Consonno: alla città fantasma in bicicletta

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sparse per l'Italia esistono città fantasma che neanche immaginiamo, paesi abbandonati nel dimenticatoio degli anni e degli agenti atmosferici, lasciate alla mercè di vandalismi e declino. Consonno è uno di questi luoghi fuori dal tempo senza più padroni ne abitanti. Dalla sua collina i paesaggi dell'alta Brianza si mostrano a 360° e, nelle giornate più limpide, la vista può spaziare per svariati chilometri. Il cicloturismo è una pratica diffusa in questa area collinare della Lombardia e così... ci siamo buttati anche noi!

Mappa

 
 
Le verdi colline dell'Alta Brianza sono un'ampia area punteggiata da laghi che iniziano nella provincia di Lecco e proseguono fino alle prime vette delle Prealpi Lombarde. Pedalando sulle strade o sui sentieri dei parchi naturali si incontrano numerosi bikers affascinati dai luoghi che attraversano e dalla varietà di itinerari per tutte le gambe! Partendo dal paese di Olginate abbiamo deciso di visitare l'ormai città fantasma di Consonno salendo dalla ripida strada che la collega ad Olginate. Con una pendenza media del 10,1%, la salita conduce alla città fantasma di Consonno in quasi 5 km di duri strappi e fatica! I primi due chilometri presentano le pendenze più impegnative sfiorando il 15/16% su manto asfaltato in condizioni non ottimali (quando l'abbiamo percorsa noi!!!). La seconda parte della salita è sterrata ma più pedalabile. Se la giornata lo permette fermatevi lungo la salita a scattare qualche fotografia anche se, questa mossa azzardata, potrebbe farvi perdere il ritmo! La città fantasma di Consonno è davvero impressionante: trovandosi di fronte al vecchio paese dei balocchi, devastato da rave e dagli anni, ci si sente a disagio! Un'impinente moschea cattura subito l'attenzione insieme ad un suggestivo ma trascurato tempio cinese mai terminato. Gli spazi sono ampi ma tristemente in rovina: vetrate rotte, porte sbarrate, macerie, rifiuti, cornacchie... l'atmosfera è quella di un film horror!
Per la discesa abbiamo pensato di cambiare strada e puntare verso Villa Vergano. Le pendenze sono più dolci ed i panorami sul lago di Annone, su quello di Pusiano e sul lago di Alserio, sulle Prealpi Lombarde con il Monte Resegone in prima fila e sui paesini della provincia di Lecco ripagano di ogni fatica! Dal centro della località, imbocchiamo la strada provinciale 58 per un breve tratto in direzione di Bartesate e Mozzana. Prima di raggiungere quest'ultima svoltiamo verso Galbiate, 371 metri sopra il livello del mare a ridosso del Parco del Monte Barro. Il nostro itinerario continua verso Prepaldo e Garlate zigzagando fra i boschi e la natura dell'Alta Brianza. Attraverso vie secondarie e strade poco trafficate giungiamo in breve al punto di partenza di Olginate. L'itinerario che attraversa questa parte dell'Alta Brianza è di piacevole percorrenza e l'unica vera difficoltà che mette alla prova gambe e perseveranza è proprio la salita a Consonno, primo ed unico ostacolo del giro cicloturistico.
Vi consiglio di percorrere l'itinerario verso Consonno in primavera o a fine estate quando le temperature sono più miti e la fioritura della Natura è nel suo splendore! Presto sarà disponibile anche la traccia gps del percorso! Buone pedalate!
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Rick 2014-10-29 11:06
Eh sì è proprio una bella scarpinata salire! Mi sono fatto le gambe lì da bambino in bici :)
A giudicare dalle foto mi sa che siete andati prima dell'ultimo devastante attacco vandalico, giusto? Beh se è così ora Consonno è messa tanto peggio ma la strata è messa meglio! Qui ci sono un po' di foto recenti di Consonno ("http://www.travellikealocal.org/it/italia/lecco- e-dintorni/consonno-paese-dei-balocchi-citta-fanta sma/")...cercate le differenze! :)
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×