Con il VTTE verso il West | 4° tappa sosta da pellegrino

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sono dell’idea di arrivare fino a Ivrea, ma non ho ancora chiamato per il posto in cui passare la notte. Se fossi furbo pianificherei con largo anticipo tutte le tappe e chiamerei per chiedere se c’è posto, per prenotare ecc, ma lo faccio raramente. Un po’ perché non so fin dove posso arrivare, un po’ perché mi affido alla provvidenza o alla fortuna, un po’ perché in questo periodo non c’è molta gente in cammino. Ho superato Cavaglià, comincio ad avere la sensazione che ci sia qualche problema alla bici, la sensazione  che le ruote siano frenate, ma il timore è un altro.
So bene che le ruote sono in ordine e nulla le frena, il problema è davvero un altro, un problema ben chiaro.

Un problema chiamato Salita

 
Chiaro e semplice, ha un nome ben noto, si chiama “Salita”! Eggià, qui GOAT e VTTE hanno elementi in comune, condividono lo stesso ideale: non andare in salita! In questi casi non ci sono molte alternative, si va avanti camminando. Stavolta però la salita non è molta e posso pedalare quasi facilmente, anche se il timore è di sforzare troppo. Non vorrei chiedere troppo alla bici, mi è già successo una volta di spezzare un telaio di una bici e in questa situazione non sarebbe molto comodo, potrei correre addirittura il rischio di non proseguire il viaggio!
Anche catena, pedali, forcelle… Mi è anche già capitato di vedere una ragazza davanti a me che decollava perché le si era spezzata la forcella davanti. Meglio non chiedere troppo. Cosa direbbe la gente se mi vedesse in giro con i pezzi di telaio a tracolla? Passo da Roppolo a salutare Sabrina e Alberto del Movimento lento e di Itineraria. Con loro ho già fatto il viaggio con la GOAT verso la conferenza internazionale sulla decrescita, un cammino in Liguria, il cammino di Oropa, la “Ciclovia dei tre fiumi” in Lombardia e altro ancora. Sono lì solo per salutare, ma visto che Alberto mi offre ospitalità io accetto ben volentieri, quando si è in viaggio una notte a scrocco si accetta con piacere. Così mi fermo a Roppolo invece di andare fino a Ivrea, in ogni caso non sarei andato oltre Ivrea. In altre condizioni sarei andato fino al San Bernardo alla casa “Don Angelo Carioni”, con i concittadini che s’incontrano là proprio questo fine settimana. Prima o poi, a piedi o in bici, provo ad arrivarci. Questa era una buona occasione visto che c’è la festa della casa, ma il mezzo non me lo consente. Purtroppo il segnale è scarso e non riesco a connettermi bene a Internet. Provo a connettermi con due compagnie telefoniche, ma il segnale è scarso, la sola che da un servizio valido è di cui non ho la chiavetta per connettermi. La compagnia telefonica che in quel momento da servizio decente è quella che da servizio via rete tradizionale telefonica che nel pomeriggio si è guastata… Mi connetterò domani…
Il viaggio in bici di Girumin continua... ma se non avete letto le scorse tappe, fate un salto indietro alla terza!!!
Per maggiore chiarezza nella lettura del testo, qui di seguito la "traduzione" dei due mezzi di trasporto usati in vari viaggi da Girumin: VTTE ossia Velocipede Tradizionale Tipico Essenziale e GOAT ossia Graziella Operativa Alternativa Tattica!
Girumin

La mia voglia di camminare parte dall’esigenza di vivere il rapporto con la natura. Ho avuto la fortuna di camminare su lunghi percorsi e di viaggiare in diversi paesi, anche meno conosciuti dal turismo tradizionale e ho vissuto alcune esperienze internazionali.
Sono forse stato inesorabilmente spinto dall’istinto naturale che porta a muoversi, a esplorare e a conoscere. Attratto dal bisogno di esserci in prima persona, di arrivare da qualche parte con le mie gambe. Qualche volta ho cercato di giocare con idee meno consuete e magari non sempre garantite.
Penso che il viaggio non sia solo andare lontano geograficamente, ma sia l’occasione per provare ad affrontare le cose in maniera diversa. Spesso per trovare il nuovo basta guardare le cose da un altro punto di vista.

Apprezzo la tecnologia più recente, ma anche le tecniche tradizionali e credo più nella voglia di fare che nella strumentazione più sofisticata.

Partendo da questa idea mi piace preparare un viaggio anche con le mani, per i lunghi cammini ho realizzato dei carrelli per portare il bagaglio e ho fatto qualche giretto con una Graziella e un carrello, ho poi sistemato una vecchia bici da uomo e ho costruito un altro carrello. Cerco idee nuove, ma esploro tecniche del passato come i bastoni di legno.

Nel corso del tempo ho raccolto molti appunti su equipaggiamento, abbigliamento, abitudini, tecniche ed esperienze varie che ho inserito in un libro scritto per la casa editrice “Terre di mezzo”.

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Anna Maria 2013-09-18 11:42
Ciao!
Sono Anna Maria e ho letto adesso il racconto del tuo giro. Bello!
Ho visto che sei passato da Roppolo alla casa del Movimento Lento di Alberto.
Non ho capito bene le date ma ho capito che passi da Ivrea.
Sono un po' in ritardo ma ... potrei ospitarti da me nel B&B Verde Musica a Borgofranco d'Ivrea, appena oltre Ivrea, verso nord.
Anche questa sera, se occorre...
Troppo tardi?
Anna Maria
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 claudio.m. 2013-09-18 12:58
:D per risolvere il problema della salita??
facile...scegli tutte le strade in discesa :-* :-*
scherzi a parte una domanda seria, non ho ancora capito qual'è la tua destinazione, ( sempre che tu ne abbia stabilita una)) ne avrai sicuramente parlato ma " crapa dura" non l'ho capita
buona salita ;-) Claudio
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Girumin 2013-09-18 19:44
Il viaggio da collaudatore di VTTE prevede diversi percorsi, volete sapere dove sto andando?
Non so se posso dirvelo, finché non lo so neppure io...
Sono passato da Rivoli e sono tornato per una sosta tecnica ai box a Lodi per migliorare l'assetto del carrello.
Ora sono sulla Via degli Abati e vado verso Bobbio, in Val Trebbia.
Non so ancora con precisione dove riesco ad arrivare, ma tutto finirà sabato al massimo.
Dove sono ora la connessione è scarsa, ma spero di riuscire a pubblicare il racconto degli ultimi due giorni.
Giancarlo
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Lago d'Iseo in due

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×