza disarmante... ti fanno innamorare.
Subito prendo la macchina fotografica dallo zaino per fare mille foto. Batteria scarica!!!! Metto in nota di acquistare una seconda batteria di scorta. Cancello la nota quando scopro quando costa una batteria originale.
Mi fermo a mangiare qualcosa nella tranquillità che regala questo laghetto (meno quella che danno i villeggianti) e dopo un bel riposo iniziamo gli ultimi chilometri che mancano per arrivare all'abitato di Eita.
Quest'ultimo pezzo è di una pendenza che ti fa capire cosa vuol dire fuori sella. Chissà che fatica a farsela in salita?!?! Meglio non pensarci.
Ad Eita, se aperta, merita una visita la chiesetta.valdidentro valgrosina in mountain bike
Fino a Grosio è tutta discesa su asfalto. Una lunga discesa e a tratti divertente. La strada non è molto larga quindi prestare attenzione. Per completezza, per i non amanti dell'asfalto, da Eita parte “lagrosina” costeggiando a mezza costa la montagna per farti scendere fino a Grosio. Ma non l'ho mai fatta e quindi la conosco solo di nome (non ho la più pallida idea di come sia tenuta)
Dalla Valdidentro alla Valgrosina attraverso la Val Verva - 3.8 out of 5 based on 4 votes
Alan

Classe '82 e da sempre amante della montagna e della bici. Negli ultimi anni nasce la passione per la fotografia e tra alti e bassi le tre cose si sono unite permettendomi di vedere e vivere la tranquilla natura con occhi e tempi diversi. Persona di poche parole quindi meglio far due pedalate che descriversi ci vediamo in montagna e ricordate... non esiste nulla di più buono delle torte dei rifugi alpini ;)
  • Nessun commento trovato

Posta commento come visitatore

0 / 6000 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere lungo tra 10-6000 caratteri
 
×