Cuba in bicicletta: due itinerari per scoprire l'isola

Pubblicato in Cuba
Vota questo articolo
(4 Voti)
Etichettato sotto
Cuba in bicicletta, quale miglior modo di visitare l’isola… Se atterri ad Havana e capisci subito che dai ritmi frenetici della società occidentale sei stato catapultato nel regno della calma...
Se l'idea di girare coi bus e sottostare alla puntualità cubana dei trasporti ti spaventa, se non vuoi impastarti le narici di smog e odori umani nei carri ad uso particular (trattori con rimorchio o camion con cassone), se vuoi sudare nelle salite, godere delle discese, schivare le buche sentendoti un Alberto Tomba a pedali, sorridere, sorridere e sorridere ancora senza una precisa ragione solo perché sei in giro per il mondo, a Cuba come a Carrù o Caltanissetta col culo sulla sella, motore del tuo viaggio, padrone del tuo tempo. Se vuoi essere in viaggio alla velocità giusta per goderti i panorami, i sorrisi e gli HOLA dei bambini, i vecchi col sigaro, i giovani che fanno la gara in bici con te, i cani che zompettano ed i maiali al guinzaglio davanti a casa: allora sì, la bicicletta ti apparirà il migliore o forse l'unico modo per visitare Cuba.

Havana Vieja - Viñales in bicicletta

Per il percorso ci siamo ispirati al libro Bicycling Cuba, che alla classica traversata Santiago – Havana, propone diverse alternative meno battute e turistiche. Le indicazioni del libro e le varie informazioni trovate in rete ci hanno portato ad alcune ipotesi fatte a tavolino che si sono delineate poi durante il viaggio stesso generando due itinerari ciclabili per un totale di 770 km per 10 giorni di pedalata… alternati ovviamente a qualche giorno di puro relax!
Il primo percorso è stato nel nord dell’isola con partenza dall’Havana Vieja. Usciti dalle viuzze di Havana raggiungiamo il Malecon e vediamo per la prima volta l'oceano. Seguiamo per qualche chilometro il Malecon che ci accompagna fuori dalla città. Ben presto il cemento lascia il posto ad una rigogliosa vegetazione e le auto d'epoca fumose si diradano.cuba in bici
Il percorso è prevalentemente pianeggiante con qualche collinetta fino a Cabañas, un paesino nell'entroterra. Da lì riprendiamo la bici il giorno dopo per la strada che sale a Las Terrazas dove ci accolgono panorami mozzafiato e le colline si rivestono di verde.
Si pedala tra palme da banano e da cocco e un vegetazione che nasconde uccellini, colibrì e fiori sgargianti. Raggiungiamo Palma Rubia dove ci fermiamo un giorno per visitare Cayo Levisa in battello e poi riprendere la carretera del nord verso Puerto Esperanza e Santa Lucia.
Da qui raggiungiamo la piccola e indimenticabile spiaggia di Cayo Jutias mediante il pedraplen che collega il cayo con la costa. Per l'ultimo giorno di questo tour ci dirigiamo verso Viñales e i panorami ci stupiscono ancora per gli splendidi paesaggi rurali incastonati tra i mogotes… in questa regione si coltiva il tabacco più famoso al mondo e le strade di terra rossa contrastano con il verde delicato dei campi di tabacco! Da Viñales ci spostiamo in bus a Trinidad per la seconda parte della nostra "vuelta" di Cuba in bici.viaggio in bici cuba
 

