Come nasce l'amore per il cicloturismo | La storia di Miriam e Mirko

Pubblicato in Viaggiatori
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
C'è stato un tempo in cui la sera dopo il lavoro io, Miriam, e mio marito Mirko, andavamo in bicicletta con lo scopo di allenarci: un giorno ripetute, un altro salita e un altro ancora pianura a tutta. Ci sono state domeniche mattina di gennaio che, bardati come se dovessimo scalare l'Everest, siamo usciti in gruppo per 'fare chilometri' e preparare il fondo per la nuova stagione agonistica. Poi in primavera e d'estate partecipavamo a Granfondo, gare a cronometro, in circuito e quando andava bene conquistavamo qualche bel risultato. Non lo nego, in quel momento dentro di noi c'era una certa soddisfazione, tuttavia col passare degli anni e il presentarsi di certe situazioni in cui la vita sembra proprio volerti mettere alla prova, ci siamo accorti che stavamo perdendo il semplice piacere di salire in sella alla nostra due ruote e gironzolare senza meta, senza tempo, senza obblighi d'allenamento ma solo per la voglia di volerlo fare.
Così, quando quest'anno abbiamo tolto le ragnatele dal telaio, già a giugno inoltrato dopo più di un anno di completa inattività, abbiamo scoperto il desiderio di ripercorrere qualche passo alpino non troppo lontano da casa, senza stress o aspettativa, solo con l'obiettivo di trascorrere insieme una bella giornata.
Ci siamo ritrovati a scalare il Passo San Marco dove abbiamo conosciuto nuovi amici cicloamatori con i quali manteniamo i contatti grazie a facebook. Nelle poche giornate serene di questa bizzarra estate abbiamo domato per due volte consecutive il passo Bernina accompagnati dal lento e colorato avanzare del trenino rosso e incitati dai bambini che salutavano dai finestrini; ci siamo inoltrati nella lunga e selvaggia Val Bregaglia fino al Passo Maloja incontrando dei biker (motociclisti) gentili che si sono persino offerti di aiutarci sugli ultimi micidiali tornanti; ci siamo emozionati sul Col d'Izoard vedendo passare la carovana del Tour de France con il nostro Nibali in maglia gialla e ancor prima contemplando le centinaia di bandiere di diverse nazionalità, i camper e le migliaia di persone che per qualche ora hanno animato, colorato, rallegrato il normale silenzio e isolamento della montagna.
Infine abbiamo percorso 130 chilometri meravigliosi sospesi tra la Svizzera, l'Austria e l'Italia in un paesaggio alpino da cartolina dove i villaggi in stile hobbit, i castelli, le abbazie comparivano tra folte pinete e distese di prati verdeggianti e un solitario campanile emergeva dalle acque limpide di un lago indimenticabile.
Ecco com'è cambiato il nostro modo di andare in bicicletta. Ora apprezziamo e contempliamo i paesaggi che attraversiamo, ci spostiamo senza fretta, concepiamo la due ruote come un vero e proprio mezzo di trasporto in grado di regalarci una forma di turismo lento (che fa bene a noi), ecosostenibile (che fa bene anche all'ambiente), capace di far conoscere e unire persone le cui strade, altrimenti, non si sarebbero mai incrociate.
Quasi dimenticavo...la nostra splendida avventura, d'amore e in bici, è iniziata così...
http:// amareviaggiarescrivere.blogspot.it/2013/01/inizia-lavventura-da-qui-inizia-il.html
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko ...
Miriam e Mirko

Miriam e Mirko, oltre ad essere marito e moglie, hanno in comune la passione per le due ruote. Dopo un passato da agonisti, hanno riscoperto nel 2014 il piacere di andare in bicicletta con lentezza scalando alcuni passi, con la sola voglia di trascorrere una giornata insieme senza stress e senza fretta. Hanno scalato il passo San Marco, il Bernina e girovagato tra Austria, Svizzera e Italia con il solo scopo di gustare i paesaggi che attraversavano... così è nato il loro amore per il turismo in bicicletta: chissà dove lì porterà la prossima volta?!?
Sito web: amareviaggiarescrivere.blogspot.it/

Profili social

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Simona Lunardi 2014-11-24 10:26
Carissimi Miriam e Mirko, oltre alla passione per la bici avete anche il nome un pò in comune, comincia uguale (almeno le prime 3 sillabe)...complimenti perchè la bici è uno sport bellissimo e salutare. La natura è l'amica della bici. La zona di s. vigilio di marebbe la consiglio a tutti per fare questo sport. Ciao Simona
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Newsletter

Ricevi aggiornamenti gratuiti su articoli, guide, itinerari ed altro per restare quotidianamente... in viaggio, iscriviti alla nostra newsletter

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Resta aggiornato
 

×