Come creare una mappa personalizzata con Google Maps

Pubblicato in Ruote grasse
Vota questo articolo
(0 Voti)
Mi diverto spesso a creare itinerari e studiare nuovi percorsi per futuri viaggi in bici e nonostante io non creda che Google Maps sia lo strumento più professionale, la sua intuitività e le sue potenzialità lo rendono uno dei programmi più utilizzati per realizzare mappe online. In questo articolo vedremo quindi passo passo come creare una mappa con Google My Maps per poi poterla condividere, scaricare o semplicemente per salvarla nel proprio Drive ed analizzare un possibile itinerario di viaggio.
Ho realizzato anche una video-guida per creare itinerari con google maps in cui trovi un po' più di suggerimenti rispetto a quelli presenti qui. Scorri in fondo all'articolo per vedere il video e lascia i tuoi commenti qui o sul canale Youtube se hai dubbi, domande o suggerimenti utili.
La seguente guida è valida per chi utilizza Google Maps su un dispositivo desktop mentre per seguire la procedura (comunque più macchinosa), si dovrà installare l'applicazione My Maps per android oppure accedere a google my maps da browser web su dispositivi IOS o Windows.
Per prima cosa sarà necessario accedere a Google Maps, anzi... se non lo hai ancora, dovrai creare un account Google. Se hai uno smartphone android comunque hai anche un account google quindi ti basterà recuperare i dati di quello.
Dicevo, la prima cosa da fare dopo aver effettuato l'accesso al proprio account google è quella di accedere a Google Maps. La schermata iniziale mostra una mappa con una barra di ricerca in alto a sinistra e poco altro.schermata iniziale google maps

Creare la mappa personalizzata

Per iniziare a creare la tua mappa personalizzata, dovrai cliccare sull'icona del menù in alto a sinistra
icona menu
Tra le varie voci di menù, quella che ti interessa è "I tuoi Luoghi"tuoi luoghi
 A questo punto avrai a disposizione quattro voci: i luoghi etichettati sono quelli a cui tu stesso hai assegnato un nome in Google Maps (personalmente ad esempio ho etichettato Casa e Lavoro). I luoghi salvati sono quelli che possiedono già un riferimento in Google Maps e di cui vuoi tenere traccia. I luoghi visitati contengono la cronologia dei luoghi in cui sei stato di recente (logicamente se hai uno smartphone su cui, mentre sei in giro, hai attivato la posizione e i dati). Infine la voce che ti interessa: "Mappe"menu mappeSelezionando la voce Mappe appariranno tutte le mappe da te create. Logicamente se non hai ancora utilizzato questa funzione non avrai alcuna mappa presente ma troverai in fondo al menù il pulsante "Crea Mappa" crea mappa
 
Ti si aprirà una nuova finestra del browser in cui la mappa è già creata e compariranno in alto a sinistra le caratteristiche della mappa con i vari livelli ed il menù a icone per la creazione di elementi sulla mappa stessa  mappa senza titolo

Caratteristiche della mappa e livelli

Vediamo innanzitutto la finestra dei livelli.finestra livelli
In alto si trova il nome della mappa stessa (inizialmente Mappa Senza Titolo). Lo potrai modificare (ed inserire una breve descrizione della mappa) semplicemente cliccandoci sopra. Ah, non servirà salvare manualmente la mappa: tutte le modifiche vengono salvate in automatico in My Maps e potrai accedere alle tue mappe ogni volta che lo desideri dall'URL https://www.google.com/mymaps.
Appena sotto il titolo della mappa ho tre opzioni: Aggiungi un livello ti permette di inserire un ulteriore layer alla mappa, ad esempio separando i livelli relativi ai punti d'ìnteresse rispetto a quello del percorso. In questo caso, più complesse sono le mappe e più livelli sono necessari per tenere "pulita" la tua creazione. Nel nostro caso specifico, per creare una mappa di un itinerario di cicloviaggio credo sia più che sufficiente suddividere i livelli tra percorso e punti d'interesse. Un'ulteriore suddivisione potrebbe ad esempio considerare un singolo livello per ogni categoria di waypoint: ristoranti, alberghi, punti d'interesse turistico, negozi di bici...
Il secondo pulsante sotto il titolo è Condividi che ti permette di ottenere un link della tua mappa per la condivisione, ma vedremo questa funzione nello specifico al termine dell'articolo. Infine il terzo pulsante Anteprima non ha molte necessità di spiegazioni: cliccandoci sopra si aprirà una nuova finestra in cui apparirà la mappa così come verrà vista da tutti quando e se deciderai di condividerla.
Sotto ai tre pulsanti appena elencati, nel momento in cui viene creata la mappa, in automatico viene inserito anche un primo livello (Livello senza titolo) a cui si potrà cambiare nome come con la mappa. Appena sotto al titolo del livello si nota un pulsante Importa: questo pulsante ti permette di inserire all'interno della tua mappa dei file contenenti dati GPS, ad esempio file GPX contenenti tracce che hai realizzato sul campo tramite un dispositivo GPS (o che hai scaricato dall'area download di life in travel o da qualsiasi altro sito di condivisione delle tracce GPS) oppure file KML creati con google earth e ancora altri formati come il CSV o XLSX. In questo articolo voglio mostrarti come creare una mappa su Google Maps manualmente e quindi non terremo in considerazione questa opzione che è comunque spesso molto comoda.
Terminiamo di analizzare la finestra che elenca le caratteristiche della mappa con l'ultimo pulsante in basso Mappa Base. Premendo la freccetta verso il basso presente a sinistra ti si aprirà un menù a tendina con l'anteprima delle varie mappe di base disponibili.
mappa base
Ci sono le classiche Mappa, Satellite, Rilievo ma anche altre visualizzazioni alternative che ti lascio scoprire da solo. Io in generale utilizzo lo stile Mappa o Rilievo.