Trinidad - Cienfuegos a due ruote

Questa seconda parte attraversa paesaggi meno scenici rispetto a quelli del nord, ma tocca alcune delle città coloniali e cinquecentenarie di Cuba, costruite appena una manciata d'anni dopo la scoperta dell'America avvenuta proprio sulle coste cubane! Partiamo in bici dalla decadente Trinidad il cui centro è ricostruito e pare uscire da un libro della Alliende, ma i dintorni fuori dalla portata dei turisti di massa sono abbandonati a se stessi. Raggiungiamo la bellissima Sancti Spiritus... 500 anni e non sentirli, moderna pur nel suo avere gli stessi palazzi cinquecentenari di Trinidad e gli stessi bus scassati. Poi a Remedios, altra vivace città semplice, vera e meravigliosamente spoglia di turisti. Per raggiungerla passiamo a Zulueta in un calda domenica pomeriggio. Nella piazza del mercato il tempo per qualche minuto pare essersi fermato... poi uno stereo suona Bailando e il tempo riparte. Da Remedios visitiamo il Cayo Santa Maria e vi torniamo in bici percorrendo nuovamente un pedraplen: ben 48 km di strada rialzata sul mare collega la terra ferma al cayo con una linea quasi retta... chi l'avrebbe mai detto di essere in bici in mezzo all'oceano!
Da Remedios ci dirigiamo a Santa Clara per la prima strada veramente trafficata in Cuba. L'arrivo a Santa Clara ha un certo misticismo per via della centralità della città nella storia della rivoluzione e del Che, ma per il resto ci pare che le guide parlino di Santa Clara con troppo entusiasmo.
L'ultimo giorno imbocchiamo finalmente l'autostrada... vietata a bici, carri, pedoni e buoi e percorsa da più o meno tutte le categorie! Ne percorriamo un tratto subito fuori Santa Clara e poi torniamo su strade secondarie che decliviano dolci verso la graziosa baia di Cienfuegos e la fine del nostro percorso. Cienfuegos è architettonicamente molto bella e curata e brulicante di vita, tutto sommato un bel posto dove lasciare Bucanero e Cuba Libre per la loro seconda vita! E qui termina il nostro ciclo viaggio e con esso la vacanza a Cuba in bici… si torna al freddo e alla neve!

Note tecniche

La bici... noi ci siamo procurati due bici di seconda mano in Italia, trasportate in aereo a Cuba e rivendute sul posto a fine viaggio. Sono molto richieste quindi è facile rivenderle. Sconsiglio di cercare una bici a Cuba perché si vedono girare solo catorci.
Altra soluzione possibile è il noleggio ed ecco un ottimo sito che potrebbe fare a caso vostro: https://www.canbicuba.com/
Beh… poi nulla vieta di portarsi la propria bici!
 
Tipologia di bici... Per quanto riguarda il tipo di bici direi che le classiche citybike vanno benissimo... la MTB forse potrebbe servire per alcune strade costiere del sud rovinate dagli uragani, ma per tutto il resto dell'isola le strade sono in buone condizioni... Dappertutto su internet si leggono descrizioni di strade piene di buche... è vero, ma sono problematiche solo con le automobili... in bici semplicemente si evita la buca e bon. Ciò non toglie che bisogna saper riparare una gomma... un paio di spine le abbiamo prese!
 
La GuidaBicycling Cuba non è come la Lonely Planet, serve unicamente per l’itinerario da seguire… ed è in inglese.
Presenta 3 itinerari: nord, centro e sud dell'isola... c'è una descrizione del percorso fatta a racconto con tanto di mappe. I tre itinerari non sono collegati e c'è scritto come unirli ma gli autori del libro lo sconsigliano perché i collegamenti sono noiosi o su strade più trafficate… il tutto è però a portata di autobus che sono disponibili per il trasporto bici! Il libro c'ha aiutato molto a decidere cosa fare anche se poi, scelto l'itinerario, sul posto non c'è servito a niente perchè è di 15 anni fa e nel frattempo nel nord sono spuntate molte più case particular di quante ne fossero segnate nella guida o in internet.
 
Il gps...non avevamo il gps vero e proprio... serve poco o niente... abbiamo usato un paio di volte il gps dello smartphone per essere sicuri di aver imboccato la strada giusta ed in quei casi c'era il segnale del satellite.
 
Il denaro… oltre a cambiare in CUC, consigliamo di cambiare anche 5 euro per persona (bastano per tutto il viaggio) in pesos cubani (la moneta povera che usano loro). Vengono utili per comprare pizzette e frutta dai bugigattoli che si trovano per strada. Per cambiare in pesos cubani in banca prima si deve cambiare da euro a CUC e poi da CUC a pesos.
 
