Cosa visitare a Gozo

Pubblicato in Malta
Vota questo articolo
(2 Voti)
Non si può trascorrere una vacanza a Malta senza fare un'escursione, almeno di un giorno o due, sulla sua isola gemella: Gozo. Più piccola e meno popolata della sorella maggiore, l'isola è anche molto meno turistica e per questo vale la pena visitare Gozo per qualche giorno. L'isola di Gozo vi riserverà piacevoli sorprese sia che vogliate dedicarvi all'esplorazione delle sue varie bellezze, sia che stiate pensando ad una giornata di relax su una bella spiaggia poco frequentata. Nei nostri giorni sull'isola, avendo dovuto escludere la seconda delle due opzioni (era Dicembre), ci siamo dedicati all'esplorazione e le righe che seguono sono un breve riassunto di ciò che abbiamo trovato.
Il minuscolo stato europeo di Malta è costituito, oltre che dall'isola omonima, da altre due isole: Gozo e Comino. La prima delle due è l'unica abitata ed un rapido viaggio in traghetto la collega con l'isola principale. La nostra permanenza è stata breve ma intensa e nei due giorni trascorsi qui siamo riusciti, anche grazie all'efficiente rete dei trasporti pubblici locali, a visitare Gozo piuttosto a fondo (l'isola è grande appena 67 chilometri quadrati). Ecco i nostri consigli:
  1. Victoria/Rabat, la piccola città principale dell'isola sorge al suo centro su una piccola collina. Oltre a fungere da terminal principale per autobus e trasporti in genere, Rabat custodisce alcune tra le più importanti attrazioni di Gozo: la chiesa di S. John nel suo centro e la cittadella di Victoria poco distante meritano una visita. Soprattutto la seconda, anche se ancora trascurata ed in parte in rovina (è in corso d'opera una ristrutturazione imponente), conserva il fascino che hanno tutte le fortificazioni medievali. Gustatevi il tramonto dai bastioni della cittadella per avere un panorama a 360°.
  2. La spettacolare Azure Window a Dwejra, sulla costa occidentale dell'isola, è una delle meraviglie naturali più belle dell'arcipelago maltese. Quest'arco roccioso regala panorami magnifici al tramonto ma tutta la zona ha un fascino particolare: il mare interno (inland sea) poco distante è collegato al Mediterraneo soltanto da uno stretto canale scavato nei millenni dalla natura nella roccia mentre la Fungus rock sul lato opposto della baia è un'isola dalla forma particolare. Passeggiare in attesa del calar del sole su queste rocce è stata una delle esperienze più gratificanti del nostro soggiorno.
  3. I templi di Ggantjia sono stati per noi una delusione. Non distanti dall'abitato di Xaghra sorge il più grande complesso megalitico di Malta, patrimonio unesco dal '72. Questo complesso religioso risale a circa quattromila anni prima di Cristo ma le alte impalcature che lo nascondono, le bruttissime passerelle costruite per l'accesso al complesso e le iscrizioni vandaliche presenti su alcune rocce hanno fatto sì che la visita qui sia stata una delle delusioni più grandi del nostro viaggio (c'è da dire che per gli amanti della storia, utilizzando l'immaginazione e pensando al lavoro necessario per costruire questi templi oltre 5000 anni fa, potrebbe essere una visita interessante). Più carino è invece risultato il mulino a vento Ta Kola non molto distante, che costituisce un museo del folclore. Purtroppo anche in questo caso lavori di sistemazione ci hanno impedito di vedere il mulino nella sua completezza (le pale in legno erano state staccate).
  4. Il santuario di Ta Pinu può essere definito una vera cattedrale nella prateria. Questa enorme chiesa sorge infatti isolata, lontana da ogni centro abitato, laddove una donna udì le parole della Madonna all'inizio del ventesimo secolo. L'imponenza di questo santuario è tale però solo esternamente, mentre il suo interno appare freddo e impersonale. Piacevole per noi è stata però la passeggiata per raggiungere il faro di Gordan che sorge su una vicina collina e da dove la vista spazia sul mare e sul Victoria.
  5. La baia di Ramla è definita da tutti la più bella spiaggia di Gozo ed anche se personalmente non l'abbiamo visitata, accontentandoci di ammirarla dal finestrino dell'autobus, se vi volete concedere una mezza giornata di relax sul Mediterraneo, questo sembra essere il posto adatto per farlo.
  6. In clima assolutamente natalizio invece è stata la nostra visita alla ricostruzione splendida del villaggio di Betlemme, non distante dal paese di Ghajnsielem. Per tutto il periodo pre natalizio infatti questo vero e proprio villaggio viene riportato in vita da attori e comparse che animano le vie sterrate tra mulini ad acqua, locande, mastri ferrai ed una grotta dove bue ed asinello vegliano l'imminente nascita del bambin Gesù.

Se decidete di visitare Gozo, sicuramente dovrete passare per Malta su cui giungono tutti i trasporti internazionali. Nell'articolo Cosa visitare a Malta potrete scoprire le bellezze dell'isola principale oppure potete leggere il diario della nostra Fuga d'inverno a Malta. Nella sezione dedicata a Malta e Gozo trovate i links a tutti gli articoli con informazioni e consigli, mentre il sito ufficiale del turismo maltese in italiano è Visit Malta.

Cosa visitare a Gozo - 5.0 out of 5 based on 2 votes
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it
Altro in questa categoria: Cosa visitare a Malta »

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×