Creare un percorso

Ora che hai visto le prime impostazioni della tua mappa, puoi passare a creare il tuo itinerario. Per iniziare a tracciare una linea dovrai sfruttare il menù a icone presente appena sotto la casella di ricerca.menu icone
 
Le icone sono abbastanza intuitive comunque vediamone le funzioni. Le due frecce iniziali servono per annullare o ripristinare un'azione appena compiuta. La mano per spostarsi sulla mappa trascinandola. Il marker per inserire degli indicatori/punti d'interesse, il triangolino con i puntini (non riesco a definirlo meglio) per inserire una linea/percorso o una forma, la freccia storta per aggiungere indicazioni ed infine il righello per misurare distanze o aree. 
I due principali pulsanti che ti serviranno per creare il tuo percorso saranno quello degli indicatori e quello delle linee.
In generale io preferisco prima partire tracciando il mio itinerario per poi inserire i punti d'interesse ma nulla ti vieta di procedere al contrario.aggiungi lineaSelezionando l'icona di aggiunta percorso avrò quattro opzioni ma in realtà le due da tenere in considerazione per tracciare un itinerario cicloturistico secondo me sono: Aggiungi percorso per auto o Aggiungi percorso per pedoni. Ti starai chiedendo perché ho escluso Aggiungi percorso per bici: in Italia allo stato attuale i dati a disposizione di Google sui percorsi ciclabili sono davvero pochi e quindi spesso e volentieri il tentativo di elaborare un percorso tra due punti si conclude con un mesto "Impossibile trovare un percorso". Elaborare un percorso per pedoni da seguire in bici potrebbe essere rischioso perché ci si potrebbe trovare a dover affrontare un tratto di sentiero mentre elaborare un percorso per auto può portare all'inconveniente di dover affrontare strade molto trafficate o autostrade. Per questo è importante studiare il proprio percorso bene, senza fidarsi troppo degli itinerari suggeriti da Google al primo tentativo.
In ogni caso, appena avrai selezionato una delle voci a disposizione, verrà aggiunto un livello alla tua mappa e potrai scegliere il punto di partenza ed il punto di arrivo del tuo itinerario, lasciando a Google una prima elaborazione automatica.percorso google mapsCome vedi nell'immagine qui sopra, sotto al titolo del livello puoi impostare anche in una fase successiva quale tipologia di percorso elaborare (auto, bici, piedi). Una volta impostati il punto di partenza e di arrivo, avrai creato il tuo itinerario. A questo punto dovrai effettuare un controllo accurato sulle strade proposte e valutare se l'itinerario è di tuo gradimento o meno. Se vuoi modificare il percorso potrai inserire delle mete intermedie con il pulsante Aggiungi destinazione, trascinandole poi nel punto corretto tra le varie località. Ripeti questa operazione finché non sarai soddisfatto del risultato.
A questo punto potrai procedere con l'inserimento dei punti d'interesse. 
punto d interesse
Puoi selezionare il livello iniziale creato in automatico con la mappa oppure crearne uno nuovo ed in questo inserire i tuoi Indicatori con il pulsante precedentemente indicato. Per ogni punto d'interesse potrai selezionare uno stile e assegnare un'etichetta. Quando avrai concluso l'inserimento degli indicatori la tua mappa sarà pronta e potrai utilizzarla in vari modi

Condividere la mappa

 Una volta che avrai concluso la creazione del tuo itinerario in Google Maps, la mappa sarà in automatico conservata come privata. Per condividerla dovrai modificarne l'accesso rendendola pubblica. Per farlo ti basterà cliccare sul tasto Condividi e ti si presenterà questa finestra
condividi
In questa finestra come vedi avrai il link da condividere per accedere alla mappa, la possibilità di condividere tramite Gmail oppure tramite i social e le impostazioni di accesso. Per rendere la mappa pubblica dovrai cliccare su Modifica al fianco di "Privato - Solo tu puoi accedere".condivisione linkA questo punto dovrai decidere, in base all'utilizzo che ne vorrai fare, quale livello di accesso assegnare alla mappa. Se vorrai pubblicare la mappa sul web dovrai assegnare l'accesso pubblico altrimenti, per condividerla solo con i tuoi amici, potrai selezionare la seconda voce "Chiunque abbia il link". Oltre a condividere il link potrai anche scaricare la mappa in formato KML oppure ottenere il codice per inserire la mappa sul tuo articolo tramite un "iframe". Ti basterà cliccare sui tre puntini a destra del titolo della mappaincorpora mappaTra le varie voci presenti quelle che ti interessano in questo caso sono la terzultima e la penultima: "Incorpora sul mio sito" per ottenere il codice da inserire nel tuo blog o nel tuo sito oppure "Esporta in KML" per ottenere un file da salvare sul tuo PC e visualizzare in Google Earth o in altri software cartografici.
Qui sotto trovi il video che segue passo passo la creazione di un percorso in Google Maps. Come già detto, se hai dubbi, domande o suggerimenti utili non esitare a commentare qui o sotto al video sul nostro canale Youtube e buona pianificazione!
Come creare un itinerario in Google Maps lifeintravel.it
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 

Foto del mese

Nella luce del mattino | Pedalando nel Mae Moei national park in Thailandia

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
×
Ti potrebbe interessare