Il percorso… ispirandoci al libro, abbiamo fatto quello nord: Havana-Vinales (fantastico!!!), poi abbiamo preso un bus e proseguito in bici per quello del centro (meno scenico, interessante però per le città che attraversa: Cienfuegos, Trinidad, ecc…). Il sud dev’essere anche molto bello… sarà per la prossima volta ;) Moltissimi cicloturisti che intraprendono un viaggio in bici a Cuba optano per la traversata Santiago-Havana... molto logica ma si perde il nord (zona Vinales per capirci) che secondo noi è la più bella!!
Se si decide per la traversata bisogna ricordarsi che va fatta quasi obbligatoriamente Santiago-Havana perchè al contrario ci si ritrova sempre il vento aliseo sul muso.
 
Percorso Havana - Vinales… approfondimento sulle case particular presenti su questo itinerario (su internet avevamo trovato ben poche info per cui ci eravamo promessi di annotare dove è possibile dormire).
Cabanas – il miglior posto e forse anche il primo per la prima notte dopo Havana.
"Villa Luis Montesino y Anabe" - Bella casa con piccola piscina.
Bahia Honda – abbiamo visto 1 o 2 case ma non conosciamo in che condizioni siano
La Mulata – non abbiamo visto case particular
Palma Rubia (vicino al porto per escursione a Cayo Levisa) – ci sono due case, noi siamo stati presso “La Curva”… fantastica accoglienza, bel posto, logisticamente perfetto per l’escursione al cayo… tramonto meraviglioso.
Puerto Esperanza – ci sono moltissime case, noi siamo stati presso "Teresa" perché famosa per la cucina che non ha deluso le aspettative.
Santa Lucia – ci sono 3 case, abbiamo alloggiato presso “Villa Mary” all’intersezione con la Carretera Norte e Minas de Matahambre… il miglior cibo di tutta Cuba.
Le altre case sono più vicine al pedraplan per visitare il Cayo Jutias… a nostro avviso imperdibile e meno turistico del Cayo Levisa.
 
Per ultimo vorrei sottolineare che è un viaggio facile, il percorso non comporta salite di rilievo… magari l’unica accortezza è di portarsi dietro una scorta d’acqua sufficiente perché il clima è caldo. Il traffico veicolare al nord è scarsissimo mentre nel centro dell’isola c'è più traffico, tant'è che è meno bello anche per quel motivo.
I cubani sono un popolo molto cordiale, rispettoso, non invadente e soprattutto non abbiamo mai avuto la sensazione di essere in pericolo.
Cuba in bicicletta: due itinerari per scoprire l'isola - 4.0 out of 5 based on 4 votes

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Riccardo 2015-02-17 12:54
Ciao!
Che bella esperienza!
Sto' organizzando qualcosa di simile e sono nel bel mezzo dei preparativi: mi daresti un vostro contatto così da sommergervi di domande??:):)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Luca e Meri 2015-02-17 14:38
Ciao Riccardo,
puoi scrivermi a
Luca
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Mattia 2015-06-25 14:38
ciao Luca,
che bello ritrovarvi qui e rivivere le emozioni di questo viaggio!
un abbraccio,
mattia e roberta
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Luca e Meri 2015-06-25 15:08
Ciao ragazzi...
eh sì ci siamo conosciuti proprio in un bel posto a condividere emozioni sui pedali!
Ed immagino che se mi ritrovi su questo sito, significa che sei alla ricerca di idee o info per il prossimo viaggio... bravi!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 marco pandolfo 2016-05-21 23:05
Ciao ragazzi, sono tornato da una settimana da Cuba dove ho rifatto in solitudine il vostro giro in bici fino a Vinales per poi tornare all'Havabana col bus per trascorrere un altro paio di giorni prima di tientrare in italia. Vi ringrazio moltissimo per aver pubblicato il vostro giro in bici che mi è stato di ispirazione e molto utile per tutte le informazioni che avete indicato. Ho alloggiato spesso negli stessi vostri alloggi ritrovando ogni dettaglio da voi descritto. Aggiungo solo che ho volato con Airflot che mi ha permesso di trasportare la bici gratis ho sempre utilizzato la mappa di "Here" sul cellulare che aveva sempre segnale gps dandomi sempre la corretta traccia del persorso. Spero di visitare il prossimo anno il Sud di Cuba e quindi se per caso anche qui avete preziosi consigli da darmi saranno per me gelosamente custoditi.
Un saluto, ancora grazie e buon prossimo cicloviaggio :)
Ciao
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×